:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
📅 Il Giorno della Memoria #GiornoMemoria
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1047 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jan 22 22:22:23 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nicotina

di Francesco La Rocca
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/02/2012 11:45:34

Si può essere decisi per cose davvero importanti e invece per altre davvero futili cambiare mille volte idea?
Certe persone dovrebbero stare da sole, certo non per sempre, ma quanto meno prendersi un periodo sabbatico nei confronti di se stessi e della società.
Quelli come me invece, dovrebbero prendere un periodo di pausa da questi soggetti qua. Eternamente indecisi se andare a bere un caffè al bar di Mario o al bar di Gino. Cosa vuoi che glie ne freghi alla gente dove cazzo andrai. Perché violenti il tuo cervello con queste banalità, ma soprattutto perché molesti le persone come me con le tue oscene perplessità su cosa è meglio di cosa.
Prendi il tuo tempo, i tuoi dubbi, le tue insicurezze e scappa lontano dalla mia vista, perché molte volte il mio buon senso e la mia bontà non sempre riescono a mandare quelli come te a fare in culo. Fallo tu per me amico mio. Lo prenderò come un vero atto d'amore fraterno.




I suoi passi, la sua voce, le sue battute, le sue risa echeggiarono come suoni nella mia mente per lunghi giorni. Anche l'ultima foglia era caduta.
Da tempo ormai vivevo di me stesso, un'esperienza nuova nella mia vita. Strano pensare come in tutti questi anni non ero mai stato con me. Certo qualche volta era capitato, ma sempre per poco tempo, sfuggenti e intangibili momenti in giornate frenetiche ed impegnate.
Per la prima volta mi ascoltavo. Ascoltavo la mia mente, il mio corpo. Bisogna ammettere che all'inizio è stato traumatico. Tutto il mio essere mi urlava contro la repressione subita per tutto quel tempo. La sua protesta sfociava sotto ogni forma di ipocondria, esuberanza, estro e follia. Un mix pericoloso e difficile da gestire. Bisognava far riemergere quella persona che da tempo era soffocata sotto una coltre di compromessi e false figure rassicuranti. Quasi come recuperare un rapporto con un padre che da sempre era stato come un fantasma. Facile immaginare le difficoltà.
Da quando si è in tenera età è la madre ad occuparsi di noi, facendoci comprendere il mondo. Ciò che è cattivo e ciò che è buono, se questo si può fare e quell'altro no. Poi si inizia a scoprirsi, a conoscersi. Fino a quel giorno. Il giorno in cui passiamo dalla figura della mamma a quella di una donna. Passiamo da una dipendenza all'altra. La donna è come nicotina e la nicotina è donna. Brami nell'averla, un attimo dopo ne sei nauseato, ma poco dopo bramerai ancora per riaverla. L'amore è la più alta forma di tossicodipendenza. Se tu scegli di essere un tossico allora di certo ti innamorerai. Ma come ogni dipendenza che si rispetti si può guarire. Anche per l'amore in tal senso valgono le stesse regole; più a lungo ne starai lontano più il tuo cuore come roccia diventerà solido, duro ed indipendente. Solo quando si avrà piena coscienza di se stessi si può tornare ad essere dipendenti ancora una volta. C'è gente che non sopporta le crisi d'astinenza e si innamora ripetutamente annullando la propria persona, interrompendo quel naturale processo della conoscenza di se.
Per poter vivere bene occorre raggiungersi, così da poter trovare il giusto veleno che il nostro organismo è in grado di sopportare.





A - Ok si. Ma dopo?
B - Dopo cosa?
A - Dopo aver preso coscienza di te stesso, dopo aver capito chi sei?
B - Beh dopo ha veramente inizio la tua vita.
A - Perché prima non era vita?
B - Era la fase di preparazione al tuo destino.
A - Interessante......e adesso mi vuoi dire che conosci il tuo destino?
B - Certo.
A - Quindi prevedi ogni tua mossa, anche il futuro?
B - No, il futuro è adesso, il destino è ogni tuo pensiero legato ad ogni singolo gesto, con la differenza che stavolta ne sei
consapevole.
A - Una gran bella differenza...!
B - Ci puoi giurare. La cosa fantastica è che la noti in qualsiasi momento, in qualsiasi cosa, anche la più piccola.
A - Tutto qua dunque?
B -Ti sembra poco?
A - .....Beh.....
B - Non è poco. Io per esempio posso fare a meno di te, mentre tu non puoi fare a meno della gente come te, altrimenti vai
in panico, in depressione. Quando ti scrollerai di dosso questa rete di convinzioni e dipendenze delle quali sei
prigioniero allora potrai comprendere.
A -...Non so....forse.....




Esce dal locale con un cappuccio nero in testa, quasi come un boia che pone fine alla nostra discussione. Con un grave tono di voce annuncia che stanno per chiudere. Ci alziamo dal tavolo, io afferro il mio bicchiere di amaro che non è ancora finito e lo saluto, sapendo di non rivederlo mai più.
Nel cammino verso casa mi accendo una sigaretta e ad un tratto penso che ancora rimane qualcosa da eliminare, ma non riesco a capire bene cos'è. Domani magari. Domani me ne ricorderò.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco La Rocca, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesco La Rocca, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il Traffico Umano (Pubblicato il 25/01/2012 21:01:43 - visite: 1013) »

:: Morire per la vita (Pubblicato il 13/01/2012 03:14:09 - visite: 1068) »

:: 28 Ventotto (Pubblicato il 27/10/2011 20:19:15 - visite: 1007) »