Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 923 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 11 01:33:06 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Gianmario Lucini

di Salvatore Violante
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/10/2014 20:03:52

 

L’ho conosciuto grazie a Domenico Cipriano. Gliene sarò grato in eterno. Gianmario è poi venuto a casa mia e la sua trasparente purezza ha colpito anche la mia Martine. Fu in occasione della presentazione de “La meccanica delle pietre nere” all’Università di Napoli. Era giunto da Sondrio in treno espresso: aveva viaggiato tutta la notte e la mattinata. A casa ebbe appena il tempo di pranzare con noi e riposare su di una sdraio per  un’oretta.  Rifiutò il letto perché – non si sarebbe più svegliato – mi disse.  Anche quando venne per  “L’impoetico mafioso” dovetti costringerlo all’albergo. Una bellissima persona Gianmario, davvero pulita ed esemplare.  Aveva una fede incredibile nella parola: una sorta di malta malleabile ed utile in grado di modificare strutture e convivenze, di riconvertire il mondo alla ragionevolezza dello spirito al bello, al buono ed al giusto. Più poeta di così?

Sempre in prima linea, aveva pianto come un vitello per la diciottenne iraniana impiccata da una giustizia violenta e becera.  Avevo cercato di consolarlo mostrandogli la serenità della ragazza che vinceva opponendo alla violenza ottusa in cerca di martirio, la generosità di uno spirito proteso alla vita ed alla luce grazie al dono dei suoi occhi. L’avevo chiamato per un lavoro ormai al traguardo. Gli avevo inviato le ultime correzioni alle bozze di un libro di cui eravamo entusiasti in tre: io. Gianmario e Benoît  Conort.

Si trattava della mia  traduzione di “Pour une île à venir” di Conort edito da Gallimard nel 1988 che doveva uscire a novembre con testo originale e traduzione a fronte e che doveva essere presentato in anteprima all’università orientale di Napoli.

Mi è morto poco dopo: la sua compagna mi ha parlato di un malore. È davvero difficile per un poeta come Lucini evitare la sequela di malori che un mondo siffatto offre gratis.

Io sono incazzato nero con il Padre eterno. Spero che almeno, gli abbia riservato un posto in prima fila, perché possa mirare bene lo spettacolo pietoso degli animaletti miserabili che abitano questo postmoderno mondo che giocano all’onnipotenza e si massacrano per una miserabile sete di avere: l’homo sapiens.

 

                                                                 Terzigno il 29 ottobre 2014

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Violante, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.