:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 873 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 17 14:22:37 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Considerazioni su Terminator Genisys

Argomento: Cinema

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/07/2015 19:43:04

Per l’occasione ho voluto rivedere i quattro film della saga, analizzare a caldo i paradossi temporali e valutare la collocazione di questo nuovo Terminator all’interno della saga.

Sono passati trentuno anni da quando James Cameron, nel 1984, creò l’universo di Terminator con il primo film del franchise. Nonostante  l’enorme successo e la conferma del film a cult indiscusso, negli anni a seguire la saga non è mai riuscita a riottenere il clamore dell’originale, perdendone sempre più in un climax discendente  di seguiti dal dubbio gusto di critica e  pubblico.

Terminator  Genysis  si ripropone come secondo rilancio del franchise (dopo l’odiato Salvation)  , con il suo tentativo di accattivarsi ,in modo piacione ed essenziale , i fan di vecchia data. L’effetto nostalgico, però , non riesce ad elevare Genysis a degno erede dei primi film Cameroniani che vede una cristallizzazione  dei primi fasti della serie.

Questi richiami  - talvolta maniacali nel ricostruire le inquadrature  dei film di Cameron – sono uno spunto positivo ; rilettura contemporanea  di quelle  immagini che sono diventate storiche  per  il franchise. Spunti, però , che non germogliano in  uno sviluppo avvincente, né tantomeno in scelte narrative  minimamente colte da coerenza.

Volendo soprassedere  ai consueti paradossi temporali che da sempre  convergono con il fascino delle  vicende  del futuro e del presente,  non si possono denotare  questi spostamenti nel tempo che giungono al punto di disorientare lo spettatore.  Nei primi venti minuti  la trama riprende i fatti del futuro di John Connor (Jason Clarke), della guerra delle macchine ormai giunta  al termine, e di come queste ultime per assicurarsi la sopravvivenza mandino indietro nel tempo un Terminator per  evitare la nascita del leader della resistenza  , con il consueto e analogo invio nel passato di Kyle Reese (Jai Courtney) ; il primo episodio viene dunque “utilizzato” come  punto di partenza per  Genisys  per  costruire un nuovo  continuum-spazio (anche se nessuno sa come e perché).

Il 1984 costruito da Alan Taylor vede una Sarah Connor  (Emilia Clarke) già pronta e armata fino ai denti, sostenuta da un T-800 (Arnold Schwarzenegger)  mandato indietro nel 1973 per difenderla da un altro Terminator. Kyle Reese  si ritrova in una situazione estranea, confusa, che riscrive l’intera saga cancellando virtualmente i contenuti degli ultimi tre film. Un vero e proprio retcon. La storia viene nuovamente mutata quando Kyle e Sarah vengono inviati nel 2017 , per evitare il giorno del giudizio “alternativo” , ad opera di Genysis , nome in codice di Skynet.

Ricordi di un passato mai vissuto (da parte di Kyle)  ; la trasmutazione di John Connor (avvenuta in modo misterioso e senza alcun senso temporale)  ; i personaggi ombrosi (che si suppone verranno rivelati nei sequel) che spediscono il T-800 nel 1973 : molti sono gli elementi  che vengono amalgamati e dati per scontati ma per nulla spiegati, come elementi superflui al corretto svolgimento della narrazione. In definitiva il film di Taylor  rimane completamente  irrisolto : un’orchestrazione  degna  per una colonna portante mancante dell’intero film.

Quel che colpisce è la perdita di tragicità che aveva accompagnato gli altri capitoli, non si percepisce quella disperazione  dei primi film – in particolare del secondo- che accompagnavano magistralmente lo spettatore in una sensazione di perenne tensione ; in questo film tutto questo è messo da parte a scapito di un’eccessiva e forzata autoreferenzialità e citazionismo che sfiora la parodia, condito da gag comiche di dubbio gusto.

Anche il cast viene percepito come mal-assortimento , su cui in primis colpisce la nuova Sarah Connor. La Clarke si presenta come ragazza  troppo formosa , complice di battute e sketch che non hanno nulla a che vedere con il saldo e rude personaggio creato da Linda Hamilton ne “Il giorno del giudizio” del 1991.
Jason Clarke nel ruolo di John Connor  spicca assolutamente tra i più credibili , rispetto a quelli proposti fin’ora  nei vari film anche se ,tuttavia , non lascia una traccia gloriosa nella determinazione del personaggio, (SPOILER) -  complice anche la sciagurata scelta narrativa di tramutare il tanto acclamato messia in macchina a servizio delle macchine.

Jai Courtney si presenta come un Kyle Reese un po’ palestrato , quasi come potesse essere lui stesso un T-800, e a parte questo, l’attore esegue il compitino senza particolari sterzate drammatiche   per il personaggio.

Schwarzenegger è uno degli elementi nostalgici, su quale è impossibile giudicare la prova attoriale  che in questo caso trascende vista l’importanza della presenza dell’originario T-800. Il sorriso sforzato, a cui ci abitua durante la visione del film, risalta metaforicamente come coscienza di un capitolo realizzato con molte speranze (quella di fare cassa) tramite il confezionamento di un “normale” film d’azione  ricco di elementi autocitativi .

Non è possibile trovare in Terminator Genisys un capitolo  della saga che rinnovi la  passione dei film di Cameron, né delle innovazioni narrative convincenti, che più che accostare  nuovi fan sembra definitivamente  allontanarli.

Una saga ormai “vecchia ma non obsoleta”!


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] Lo and Behold - Herzog e la sua favola di internet (Pubblicato il 17/06/2017 18:07:06 - visite: 464) »

:: [ Cinema ] Taxi Teheran : il meta-film di protesta di Jafar Panahi (Pubblicato il 22/10/2015 19:34:09 - visite: 688) »

:: [ Cinema ] Sugar Blues : lo zucchero può uccidere, il cinema no (Pubblicato il 22/10/2015 19:16:06 - visite: 610) »

:: [ Cinema ] ’Nessuno Siamo Perfetti’ : la vita di Tiziano Sclavi (Pubblicato il 22/10/2015 19:13:20 - visite: 604) »

:: [ Cinema ] Il documentario tra poesia e impegno storico:Patricio Guzmàn (Pubblicato il 22/10/2015 19:07:00 - visite: 576) »

:: [ Cinema ] Picnic with Weissman - Considerazioni (Pubblicato il 10/03/2015 19:28:42 - visite: 673) »

:: [ Cinema ] Arancia Meccanica - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 21:12:57 - visite: 860) »

:: [ Cinema ] M. Butterfly - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 21:00:36 - visite: 668) »

:: [ Cinema ] Black Swan - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 20:55:08 - visite: 1053) »

:: [ Cinema ] Alice in Wonderland - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 19:37:01 - visite: 597) »