Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Vita nuova

di Kjell Espmark 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/04/2012 19:11:28

 
VITA NUOVA

Cominciare a costruire al settimo piano,
con l'aria sotto, può sollevare dubbi.
La ditta del trasloco dovrà affittare una gru.
... Siamo d'accordo sul fatto che la base è buona.
E non siamo i primi ad aver perso le loro vite.

Vita nuova. Noch einmal.
Si cerca il titolo per una nuova esistenza
che ricorda tutto ma non conserva niente:
Ogni parola è un diario scritto
Ogni parola è cancellata e aspetta una voce.

Il pavimento consumato è nuovo
e sostiene i passi anche se è sospeso.
Le stanze attraversate da rade figure
che chiedono la libertà di espressione.
Che parlino. Possiamo permettercelo.
E' l'ascensore che è un caso da censura.

Una vita completa che incontra una vita completa:
prendiamo il tuo tavolo da cucina sfacciatamente
marrone o il mio bianco grattato?
Prima della lampada c'è pure il suo cono di luce.
Come il tuo sorriso mi aveva previsto.
Come nei tuoi cominciano i miei pensieri.

Ci si poteva aspettare il cigolio
di un camion che la dogana ferma
o forse il rumore del metallo contro il legno
quando il cabotiere aveva fretta al molo.
Ma non queste note di Schubert.
Non queste parole esperte
che aspettano con calma il loro significato.

(contenuta in "L'altra vita" , poesie, ed. del Leone - Venezia)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Michela D. Castellazzo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.