Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 954 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 23 04:47:14 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ti ascolto L’avanzata delle ombre Come allora

di Ninnj Di Stefano Busą
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/08/2012 17:10:44

Ti ascolto

Come una promessa piovuta dal cielo,
che tuttavia sa di amaro,
la dolcezza frappongo ai silenzi di campane,
ai rigogliosi ruscelli d'acque chete
che scendono come lacrime
a solcare i miei occhi.




C'č pesantezza sui rami ricurvi di neve,
che attendono l'avanzate delle ombre.
Cosģ scrivo e lascio che la pupilla si schiari
alla luce dei fanali, all'incognita di terra,
al bozzolo schiuso di farfalla dipinta sulla parete.
Scrivo per difendere la tenebra dalla tormenta,
la pietą dall'empietą che la sovrasta.


Come allora

Tutto come allora, l'ibisco al davanzale
con la luna piena, il corpo aggrumato da lapilli
e cenere, ferite ardenti come vulcani 
che eruttano magma dal sottosuolo e paiono spenti,
ma sono dormienti, i fiumi che scorrono
nelle vallate sanno il lento perire delle cose...

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ninnj Di Stefano Busą, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puņ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pił vai alla pagina personale dell'autore »]

Ninnj Di Stefano Busą, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Un altro inverno (Pubblicato il 18/02/2016 22:26:39 - visite: 692) »

:: L’Inverno (Pubblicato il 17/02/2016 22:53:24 - visite: 581) »

:: Appena un verbo (Pubblicato il 29/10/2014 16:25:37 - visite: 728) »

:: Un varco tra le stelle (Pubblicato il 29/10/2014 16:10:07 - visite: 534) »

:: Ellittiche stelle silloge vincitrice de IL PORTONE (Pubblicato il 05/10/2013 20:41:53 - visite: 1233) »

:: Nuovi profeti (Pubblicato il 30/09/2013 17:55:45 - visite: 907) »

:: Tra fughe e derive (Pubblicato il 31/08/2013 16:32:52 - visite: 894) »

:: Senza titolo (Pubblicato il 17/08/2013 18:38:52 - visite: 1128) »

:: Nel calco (Pubblicato il 26/08/2012 18:10:25 - visite: 953) »

:: La clessidra (Pubblicato il 19/08/2012 12:06:31 - visite: 1248) »