:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1348 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 23 18:40:13 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Al giardino dei compagni di viaggio

di Sohrab Sepehri  

Proposta di Luc Laudja »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 31/10/2012 19:58:23

Chiamami.

Mi è cara la tua voce.

La tua voce è l’essenza verde di quella rara pianta

che cresce in fondo a un’affabile tristezza.

 

Nelle profondità di questo pomeriggio quiete

sono più solo del gusto di una canzone

mormorata nella percezione di un vicolo.

Vieni, ti racconterò quanto è grande la mia solitudine.

E la mia solitudine non aspettava

L’assalto notturno della tua forma.

E questa è l’indole dell’amore.

 

Non c’è nessuno,

vieni, rubiamo insieme la vita, e poi

la dividiamo tra due incontri.

Vieni, proviamo a capire qualcosa dalle forme di una roccia.

Vieni, vediamo presto tutte le cose.

Vedi, lancette zampillanti d’acqua nel quadrante della vasca

trasformano in polvere il tempo.

Vieni e sciogliti come una parola

sulla riga del mio silenzio.

Vieni e fondi nel palmo delle mie mani

il corpo luminoso dell’amore.

 

Riscalda mi.

(una volta nel deserto di Kashan arrivarono le nuvole

prese a piovere forte

e sentii freddo, allora,

al riparo di una roccia

il fuoco di un papavero mi riscaldò.)

 

In queste stradine buie

Io temo il moltiplicarsi del dubbio e dei fiammiferi.

Io temo la superficie in cemento del secolo.

Vieni, e non avrò più paura delle città

dove le gru pascolano per le lande oscure.

 

Spalanca mi come una porta verso il cadere di una pera

in questo tempo di ascesa dell’acciaio.

Addormenta mi sotto un ramo

lontano dal notturno attrito dei metalli.

Se arriva l’esploratore della miniera del chiarore, chiama mi.

E io, mi sveglierò, al sorgere di un gelsomino dietro le tue dita.

Allora

Racconta mi delle bombe cadute, mentre io dormivo.

Racconta mi delle guance bagnate, mentre io dormivo.

Dimmi, quanti gabbiani volarono via dal mare.

E mentre passava il carro armato sul sogno del bambino,

a quale senso di quiete, il canarino,

legava il filo giallo del suo canto.

Dimmi quanta merce innocente arrivò ai porti.

Quale scienza scoprì

il profumo e la musica dolce di polvere da sparo.

Quale percezione, del gusto ignoto del pane,

stillò dal palato messianico.

 

Allora io, come una fede riscaldata al sole "equatoriale"

ti farò sedere al principio di un giardino.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luc Laudja, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luc Laudja, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Nostalgia del presente , di Antonis Fostieris (Pubblicato il 24/11/2012 19:55:44 - visite: 2274) »

:: La favola delle api , di Andrea Raos (Pubblicato il 21/11/2012 22:47:40 - visite: 1459) »

:: Lo spirito libero , di Friedrich Nietzsche tradotto da Gianni Celati (Pubblicato il 14/11/2012 22:20:55 - visite: 1372) »

:: Notte bianca , di Adrienne Rich (Pubblicato il 10/11/2012 19:42:07 - visite: 1435) »

:: Poesia , di Carlos Drummond De Andrade (Pubblicato il 09/11/2012 23:15:20 - visite: 1889) »

:: Promemoria , di Luciano Mazziotta (Pubblicato il 07/11/2012 22:41:01 - visite: 1256) »

:: Oggi è ogni giorno , di Nadia agustoni (Pubblicato il 07/11/2012 22:28:03 - visite: 1312) »

:: Tattica e strategia , di Mario Benedetti (Pubblicato il 02/11/2012 23:48:01 - visite: 1528) »

:: Per Tess , di Raymond Carver (Pubblicato il 02/11/2012 19:34:57 - visite: 2883) »

:: Cos’era , di Mark Strand (Pubblicato il 01/11/2012 19:54:17 - visite: 1416) »