:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

I tetti

di Corrado Govoni (Biografia)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/02/2013 19:47:43

 

 

Dolci pendii dei tetti!

Rosei taluni come dei guanciali

su cui le diafane nubi

abbiano impresse le tenere gote;

altri sanguigni come torchi

di tramonti e d'aurore,

come ceppi per le serali

decapitazioni del sole;

altri nerastri come letti

della funebre notte;

altri madreperlacei come

se la chiocciola della luna

v'abbia lasciata la sua scìa luminosa.

Vecchie vele tignose

conciate dal sole e dall'intemperie,

in secca in un canale senza uscita,

valanghe immobili di neve nell'inverno,

lividi sgocciolatoi

del pianto tedioso

della pioggia autunnale,

logori asciugatoi

dei crepuscoli violetti.

Con le loro ventarole di latta,

con i loro galletti inverniciati

che montano la guardia giorno e notte,

con le indorate baionette

inastate dei parafulmini,

coi loro bianchi e grigi campanili

che sbucan qua e là sottili,

paracarri di mistici confini:

incombono i bigi tetti.

 

Una verde speranza d'edera

s'ostina su una gronda;

un glicine dispone lungo un muro

la sua solitaria uva gioconda.

 

Alla sera, sui tegoli rossi,

a due a due come suore,

fanno la loro scalza passeggiata

le colombe soffuse di pallore;

 

mentre sopra i leggii degli abbaini

i gatti scorticano l'acrobatica

musica delle stelle

con i loro epilettici violini.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gianfilippo Gravino, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gianfilippo Gravino, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Alba , di Giovanni Pascoli (Pubblicato il 19/01/2013 15:28:57 - visite: 3302) »