Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 354 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 20 06:05:31 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Troppo banale per essere credibile

Argomento: Filosofia

di Dzemile Jusufi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/02/2018 21:54:23

Io vedo persone che nella vita scelgono il mestiere di salvare le vite, poi mettono in pericolo le vite per denaro. E lo vedo davvero, non è un sogno.

Ce ne sono tante di persone. Quelle che dicono tante parole, ma tante, continuamente, poi nei fatti dicono poco o niente.

Vedo persone che parlano di amicizia, di amore, ma se ci guardi un attimo non è poi lontano lo strato di ipocrisia che fa da filo conduttore, indiscusso e funzionale.

E poi mi domando quanto debba essere io presuntuosa a muovere tutte queste osservazioni, da quale pulpito io mi dichiaro obiettiva nella mia analisi?

Ogni volta che ci provo, che provo a entrare in questo bellissimo gioco della vita, io vedo e vivo questo. Ed è per questo che rimango esclusa, sola. Ma non sono inafferrabile, non c’è niente di più banale e semplice di me, troppo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Dzemile Jusufi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.