Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1013 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 23 20:26:43 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nike di Samotracia o Quay d’Orsay?

di Caterina Nicoletta Accettura
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/07/2014 10:04:35




Nike di Samotracia o Quay d'Orsay.

Non conosco l'anonimo autore della Nike di Samotracia, conosco invece la vita, le passioni, i moti del cuore dei pittori moderni impressionisti e non, perche' sono uomini del mio tempo.

Essi mi trasmettono le loro emozioni attraverso quelle pennellate, quei tocchi rapidi leggeri e lievi come petali di fiori posati l'uno accanto all'altro in una fuga di colori dolcemente cangianti o incisivi e vivaci.

Dalle loro tele non mi parla un'umanita' trionfante, ma uomini che hanno creduto profondamente nel proprio talento, nel sogno di una vita di onori e di gloria, spesso in contrasto con la reale esistenza povera, disordinata e disarmonica, in antitesi con la classica cura del corpo e dell'anima.

Si, perche' la boh�me, vagheggiata dai giovani, come momento felice, di una vita d'artista, che sulla collina di Montmartre
si dedica alle sue passioni, mettendo in luce finalmente il suo talento, libero spesso da vincoli di famiglie borghesi, affrancato da una societa' retriva e salottiera, sentendosi egli stesso splendida icona dell'autonomia dell'arte, dipinge libero ed entusiasta, portandosi dietro il cavalletto, pennelli e colori ed il mazzolino di lilla' dono della piccola fioraia.
La poesia un po' ingenua dell'artista genio e sregolatezza e' in realta' costituita da serate ai piedi del Moulin rouge al freddo, mitigato dalle danze improvvisate, dal calore dei vent'anni, dal fuoco sacro dell'arte, e degli amori che nascevano tra gli artisti, anch'essi turbolenti e disperati come le loro vite spericolate,di pasti saltati,di giovinezze distrutte dall'alcool e dalla tisi,che pure aveva il fascino aulente di Margherita Gautier.

Ma quanta compostezza, quanta dolcezza emana da quelle tele, per chi ad esse si accosta con amore per il Bello!

Le preziose ballerinette di Degas che danzano sotto lo sguardo severo del maestro, le due fanciulle di Renoir che cercano di interpretare lo spartito al pianoforte, le ragazze polinesiane di Gauguin dagli occhi languidi e le chiome infiorate, le sagome eleganti delle signore nel vento di Manet, le gonne distese nel prato, corona ad figure di donna in una colazione sull'erba, la camera da letto di Van Gogh,il suo autoritratto ferito,sono immagini della nostra vita, mi appartengono, le sento mie.


Questi artisti amanti non solo della pittura,ma della musica, della danza, scanzonati e ribelli, hanno gioito e pianto, sofferto come me, mentre guerre e calamit� varie, nascenti dittature, alle quali essi hanno pagate il primo e piu' alto tributo, la precarieta' stessa di una vita indigente, e coraggiosa, li rendevano rissosi e tracotanti, insicuri ed umili, attraverso le mille disarmonie del quotidiano:

Dei, nella realizzazione del loro sogno.

La Nike di Samotracia, slanciata sulla punta del piede, dall'alto del suo splendore in volo, bellissima tra le trasparenze del marmoreo velo che mal celano, esaltandole, le splendide forme di donna, che sfida venti e tempeste dalla prua della nave, maestosa e incredibilmente leggera, mi fa pensare alle divinita' pagane, che solcavano il cielo e i mari, uterque Neptunus, incuranti e del pianto e del sorriso degli uomini: di fronte ad essa provo un senso di verecondo rispetto,quello che sui prova per l'assolutamente bello, per il sublime kantiano, per la perfezione.

Ma lo sguardo di Modigliani triste che raccoglie monetine e si aggira fra i tavoli dei bistro', felice di poter cenare con la sua Janne, almeno per quella sera,la sua Janne che sta per dargli il secondo figlio e che si gettera' dal balcone disperata alla alla niotizia della morte del suio uomo; la sofferenza di Toulouse Lautrec, che deforme immortala le belle chanteuses del Moulin rouge, sapendo che l'amore gli e' negato; lo sguardo di Van Gogh che fa brillare nei girasoli rutilanti di luce quello che altri chiama pazzia, dicendo teneramente:
"Le peonie sono di Jannette, ma i girasoli no, appartengono solo a me!
commuovono il mio cuore e mi fanno sentire come, ad una tecnica perfetta, corrisponda un sentimento di umanita' che a volte esalta, a volte lacera il mio animo.


Quando sul mio campo di grano, caleranno neri e minacciosi i corvi, ombre di tristezza su un animo forte, quando mi avvedero' che la brevis lux sta per fiunire, forse pensero' a quelle tele vedute al Quai d'Orsay e mi sentiro' molto vicina a quel pittore che vide spuntare uccellacci neri sulle sue bionde distese di grano.

Esse parleranno ancora al mio cuore, metteranno in luce le alterne vicende della mia vita, l'apparire del dolore sulla linea del mio orizzonte, mi racconteranno la mia esistenza ferita.

Allora un sentimento di umana solidarieta' e complicita', mi fara sentire ancora uomo, fragile, consapevole, mi far� accettare con dignita' forse, con disperazione certamente eventi che non vorremmo accadessero mai.

Cosi' come ho chiesto ad artisti e scrittori, alle opere dei quali mi sono accostata, di dare un senso alla mia vita di giovane donna,
forte solo del mio amore per l'arte e per l'umano, cosi' chiedero' che diano essi un senso a cio' che vita non e', ma tocca
tutti gli uomini e non sfiora gli Dei.


Ed essi per la loro umanita' mi rispondono (Machiavelli)_______________Nicole







"

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Caterina Nicoletta Accettura, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Caterina Nicoletta Accettura, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: la Fisarmonica (Pubblicato il 06/05/2013 07:06:31 - visite: 869) »

:: Sara m parlo’:Il viaggio continua (Pubblicato il 03/02/2013 08:27:32 - visite: 905) »

:: Antenne (Pubblicato il 20/01/2013 07:51:56 - visite: 929) »

:: Bella, l’estate! (Pubblicato il 17/08/2012 08:18:22 - visite: 1104) »

:: linea Immaginaria (Pubblicato il 06/08/2012 06:12:30 - visite: 823) »

:: E la vita va (Pubblicato il 01/02/2011 10:21:08 - visite: 1300) »

:: Padre, papa’ mio (Pubblicato il 05/02/2010 06:04:01 - visite: 1588) »

:: Casta Diva (Pubblicato il 26/01/2010 08:01:07 - visite: 1915) »

:: Longtemps, longtemps (Pubblicato il 25/01/2010 18:53:35 - visite: 1182) »

:: Tramonti (Pubblicato il 25/01/2010 17:56:29 - visite: 880) »