Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 582 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 17 19:29:05 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La realtà è un luogo immaginario

di Salvatore Zeno
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/12/2014 15:53:39

Aprì gli occhi e fissò il soffitto. Rimase così qualche minuto, mentre lei dormiva. Poi si voltò, la vide aprire gli occhi, il suo volto si liberava da deboli righe di luce.

«È un po’ che ci penso» disse lui.

«A cosa?»

«Che un giorno non ci saremo più.»

«Un giorno… non oggi» disse lei.

«È che ho la sensazione di non poter cambiare direzione.»

«Possiamo cambiare direzione quando vogliamo.»

Lui chiuse gli occhi, e così continuò a parlare: «Andiamo al mare? Dove morì Diomede.»

«Sì.»

«E domani andremo ancora?»

«Sì.»

«Non lì. Da un’altra parte.»

«Certo.»

«Sono contento.»

«Ora dormiamo ancora un po’?»

«Sì. Chiudo le tende.»

Lui riaprì gli occhi, si alzò, chiuse le tende e si distese di nuovo sul letto. Lei pareva già dormire.

«Posso chiederti un’altra cosa?»

«Sì.»

«Se non ci fossi, che faresti?»

«Ti verrei a cercare.»

«Se non ci fossi più intendo.»

«Ti verrei a cercare, per stare assieme.»

Le accarezzò la guancia e lei riaprì gli occhi un istante. Si addormentarono pensando all’acqua salata che scorre sugli scogli alla morte di un’onda. Immaginavano a modo loro l’odore del sale, invisibile, trasportato dal vento, che sparisce sostenuto da chissà che cosa. Erano la causa di una forza millenaria cui non riuscivano a dare un nome.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Zeno, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.