:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 39 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 9 13:35:16 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cantos

di Giovanni Rossato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/03/2021 23:20:23

Da alcuni anni ormai i Cantos di Pound stanno sul comodino, sono davvero immortali, non ne puoi leggere che un pezzettino ogni tanti sennò ti senti di tradirli: ti accorgi di non capire un cazzo. Altra cosa è Srimborska anche lei sul comodino, l’ho letta tre quarti e credo essere polacchi sia una cosa strana, non so se buona o cattiva mentre l’America è sempre una possibilità, un caos di disordinate libertà e punizioni a catena dove puoi morire e spassartela senza che nessuno si accorga di nulla.

Mi pare nessuno abbia più voglia di giocare, perciò non sono solo, cosa strana che i ragazzi non possano più cantare in classe né abbracciarsi, spintonarsi e fare a cazzotti. Nessuno ha preso l’influenza questo inverno eppure non siamo mai stati così pieni di sofferenza, è una buona cosa si possa accarezzare il proprio cane, almeno per lui e per noi.

Come si fa a farsi un’amante se nemmeno puoi portare in macchina i non  conviventi se non sul sedile posteriore? E’ un problema, potresti sentirti un taxista dell’amore (potrebbe essere un gioco, non ci avevo pensato). Come è facile perdere le aspirazioni di un tempo! Quando Pound ha scritto i Cantos era tutto più chiaro o almeno così sembrava: i tu erano tu e gli io erano io. Tempo di uomini forti e pazzi, di pacifisti zuppi fino al midollo. C’era ancora qualche anarchico e si pensava il mondo fosse tondo e che cammina, cammina si potesse sempre ritornare da dove si era partiti poi si è capito che Ossendowki era stato l’ultimo ad averlo fatto e con grave pericolo. Non è che il mondo fosse o sia cambiato, semplicemente sono tempi e concomitanze e adesso c’è la pandemia e ognuno vuol dire la sua per dire agli altri che non è un pezzo di merda: che c’è. Per altri non è neppure un’occasione ma solo un continuare a restare al proprio posto come ne “L’arpa birmana” ma ahimè nessuno intonerà un canto che non diventi virale sul web.

Cominciò a pensare che la cosa migliore sia fermarsi e tacere, al massimo riprendere in mano la penna e con buona grazia, speriamo, trovare un po' di chiarezza nel pezzo di carta che si scrive. Una linea può essere una direzione per arrivare da qualche parte se la si traccia onestamente e parlare con onestà può essere l’occasione per cambiare il mondo e saper dire, non so, oppure non ne sono certo, senza forzare, assecondando invece la strada del cosmo e via dritti attraversando tutta la Via Lattea e la Cintura di Orione trovando magari mondi abitabili per noi tutti.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giovanni Rossato, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.