:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Lecce il 9 febbraio 2023
🖋 Rethorica novissima a Roma il 10 febbraio 2023
🖋 Le rovinose a Firenze il 10 febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1760 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 8 04:08:00 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Frammenti

Poesia

Massimo Pinzuti
Nencini

Recensione di Tiziana Curti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/03/2010 12:00:00

Poeti

Equilibristi nati per volare,
Sopra ad un filo appeso all'infinito,
sospesi su un torrente di parole,
pronti a mordere l'attimo fuggente
e inchiodarlo in un pugno di emozioni


Questa breve poesia rappresenta il pensiero del poeta e credo sia ampiamente condiviso da tutti coloro che amano l’arte della parola oltre ed al di là di ogni limite.


Massimo Pinzuti è nato ad Abbadia San Salvatore ma da molti anni vive in provincia di Firenze a Tavarnelle Val di Pesa, appassionato di musica e di poesia da sempre, ha partecipato a molte manifestazioni poetiche e musicali, riportando significativi successi. È presente con sue poesie su vari periodici ed antologie, organizza con me le manifestazioni culturali ad Abbadia San Salvatore promosse dalla Pro Loco in collaborazione con l’Accademia Alfieri, come il premio “Un Monte di poesia” promosso dal locale assessorato alla cultura ed il convegno nazionale di giugno d’incontro con i poeti dell’Amiata, che da quest’anno si è ampliato con l’inserimento di una mini fiera del libro aperta a tutti i partecipanti al convegno.

Massimo Pinzuti ci porta in una poesia dai forti colori che esplode improvvisa, si slancia nell’abisso per cercare la luce e quando torna ci mostra le tracce fosforescenti lasciate dai passi.
E’ una poesia vitale con andamenti a spirale, anche se è spesso soffusa da un senso di mancanza, è comunque piena di fiducia verso un sole che diradi le nuvole.
In molta parte il significato del messaggio dipende dalla collocazione delle parole. Oltre che dalla selezione lessicale anche dalla forma che esse assumono incontrandosi nel testo.
Gli effetti fonico-ritmici creati dalle collocazioni originali realizzano quella particolare sensualità senza la quale non può esserci poesia.
Vengono fissate le emozioni di un momento, per poterle rivivere ogni volta nuovamente, un filmato dei sogni avverati o rimasti tali e quindi un insieme di riflessioni che conducono a ricercare l’equilibrio che predomina la quiete interiore.
Mi sento di definirla poesia impressionista fatta di pennellate brevi, fluide, singoli colpi di luce che compongono un disegno riconoscibile.
Convivono nel poeta due distinti emisferi, uno teso al razionale e al concreto, l’altro alla creatività e all’emozione. Una sorta d’equilibrio in cui l’uno non può prescindere dall’altro. Strettamente legati in cerchi concentrici, i due mondi sono fusi in un particolare impasto e si trascinano, si trasformano in invenzioni sempre nuove. Culminando così in versi che entrano dentro di noi e che inconsapevolmente ogni tanto riecheggiano.
Il poeta è il testimone della scommessa della vita che si gioca negli incontri tra le persone, da cuore a cuore.
Le storie fanno lunghi giri per ritrovare il punto d’origine che sintetizza anche l’ultimo dramma della vita.
Luci radenti incorniciano storie dai ritmi evocativi di struggente tenerezza o d’intensa sensualità, scenari di piazze dove s’affacciano personaggi reali colti in istantanee fotografiche di vita quotidiana e personaggi metaforici che invitano a riflettere sulla necessità di ritrovare un’armonia interiore che serva a non arrendersi all’ineluttabile.
Così come nelle poesie anche nei testi delle sue canzoni, l’autore riporta le tracce della sua personalità, combattiva e sensibile, un percorso personale teso a cogliere tutto quello che la vita può offrire senza riserve e senza pentimenti.
La sua è una voce poetica che si riconosce subito, anche nelle sue canzoni coltiva il dubbio e celebra l’amore ma ancora di più la sua mancanza che riempie un’esistenza inquieta ed aggressiva ,un’incertezza che gli consente di migliorare continuamente, di crescere e di affinare il senso estetico delle sue emozioni musicali senza perdere l’attenzione sull’interpretazione vocale ,piena di tonalità morbide che danno l’impressione che Massimo canti per ciascun ascoltatore facendolo sentire unico fruitore delle immagini poetiche racchiuse nei testi.

ORME DI SABBIA
AMATA NOTTE PORTAMI LA LUNA
PER DILUIRE L'OMBRA DEL MIO CUORE,
MENTRE UNA BARCA SOLCA LA LAGUNA
E GETTA LE SUE RETI UN PESCATORE.

AMO L'AMORE E VIVO DI FORTUNA,
NON LASCIARE DISPERDERE IL CALORE
DEL SUO BEL CORPO SULLA SABBIA BRUNA:
DI SALSEDINE AMARA E' IL SUO SAPORE

E NEL GHIACCIO TRASCINO LE MIE ORME
CHE AFFOGANO AL SILENZIO DEI SUOI PASSI,
TRA IL VOLO DI UN GABBIANO E LA SUA GABBIA,

HO SCELTO IL MARE,LA LAGUNA DORME,
SCIVOLA UN'ONDA TRA LA SPIAGGIA E I SASSI,
CANCELLA LE MIE ORME SULLA SABBIA.

Questo elegante sonetto cela l'accurata ricerca di figure metaforiche e simboliche dietro un apparenza descrittiva.
Il poeta chiede consiglio all'amica notte per trovare una via d'uscita ai dubbi esistenziali, la luna, determinante presenza, mitiga il dolore stempera le ombre.
Posto davanti a un bivio sceglie una terza via, non la libertà, non la prigione, ma la vastità in movimento del mare che nella sua natura instabile separa i continenti. Come un lavacro le sue onde cancellano i segni di un freddo passato, così l'autore trova attraverso la scrittura il modo per vincere le ombre e resistere al tempo

La poesia “folle corsa” che fa parte del periodo più maturo stilisticamente è stata oggetto di riconoscimenti in vari premi letterari. E’ composta da tre strofe di endecasillabi e settenari con un elegante gioco di consonanze, tutto il testo è incisivo senza toni retorici.
Stefano Ridolfi ne ha elogiato “il paesaggio quasi metafisico sullo sfondo del percorso naturale dell’uomo.In questa “folle corsa” verso l’ignoto ritroviamo tutto il nostro vivere quotidiano e insieme la ricerca costante dell’infinito misterioso che è dentro ognuno di noi.
Nella motivazione del premio Vigenza viene posto l’accento sulla dimensione salvifica della poesia “solo la poesia può avanzare per sentieri impervi e combattere l’indifferenza, una corsa folle ribelle la cui meta finale è lassù tra le stelle.”

I TECHNOPAEGNON DI MASSIMO PINZUTI

Questa particolare sezione è frutto recente di una approfondita sperimentazione dell’artista.
L’idea di legare le parole agli oggetti può sembrare un tema solo filosofico, ma già nelle avanguardie storiche si tentava di mescolare generi e linguaggi producendo degli ibridi talvolta anche interessanti. In queste ultime sperimentazioni il poeta tenta di portare la poesia su un piano diverso, pur mantenendo la tradizione metrica genera i “carmi figurati “, in cui le parole assumono la forma di quello che significano,ed attraverso questi accostamenti inconsueti provoca un’inattesa visione che sorprende contraddicendo molte delle nostre certezze. La poesia si evolve su un piano diverso ed esce fuori dal salotto e dalla rivista letteraria per respirare oltre la pagina.
Ed ecco il fascino di una serie di opere tra la leggerezza e la fisicità, dove il fascino della parola recitata si unisce alla trasformazione ritmica di un particolare iconico dove l’immagine vive.
La parola poetica assume forza e spessore si carica di un’oggettività anche ideologica scoprendo il mondo degli oggetti e diventando testo estetico dove occhi e mente si uniscono in una dialettica produttiva, così questi testi poetici assumono l’immediatezza dell’arte e la discorsività di un testo letterario.
In questo microcosmo lirico gli elementi poetici danno origine a un sistema con un proprio equilibrio interno, il poeta crea in un modo dinamico costringendo il lettore a un approccio diverso rispetto all’opera e presuppone il suo intervento attivo per l’interpretazione del messaggio. In queste poesie si coglie chiaramente l’interesse dell’autore per la disposizione spaziale dei versi, parte essenziale nella creazione dell’immagine, in questo la modernità di Massimo che ha scrupolosamente assolto alle regole metriche per costruire le forme iconografiche, una sorta di polimetria creativa che si libera nella fantasia creativa.

Massimo Pinzuti ha pubblicato il libro “frammenti “, ha scritto e composto varie canzoni ed ha presentato le sue opere al centro socio culturale del “Fuligno“ a Firenze, al teatro “Servadio“ ad Abbadia San Salvatore, al caffè storico letterario “Giubbe Rosse“ a Firenze ed alla ”Stanza della Poesia” Palazzo Ducale di Genova riportando sempre un grande successo di pubblico e critica.

*

Per richiedere informazioni sulla reperibilità del testo: info@grafichenencini.com

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »