:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 586 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 28 10:44:11 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Se non diventerete come bambini...

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/02/2016 16:20:22

Una volta c'era un giovane scrittore.

Dopo una lunga attesa in anticamera, con in mano la propria opera, poté entrare nella stanza del direttore editoriale. Il direttore, un individuo grande e grosso, cessò di leggere, levò lo sguardo e squadrò il giovane minuto e timido che gli stava davanti.

"Vorrei proporle per la pubblicazione..." esordì esitando lo scrittore mostrando il manoscritto.

"Sangue e violenza ce ne sono a sufficienza?" domandò l'omone bruscamente.

"Io non tratto questo genere." rispose il giovane con un gesto di disgusto.

"E che cosa scrivi allora?"

"Queste sono... favole." rivelò lo scrittore sorridendo d'imbarazzo.

"Favole?!" disse il direttore con gran stupore.

"Sì, io scrivo favole per i bambini."

"Vuoi prendermi in giro, o sei proprio cretino? Non lo sai che siamo ormai nel terzo millennio? E per te è tempo ancora di favole?"

Il giovane chinò il capo e non rispose.

"Ti consiglio di buttare questa roba nella pattumiera. Se vuoi pubblicare, scrivi qualcosa di attuale." concluse il direttore editoriale.

Mogio, il giovane scrittore se ne andò. Uscì dall'ennesima casa editrice, inghiottendo l'ennesimo amaro rifiuto. Aveva perso il conto dei rifiuti ricevuti, come aveva perso il conto dei giorni digiuni. La fame ormai aveva divorato quasi tutta la sua speranza. Come ultimo tentativo pensò di proporre la propria opera ai passanti. Era talmente affamato, che gli sarebbe bastato ricavare solo i soldi per pagarsi un panino e una bibita.

E così si rivolse a un uomo. "Scusi signore, vuole acquistare le mie favole per i suoi figli? Gliele vendo per pochi euro."

"Io non ho bambini." esclamò l'uomo senza fermarsi. "Sono un single."

Quindi si rivolse a una donna. "Scusi signora, vuole acquistare le mie favole per i suoi figli? Gliele vendo per pochi euro."

"Io non ho bambini." dichiarò la donna senza girarsi. "Sono una manager."

Il giovane pensò di tentare direttamente con i destinatari dei suoi testi. Vide che in giro di bambini ce n'erano pochini.

Provò col primo. "Ciao. Vuoi comprare le mie favole? Te le cedo per poco."

"Non ho tempo per leggere le favole." si scusò il bambino. "Devo frequentare ogni giorno la palestra, perché sono sovrappeso."

Provò di nuovo. "Ciao. Vuoi comprare le mie favole? Te le cedo per poco."

"Non ho tempo per leggere le favole." si scusò la bambina. "Devo giocare coi videogame."

No, non era più tempo di favole. Lo scrittore si sentì naufragare nel mare di uno sconfinato sconforto. La terra sotto i suoi piedi ondeggiò, il mondo intorno gli si annebbiò. Barcollando entrò in un parco pubblico per poter distendersi. Ma prima di poterlo fare si accasciò al suolo. Nell'isola di verde v'erano soltanto tanti anziani, i quali si affollarono attorno al giovane. Lo aiutarono ad alzarsi e adagiarsi su una panchina. Una vecchina stava per chiamare col suo cellulare il 118.

"No, non occorre l'ambulanza. La mia è solamente fame. Non mangio da molti giorni."

Un'anziana prese dalla borsa della spesa dei biscotti, alcune arance, una tavoletta di cioccolata, una limonata, e glieli diede. "Mangia, coraggio."

Un vecchietto raccolse il manoscritto e s'accorse di cosa si trattava. "Sei uno scrittore di favole?" gli domandò con ammirazione.

Il giovane annuì con un cenno del capo, continuando a masticare.

"E già, ormai chi scrive favole fa la fame." commentò l'anziano. Gli venne quindi un'idea, che propose agli altri. "Che ne direste di farne tante fotocopie e di comprarne una copia ciascuno?"

Tutti acconsentirono.

"E intanto, quando finisci di mangiare, leggicene qualcuna."

Dopo un po', ristorato e rincorato, lo scrittore prese la propria opera e principiò:

"C'era una volta..."

Gli anziani lo ascoltarono attenti come tanti bambini. Ed era così bella quella favola, ne furono tanto incantati, che accadde loro una meravigliosa metamorfosi. Non si sa come, cominciarono le schiene a raddrizzarsi, le rughe a spianarsi, a sparire i malanni, a diminuire gli anni. Gli anziani ringiovanirono gradualmente. Finché alla fine della favola si ritrovarono bambini. Tutti allora assalirono il giovane scrittore, gareggiando per abbracciarlo e baciarlo, ridendo e gridando con gran gioia:

"Viva le favole!"

 

(Racconto pubblicato da Keltia Editrice.)

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gaetano Lo Castro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gaetano Lo Castro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Eden 2 (Pubblicato il 21/06/2022 22:10:03 - visite: 32) »

:: Le due maschere (Pubblicato il 07/04/2021 22:07:09 - visite: 239) »

:: La follia dell’amore (Pubblicato il 25/11/2020 23:49:52 - visite: 235) »

:: Note di un viaggiatore extracosmico (Pubblicato il 30/07/2020 14:23:27 - visite: 290) »

:: Io, virus (Pubblicato il 19/03/2020 15:44:57 - visite: 367) »

:: La nuvola (Pubblicato il 07/01/2020 14:11:28 - visite: 326) »

:: La goccia (Pubblicato il 28/10/2019 14:26:55 - visite: 329) »

:: Il ponte dell’arcobaleno (Pubblicato il 07/09/2019 21:53:49 - visite: 443) »

:: Il pupo (Pubblicato il 09/06/2019 10:33:59 - visite: 365) »

:: Nell’alto dei cieli (Pubblicato il 04/04/2019 15:43:43 - visite: 419) »