Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 458 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 17 19:21:20 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il pasto della sera

di Giulia Tabacco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/10/2016 15:20:07

Il ramadan si anima al calar del sole: allora, le moschee di Yadz – labirinto di vicoli di fango, calda da non poterne più – sono in fermento come uno stagno pieno di girini.

Una ha un ingresso laterale, sbircio, è l’ora della preghiera, tutti giù per terra, Allahu Akbar, tutti in piedi con le mani davanti alla faccia.

Un uomo si fa avanti, aspetta, non entrare, dice a gesti. Quando la preghiera è finita il cortile prende sapore di festa. I bambini corrono di qua e di là, proprio come girini nelle pozze. Farid (si chiama così il tizio che mi ha detto di aspettare) si fa strada tra le gambe dei bambini, in mano tiene una ciotola, dentro c’è una zuppa gialla e cremosa. Nel tempo del ramadan, alla fine del digiuno si mangia insieme. Il pasto della sera si chiama Iftar, lo preparano le donne del quartiere ed è un dono che viene offerto a chiunque entri nella moschea, mi dice. Mangia con noi.

Il giorno dopo passo di fianco a un’altra moschea. La porta è di ferro ed è chiusa. Di fronte c’è una donna, una di quelle che capita di vedere, nella città di fango, quando l’arsura del giorno si placa un poco, sedute di fronte a casa. Si alza, liscia il velo verde e sottile, fa un cenno. Apre la porta della moschea e la richiude alle sue spalle: io aspetto. Quando esce, in mano ha un involtino, un pacchettino con dentro pane, formaggio, ravanelli, erbette verdi e datteri freschi. Per mangiare è presto, immagino direbbe se avessimo una lingua in comune, il sole è ancora nel cielo, ma tu sei straniera. Me lo porge e torna a sedersi al suo posto, aspettando che arrivino il buio e la fine del digiuno.

 

(Yazd, Iran centrale)

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giulia Tabacco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.