:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 477 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 23 17:46:04 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Volevo solo essere poeta #SaveAshrafFayadh

di Manuel Maria Almereyda Perrone
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/01/2016 10:14:05

dedicato a Ashraf Fayadh

 

Io volevo solo essere poeta, io
Solo poeta, un tipo strano col cappello.

Volevo essere poeta per usare le parole come pellicce, gioielli,

e ornare il mondo che guardavo dal mio cannocchiale.

Ma non ho mai pensato che le parole potessero cambiarlo,
il mondo: non l'ho mai voluto. Avevo solo bisogno di parlare.

 

Volevo solo essere poeta, io
Solo poeta, con un ombrello aperto, per ingannar le nuvole.

Non sapevo che certe parole possono essere catapulte, sassi e barricate.
Non sapevo che con le parole lo si riesce a zittire, il mondo: lo si mette a tacere.

Non sapevo che c'è chi non vuole le parole e chi non ama i poeti.

 

Io amavo tutti, io ... non potevo sapere che cosi non fosse per loro.

Hanno ucciso un poeta, un pomeriggio di novembre.
Ne hanno uccisi tanti, almeno uno per ogni pagina del calendario.

Mentre noi sorridevamo ai nostri carnefici:
li guardavamo col cannocchiale e ci sembravano belli, divertenti.

 

Dicevano di noi che eravamo tipi strani col cappello,

perché avevano paura, paura delle nostre parole.

 

Io volevo solo essere poeta, io
Solo poeta, cantare la danza del mondo, dipingere i colori dei suoni.

Non pensavo che solo essere poeta è già un grido di guerra,

un urlo da indiano, lanciato a rotta di collo, contro i carrarmati, nella notte, a squarciagola.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Manuel Maria Almereyda Perrone, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.