:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 497 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 17 13:42:36 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un nuovo inizio #SaveAshrafFayadh

di Anselmo Pacifico
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/01/2016 11:45:31

Scivolando sull’acqua 

ho sentito l’affetto di questo mare, 
come una madre che ama il proprio figlio 
e gli mostra le bellezze della vita; 
come una donna 
che dà libero sfogo alle sue passioni 
e mostra al suo uomo 
le sue bellezze 
e la forza della natura.

La terra si allontana, 
la gente saluta, 
perché questa nave 
custodisce le speranze degli uomini, 
i loro ricordi, 
e tutto ciò che sono e che saranno.

Non so cosa troverò, 
non conosco i piani del destino, 
ma osservo i frammenti distrutti 
del mio passato 
e cerco di ricomporli, 
mischiando: 
sangue, 
sacrifici 
e speranze; 
perché, nonostante diavoli neri 
abbiano cercato di distruggere i miei sogni, 
resto in piedi a combattere, 
mi asciugo la fronte 
e ricostruisco la mia nuova casa, 
la mia nuova vita, 
e mai nessuno potrà più toccarmela, 
perché questo è un nuovo inizio.

Vorrei cancellare le cose brutte 
e fare pulizia nei miei ricordi, 
ma questo non è possibile; 
porterò con me ogni singolo momento 
di questo viaggio, 
e quando mi guarderò allo specchio 
penserò a tutte le mie esperienze, 
alla gente che ho incontrato …
… e penserò 
che la vita è una cosa fantastica.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anselmo Pacifico, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.