:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 415 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jun 16 15:58:43 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pindarico notturno #SaveAshrafFayadh

di Salvatore Di Sante
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/01/2016 12:23:16

In certe notti chiare d’estate
mi affaccio al balcone e guardo la luna.
Mi attrae come attrae le maree. Quasi aspettasse una risposta.

Respiro il suo fascino come dolce brezza; afrodisiaco poetico afflato
per vagare e divagare,
per volare e involarsi fin lassù sopra turchini drappeggi.

Mi sovvengono però mille domande.
Immagino teste brizzolate chine alla tremula luce d’una candela,
la piuma d’oca a scavare pergamene su scrittoi consunti.

Immagino anime sensibili stagliarsi su diafane colline
declamando al cielo notturno
i loro amori struggenti e travagliati.

Immagino navigatori solcare distese di liquida pece,
in rotta verso l’ignoto, e alzare gli occhi a lei;
e con loro il lupo dalla tana e il gufo dal ramo.

Immagino un derelitto, la barba che struscia l’asfalto, staccare lo sguardo dal fondo della bottiglia e spingerlo con fatica fino a lei; lanciare in cocci il fiasco
e alzarsi, puntellandosi traballante sulle nocche.

Così il mio spirito si rinfranca dell’energia
di navigatori, scrittori, poeti, spasimanti e reietti d’ogni tempo ed epoca;
e il mio genio è pronto per partorire a gonfie vele nuovi universi.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Di Sante, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.