:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 509 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 14 11:58:20 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nassiriya #SaveAshrafFayadh

di Giovanni Barlocco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/01/2016 18:13:48

In primo luogo la colpa

è all'assassino che l'ha messa,

la bomba.

Selim Taliban, O' Hara, o Pablo 

o Vassili o Francesca.

Fa niente.

E non mi importa un cazzo se

è saltato anche lui,

si è mondato dei peccati

e anche

di falangi, falangine, falangette;

un dito nell'occhio

diventa

un occhio nel dito,

abbraccio beccaio

trita carne

e ossa aguzze

unisce di botto.

Ma io

fratello suo non sono 

frate nel sangue,

fratello suo non sono

e mi tocca 

e mi nausea

il suo umore di morte

confuso nel mio,

il suo odore di morte

aggrappato al mio naso,

qualche metro più in là.

Ma subito dietro

di lui,

anche prima vedevo

volare sopra tracciando

cerchi di nitrico rapace

i pazzi benedicenti

con una mano aspersoria

speranza tossica

su menti disperate e svèlte,

e l'altra intenta a strozzare

quella vera.

E ancora dietro

e ancora sopra,

i pazzi con l'uccello duro

per la Patria

per lo Stato

per la Razza

per Dio

per il Petrolio

pe la Loro Tasca Inesausta.

Li vedevo far sempre

calcoli ematici,

funebri Travet,

per far tornare i conti

di guerre sempre esatte,

dalle loro pedane.

Scesi da lì

son nani ora,

ed io gigante

in ogni lacrima sparsa.

(Quante?

Per quanto?)

Ed io che l'ho fatto,

anche adesso, da esploso,

io so ancora che è giusto

il peso piccolo

dei bimbi in spalla,

e dividere quello

grande dei vecchi.

E' normale.

Ma i figli di troia

ci han detto

che serviva una guerra

guerra giusta 

per farlo.

Diglielo tu

per favore

che non serviamo

la stessa bandiera

che si intride su quel

rimasuglio di petto

e mi pesa

appena meno

del sorriso abortito

di mia moglie e mio figlio.

Non lo posso più sognare

non lo sento più sbocciare.

Da qui, ormai,

posso solo guardare.

E ancora meglio li vedo,

senz'occhi,

i burattinai indaffarati

a nascondere la coda.

E si capisce bene 

da qui

l'origine del puzzo

che li accompagna,

che già da prima

avvertivi.

Ma io son morto

adesso

e loro 

vivi.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giovanni Barlocco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Barlocco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: senza titolo (Pubblicato il 04/01/2015 18:12:11 - visite: 548) »

:: senza titolo 1 (Pubblicato il 04/01/2015 18:11:02 - visite: 371) »

:: Quattordiciquindici ottobre 2006 (Pubblicato il 02/01/2015 15:23:47 - visite: 459) »

:: Manin (Pubblicato il 01/01/2015 15:41:46 - visite: 524) »

:: il raggio verde (Pubblicato il 01/01/2015 02:57:00 - visite: 492) »