:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 441 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue May 10 01:43:18 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cul de sac

di Cristina Alessandro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/01/2016 14:09:31

La libertà accende i sensi

come puttana vogliosa

di eccitare il cliente bramoso,

che arraffa l’estasi di un godimento svelto,

mentre per soldi lei

simula un piacere smorto

nel vischioso sciabordio di membra anonime.

Di quel sudore di amplesso spiccio,

non resta che il ghigno beffardo

del disincanto, sdentato e laido.

Così la libertà lusinga e disonora,

illude di togliere il bavaglio e le catene

imposte da un’umanità vigliacca,

a chi non ha la forza di gridare,

di menar pugni

per difendere un diritto offeso.

La libertà è un’utopia,

come la pace nel mondo,

l’uguaglianza tra etnie,

ranghi sociali e credo diversi.

Siam condannati a subirne l’abbaglio,

che ci distrae e confonde.

Per ironia della sorte, il guinzaglio

che ci strozza il passo

obbligandoci a tenere gli occhi fissi a terra,

è ahimè un difetto di fabbrica.

Ogni giorno viviamo lo stridente paradosso

di dare un senso al nostro respiro,

stritolati dalla lucida consapevolezza

di ristagnare in un cul de sac.

Liberi da cosa, liberi da chi?

Non si è liberi di scegliere mai,

spalle al muro nel doloroso aut- aut.

A fine corsa il prezzo del biglietto

è per tutti lo stesso,

pur scendendo a fermate diverse.

La morte è la sola democratica libertà

che ci è concessa.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Cristina Alessandro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.