Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1688 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 28 09:04:15 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Uno stupore quieto

Argomento: Letteratura

Articolo di Domenico Cipriano (Biografia)

Proposta di Redazione LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/09/2013 08:32:37

 

Con Uno stupore quieto, un libro che segue le pubblicazioni di aforismi, poesie, saggi, traduzioni (presenti sia in volume che in antologie e riviste), Mario Fresa presenta un testo intenso, complesso, ricostruito in partiture precise, dove l’autore ha sicuramente sfoggiato i suoi studi in musica, come sottolinea anche Maurizio Cucchi nella sua precisa e chiara prefazione: «Ma vale la pena di segnalare – visti del resto i precisi rimandi alla musica presenti – la felice scioltezza musicale di pronuncia sia nel verso che nella prosa di questo libro».

L’autore sviluppa un linguaggio vario, ora affidandosi ad una prosa poetica, ora a brevi poesie, ed appare particolarmente interessante la costruzione di  una vera e propria sceneggiatura teatrale (in particolare nella prima sezione dal titolo “Storia di G.”), per esplorare la psiche del protagonista, dettagliando frasi e personaggi di un panorama circoscritto, funzionale allo svilupparsi delle scene. Un sipario che coinvolge il pubblico-lettore, elaborando (o lasciando che sia lo stesso lettore ad elaborare) una microstoria che riesce a far vivere l’inquietudine del protagonista, disseminando dettagli di una storia, tra l’elegia del sogno e la connotazione delle turbe dei tanti personaggi di contorno. Tra ironia ed indagine delle azioni, attraverso un dettato per lo più prosastico, Fresa riesce a condensare un equilibrio tra visionarietà del ricordo e meditazione delle azioni che conducono alla rivelazione di un dramma, probabilmente inconfessato.

Ancora un circo di personaggi ai confini del grottesco (sembra di imbattersi – tra i tanti possibili accostamenti letterari o cinematografici – in un film di Jean-Pierre Jeunet) si presenta tra i flashback della seconda sezione, “Titania”, composta da brevi testi, ordinati per risolvere un quotidiano dove ancora le ansie, le angosce sono presenti anche nelle attese gioiose, con una vivida osservazione dei protagonisti, sviscerati nei loro pensieri, a volte al limite della decenza, dove la memoria si mescola al disfacimento del quotidiano. Se in questa seconda sezione il linguaggio, per lo più quotidiano, si sviluppa con un testo spezzato in versi, nel successivo, “Una violenta fedeltà”, invece, è la prosa che si consolida anche nella sua rappresentazione sulla pagina. Paradossalmente, i testi presentano vibrazioni elegiache più vive nelle costruzioni metaforiche, dove la trama appare sicura, scorrevole, pur ricca di dettagli per ricucire i frammenti di un breve, anche se intenso, istante di vita della pluralità di personaggi.

Chiude il volume la sezione “Romanzi”, composta da brevissimi poemetti, con un dettato che diventa veloce, fluente, come la costruzione delle scene, anche se ancora la realtà si mescola alla visione (o meglio all’allucinazione), e l’ironia si alterna alla pietà, forse nella consapevolezza, sempre più assorbita dall’autore, dell’imprevedibilità del quotidiano. E sarà questa consapevolezza il senso di una rappacificazione dello stupore, la quietezza difronte all’evolversi degli eventi, alla mirabile volatilità del pensiero, al suo mutare continuamente pur riprendendo e mescolando frammenti di memoria per risvegliare, di volta in volta, pacificazione o inquietudine difronte al mondo circostante e, nel caso, anche alla molteplicità di senso offerto dalla scrittura, prima che «le parole saranno cancellate, dimenticate presto;/ o finiranno in miele appiccicoso/ o in un terribile segreto».

 

 

Leggi anche la recensione di Marco Furia


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Redazione LaRecherche.it, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Storia ] I bambini durante l’Olocausto #GiornoMemoria , di Holocaust Encyclopedia (Pubblicato il 24/01/2019 23:18:02 - visite: 494) »

:: [ Storia ] Album Auschwitz #GiornoMemoria , di Andrea Giorgi (Pubblicato il 23/01/2019 18:50:29 - visite: 409) »

:: [ Storia ] Risate ad Auschwitz #GiornoMemoria , di Matteo Rubboli (Pubblicato il 21/01/2019 12:00:00 - visite: 675) »

:: [ Letteratura ] W. S. Maughan , di Franco Buffoni (Pubblicato il 25/01/2016 23:12:14 - visite: 1166) »

:: [ Religione ] Gesù non ha mai parlato dei gay, la Chiesa taccia , di Aa. Vv. (Pubblicato il 25/01/2016 22:36:07 - visite: 1554) »

:: [ Società ] La violenza contro le donne #controviolenzadonne , di Istat (Pubblicato il 25/11/2015 00:28:14 - visite: 993) »

:: [ Letteratura ] Proust come non lo avete mai letto , di Eleonora Marangoni - Il Sole 24 ore (Pubblicato il 27/10/2015 16:42:54 - visite: 887) »

:: [ Letteratura ] Mamma, parliamo , di Walter Siti (Pubblicato il 09/05/2015 22:56:49 - visite: 1216) »

:: [ Letteratura ] In ricordo di Carmelo Pirrera , di Nicola Romano (Pubblicato il 03/02/2015 21:00:59 - visite: 1672) »

:: [ Società ] Non in mio nome , di Igiaba Scego (Pubblicato il 08/01/2015 16:59:31 - visite: 1116) »