:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 756 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 17 09:28:56 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Itaca

di Giorgina Busca Gernetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/07/2016 10:50:22

ITACA

.

Legati i tronchi con ritorte funi

Ulisse, per tornare alla sua Itaca,

la zattera apprestò, tese la vela

all’albero vibrante, eretto al cielo.

 

Itaca sempre amata, sempre viva

nell’animo dolente dell’eroe,

seppure attratto da paesi ignoti,

avvinto dall’amore di Calipso.

 

Itaca dolce sogno, Itaca sacra,

Itaca forza interiore che salva

dalla tempesta quell’animo affranto

per i perduti compagni nell’onde.

 .

Sul vasto azzurro dell’ambiguo mare

vola la zattera, la scotta in pugno.

Onde increspate e una candida scia

di spuma lieve accarezzano il legno.

 .

Itaca è povera, non offre il fasto

e l’oro che scintilla nelle regge

d’oriente, ma la terra dei natali

e il ritorno, più vecchio ma più esperto.

 .

Itaca pulsa nell’animo ardente,

forte e bramoso verso la sua meta

che è incisa nitida nella memoria,

aspra di rocce, d’ulivi argentata.

 .

Vorrei avere anch’io una mia Itaca,

una meta sicura nel mio vivere,

nel mio vagare senza rotta certa

alla deriva verso oscuro abisso.

 

*

dal libro Echi e sussurri, sezione Immagini elleniche, Polistampa, Sagittaria, Firenze 2015

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgina Busca Gernetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.