Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1736 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Mar 7 18:01:50 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il cacciatore di mosche

Argomento: Letteratura

di Paolo Polvani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/01/2012 21:33:58

Il cacciatore di mosche
di Aldo Komenov
Autorieditori.com 2011
euro 9,80
www.autorieditori.com/catalogo.aspx




Per chi ama i libri un aspetto non secondario è costituito dalla fisicità, dall’essere il libro destinato ad occupare uno spazio e mostrarsi nell’ aspetto materiale.
Il libro di cui ci si sta occupando presenta diverse, sorprendenti anomalie.
La prima è la cura grafica: la copertina è impreziosita da un bassorilievo di Silvia Leporati, dal titolo Il cacciatore di mosche, che merita molto più di una citazione per l'eleganza, la sobrietà delle forme e dei colori, la bellezza dei materiali che ne fanno un oggetto desiderabile prima ancora di aver letto il libro, lo impreziosiscono e lo rendono attraente dal punto di vista concreto, visivo e tattile.
Ulteriore anomalia di questo libro, e non secondaria, è costituito dall'edizione.
E' pubblicato in proprio, da autorieditori.com, un'associazione di appassionati di letteratura e di poesia che intendono scommettere sulla pubblicazione di libri di qualità finalizzata al profitto del lettore e non dell'editore, esempio di editoria dal basso, democratica, che in futuro è destinata a soppiantare i potentati dell'editoria basata sul profitto del capitale.
Il cacciatore di mosche è la prima pubblicazione dell’associazione.
Ancora sulle anomalie: è un romanzo ma il linguaggio usato si avvicina molto alla poesia, al suo interno, all'interno della storia germogliano bellissime poesie ma non è un libro di poesie; vi sono spunti filosofici, ma espressi in forma di domande esistenziali, rovelli pratici in cui tutti ci siamo imbattuti e c'imbattiamo nel corso della vita.
Che cosa è veramente l'amore ? E l'amicizia ? E il senso della esistenza ?
L'autore non fornisce risposte, il grande merito di questo libro è di rivoltare il terreno delle domande e rendere la terra soffice, fertile delle risposte che il lettore saprà trovarci.
E' un libro che va letto una prima volta col sorriso sulle labbra, perché è ricco di ironia e di leggerezza, e una seconda volta con le antenne puntate nella direzione di quello che l'autore non rivela, ma accenna, a volte suggerisce, o sottintende.
La trama è smilza, e racconta l'ingresso nel giardino dell'amore, nella poesia, nella vita.
Il protagonista scopre di essere diventato padre, e procede di scoperta in scoperta.
Un romanzo scritto indubbiamente con una forma lieve, si legge d'un fiato, ma intenso nei contenuti: la storia di una iniziazione.
Contiene al suo interno la gestazione di un altro romanzo, che è appunto Il cacciatore di mosche.
Gestazione perché, nella sua brevità e fuggevolezza creativa, può apparire incompiuto, ma rivela la sua compiutezza e la sua finalità nella sovrapposizione e nel ricongiungimento dei piani narrativi offrendo un risultato finale davvero sorprendente.
Il racconto si snoda con agilità e una grazia espositiva che a volte suscita il sorriso, a volte costringe a una partecipazione emotiva molto intensa.
Ci si affeziona ai personaggi in maniera spontanea e questo è il risultato più encomiabile cui può aspirare un romanzo.
Il meccanismo narrativo rivela il suo potere coinvolgente fin dalle prime pagine, così ne risulta una lettura avvincente e piacevole, arricchita dall'inserimento di piccole, deliziose poesie che fanno da contrappunto alla trama, commentano il testo, approfondiscono lo spessore delle figure che si muovono sulla ribalta.
E in fondo al libro è come se scorgessimo un chiaro, illuminante sorriso, a ricordarci che la vita vale la pena di essere vissuta.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Polvani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.