:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Nardò (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2023 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jan 28 23:47:25 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Strade tagliafuoco


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/04/2018 12:00:00

 

Avevamo visto giusto

 

 

Siamo tornati al caldo dei corpi

e così abbiamo afferrato

quanto ci stava sfuggendo,

la forza d’amare la sete

nuotando nell’acqua.

 

Siamo tornati violando i posti di blocco

le guardie drogate di carabine,

il corteo di notti all’addiaccio,

l’escursione termica di chi

percorre da solo il deserto

nei sottopassi delle stazioni.

 

Trieste ci trafisse col suo chiarore

di pietra istriana e sull’autobus n.9

ci sfioravamo come antilopi acerbe

mentre il mondo ci spronava a

cercare l’usciere dei nostri vent’anni.

 

Avevamo visto giusto attraverso

la miopia degli anni Novanta,

e adesso che siamo al caldo

sentiamo la brina evaporare

e gli angeli di Berlino spogliarsi

sul lungomare dei fianchi flessuosi.

 

Avevamo visto giusto

anche se la mente indossava

il suo colbacco di nebbiolina

e gli intercity ci spingevano

a tralasciare le stelle tuareg.

 

E adesso che siamo al caldo

restiamo appesi ai giorni

come rondini foriere.

 

 

 

Senza fissa dimora

 

 

I bambini ti cercano in cielo

fanno un asterisco sopra la nuvola

e nelle note a piè pagina,

sotto l’erba irlandese,

scrivono casa di Dio.

 

Anche i vecchi e i soldati rimasti

a ritirarsi nelle pianure, incalzati

dal gheppio del buio, innalzano al cielo

le mani macchiate, i contorti fucili,

per convocare nell’ampio silenzio

una voce di tregua.

 

I sapienti ti cercano nell’evidenza

dei libri ispirati, nell’eco dei passi

dei tuoi profeti a gloria del mondo.

Ti cercano fino al distacco della retina

sul limitare dei romitori, sul biplano

di luce di una basilica, nel deserto

più impervio della rinuncia o sulle

sponde dei templi invasi dall’acqua;

ti cercano illeso nella tempesta

e ferito nella bonaccia.

 

Ti cercano come l’Invisibile Armata

ma tu non compari nelle foto ricordo

dell’universo e continui a evitare

le piaghe da sonno del firmamento.

Ti sfili dalle mappe e dai telescopi

sbucando fugace nei cantieri dell’alba

attorno al bivacco di un cuore pastore

nell’alveo segreto del fiume stupore.

 

 

 

Tornare ai volti

 

 

Viviamo in tempi di pochi osanna

una congiuntura di tacite mondine

che non sanno più cantare e ripetono

a memoria il dialetto del recluso.

Continuamente inciampiamo

sui curvi sfollati, sui denti

mancanti dei poveri offesi,

sui sogni partoriti dalle atomiche

tattiche, sui palpiti elettrici

sparpagliati a dismisura

come arcieri predisposti

a colpire il cuore interno.

E in questo convoglio intirizzito

crescono le cellule dormienti

gli imbianchini della storia

gli esercenti che amministrano

i corpi assiderati con cinture

di fuoco altamente esplosive.

 

Per questo a noi non resta

che cercare un nuovo inizio

prima che la polizia mentale

compia il suo mandato e divida

il mondo in tante opposte caste.

 

Tornare ai volti accorsi nella luce

differente, tornare appresso

alle ostetriche degli occhi,

ai porti alati delle bocche,

ai chicchirichì del cuore.

 

Tornare ai volti,

rincasare.

 

 

 

[ Poesie vincitrici della IV edizione (2018) del Premio Letterario Il Giardino di Babuk - Proust en Italie | scarica gratuitamente l'e-book del Premio: www.ebook-larecherche.it/ebook.asp?Id=229 ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Fra le camere (Pubblicato il 09/07/2022 12:00:00 - visite: 202) »

:: Il mondo sul filo (Pubblicato il 27/06/2022 12:00:00 - visite: 185) »

:: Io non posso uscire dal mio pensiero (Pubblicato il 16/05/2022 12:00:00 - visite: 277) »

:: Morte del partigiano (Pubblicato il 25/04/2022 12:00:00 - visite: 182) »

:: Quaderno croato (Pubblicato il 18/04/2022 12:00:00 - visite: 229) »

:: Autobiografia del silenzio (Pubblicato il 11/04/2022 12:00:00 - visite: 412) »

:: Quattro inediti (anticipazione) (Pubblicato il 04/04/2022 12:00:00 - visite: 597) »

:: La pace senza vincitore e senza vinti (anticipazione) (Pubblicato il 28/03/2022 12:00:00 - visite: 471) »

:: Poeti russi e ucraini (Pubblicato il 21/03/2022 12:00:00 - visite: 393) »

:: Memorie di un’avventuriera (Pubblicato il 07/03/2022 12:00:00 - visite: 257) »