Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 142 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 8 01:45:35 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Io, virus

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/03/2020 15:44:57

"...Neppure nell’infermità

egli ricercò il Signore,

ricorrendo solo ai medici."

 

2 Cronache (16, 12)

 

 

Io sono un virus. Il mio nome è COVID-19, detto comunemente Coronavirus.

Sono nato non per caso, ma perché voluto, in un laboratorio biologico. Un laboratorio di esperimenti nemmeno segreti.

Anch'io, come la creatura di Frankenstein e tante altre mostruosità nate dal delirio di onnipotenza dell'uomo, sono sfuggito al controllo dei miei creatori. Uno di essi si è infettato e mi ha portato fuori del laboratorio. Mi sono propagato nella loro città e nella loro nazione, e ormai ho invaso il mondo.

Sono stato generato per istigazione di quella forza infera e oscura, che persegue sempre il male, ma che suo malgrado opera sempre il bene.

E così pure io, virus creato per perseguire il male, sto operando per il bene, perché "vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole". Sono diventato un mezzo utilizzato dall'alto per il tuo bene, o uomo. Per farti abbassare un poco la cresta. Per farti ricordare che tu non puoi controllare tutto, che tu non sei il padrone del mondo, che tu non sei il signore della vita e della morte. Per farti ricordare che c'è Qualcuno molto al di sopra di te, a cui tu, prima o poi, volente o nolente, devi render conto.

Perfino un essere minuscolo come me, un virus, vede quella verità che un essere superiore come te, un uomo, non vede. Non perché non riesci a vederla, ma perché non la vuoi vedere, accecato come sei dal tuo orgoglio. La sacrosanta verità è che tu sei una creatura, tu non sei il Creatore!

Non lo sei, ma ti comporti come tale. Ti è stata data la libertà di scegliere tra il bene e il male, non di decretare tu cosa è bene e cosa è male. Difatti la tua presunzione di prendere il posto di Dio ti ha fatto trasformare il bene in male, e il male in bene. Un esempio di quali errori e orrori sono stati causati dalla tua cieca superbia e dalla tua stolta ribellione verso le leggi del Creatore: l'abominio dell'aborto. Nemmeno la satanica sanguinarietà dei popoli precolombiani, con i loro tanti sacrifici umani, compresi quelli di bambini, era giunta a tanto.

Ormai sei diventato così stolto, da preoccuparti soltanto dei virus microscopici che colpiscono il tuo corpo, e neppure ti accorgi degli assai più pericolosi virus macroscopici che attaccano il tuo spirito: i peccati. Virus contagiosi e se non combattuti letali.

Ormai sei diventato così cieco, che neanche ti avvedi che questa strada in discesa che stai percorrendo velocemente conduce all'autodistruzione. Uomo, apri gli occhi e cambia direzione. Guarda che ti è rimasto poco tempo per fare una conversione. Convertiti adesso, perché poi sarà troppo tardi. Infatti sta per terminare il tempo della misericordia, e sta per giungere il tempo della giustizia.

Io, virus COVID-19, sono solo un ammonimento, soltanto un assaggio, solamente un piccolo castigo per farti ravvedere, o uomo. Sono ben altri i flagelli che si abbatteranno sull'umanità.

Perché questi sono i tempi dell'Apocalisse.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gaetano Lo Castro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gaetano Lo Castro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La nuvola (Pubblicato il 07/01/2020 14:11:28 - visite: 115) »

:: La goccia (Pubblicato il 28/10/2019 14:26:55 - visite: 144) »

:: Il ponte dell’arcobaleno (Pubblicato il 07/09/2019 21:53:49 - visite: 185) »

:: Il pupo (Pubblicato il 09/06/2019 10:33:59 - visite: 139) »

:: Nell’alto dei cieli (Pubblicato il 04/04/2019 15:43:43 - visite: 224) »

:: La chiave della biblioteca (Pubblicato il 14/12/2018 13:51:37 - visite: 282) »

:: Occhi e cuore (Pubblicato il 07/06/2018 22:05:17 - visite: 197) »

:: La caverna (Pubblicato il 13/01/2018 21:19:40 - visite: 375) »

:: L’airone bianco (Pubblicato il 20/12/2017 12:52:44 - visite: 409) »

:: Pace (Pubblicato il 10/11/2017 16:04:06 - visite: 409) »