Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 141 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Aug 8 07:53:37 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Condivido riflessione sull’emergenza coronavirus

di Dzemile Jusufi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/03/2020 03:31:30

Sono morte delle persone, sono morti i nostri nonni, i vostri nonni, le nostre zie, le vostre persone care.

Io sono la prima a dire che nella vita si possono fare degli sbagli, perché siamo esseri umani, ma quando questi sbagli costano la vita di altre persone, allora bisogna fermarsi a pensare.

Era un’emergenza, si possono perdonare gli errori, ma questi errori adesso hanno reso il contagio fuori controllo. Non basta stare a casa, non basta lavarsi le mani, non basta uscire a cantare dai balconi, adesso bisogna fare qualcosa di più.

Sono morte delle persone perché non si sono isolate adeguatamente le prime zone rosse.

Sono morte delle persone perchè le ferrovie dello Stato hanno permesso la fuga da Milano.

Sono morte delle persone perché la quarantena è partita quando era troppo tardi e stare a casa non era sicuro, bisognava isolare i contagiati asintomatici.

Sono morte delle persone perché le tabaccherie con annesse slot machine hanno continuato a funzionare fino a 4 giorni fa come niente fosse.

 Sono morte delle persone perché i servizi di trasporto non sono stati fermati.

Sono morte delle persone perché gli ospedali non erano preparati a causa di tagli decennali.

E allora, con tutta la comprensione del mondo, magari sarà anche stato in buona fede, ma io penso che queste morti ora meritino che ognuno di noi si fermi a pensare veramente, si meritano che anche i responsabili di questi errori si fermino a pensare.

E dopo aver pensato capiscano che bisogna trovare persone competenti a gestire l’emergenza (perché dopo tutti questi sbagli, non finirà tanto presto). Persone competenti veramente. Bisogna che chi ha sbagliato metta a disposizione le risorse per sistemare, a costo di rinunciare AL PROPRIO STIPENDIO (perché tanti di noi hanno pagato questo prezzo, non andando a lavorare o chiudendo le proprie attività).

Non voglio puntare il dito, perché con il senno di poi è semplice, ma adesso bisogna fare le cose come si deve a qualunque costo ! E’ ora di smettere di nascondersi. E’ ora di smettere di fare errori. E’ ora di sistemare tutto (anche per rispetto di tutte le persone morte senza un funerale, senza la possibilità di salutare i propri cari).

(Anonimo, ma fate girare perché si possa sentire una voce umana e consapevole dentro ognuno di noi in questa enorme tragedia italiana).  


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Dzemile Jusufi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Dzemile Jusufi, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Capitolo 2 (Pubblicato il 21/09/2018 21:24:50 - visite: 186) »

:: Lo zingarello (Pubblicato il 18/11/2016 16:32:59 - visite: 475) »

:: ossessione cap 1 (Pubblicato il 26/02/2015 02:12:12 - visite: 814) »