Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1452 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 12 09:31:42 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Proust in love

Saggio

William C. Carter
Castelvecchi

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/12/2007

Sulla vita di Proust molto è stato scritto, ed in modo anche mirabile, basti pensare alla monumentale biografia del Painter, ma sul lato sentimentale ed erotico del grande scrittore scende spesso un velo di imbarazzata freddezza.
Il Carter invece ne parla serenamente, e a volte anche con un po’ di spigliata ironia, soprattutto per quanto riguarda gli amori giovanili al liceo Condorcet, dove il giovane Marcel spesso si innamorava di qualche collega e lo corteggiava coprendolo di complicate missive nelle quali tentava di far capire all’amico del momento i suoi puri sentimenti pur non tralasciando le attrattive di qualche meno puro intrattenimento. Seguono poi gli amori più celebri, la prima cotta per Marie de Bernadaky che nel romanzo, presterà alcuni dei suoi tratti a Gilberte Swann, quello per Reynaldo Hahn, per il giovane Daudet, sino a quello tragico e burrascoso per il segretario-autista Agostinelli.
Non mancano gli innamoramenti per dame più o meno titolate, ma ci appaiono come amori di “circostanza” dettati forse più da un interesse mondano che veri e propri struggimenti.
In questa schietta analisi non manca uno sguardo sulle visite che Proust faceva alle case di tolleranza, dalla prima, quasi imbarazzante ed inconcludente fino a quelle più misteriose in bordelli maschili dei quali vi è una ampia descrizione nella Recherche nel famoso episodio della stanza 43.
Molte delle relazioni e avventure sono poi state rese pubbliche da Proust nel corso della stesura della Recherche, ma, come al solito criptate, i personaggi cambiano nome, cambiano anche sesso e questo saggio ci aiuta a capire come sono successe in realtà; chi si cela dietro il nome Gilberte, per esempio o i tratti di varie persone che hanno contribuito alla nascita di Albertine.
Un saggio ben scritto e molto godibile, dove si capisce perché per il Narratore della Recherche l’amore sia sovente doloroso, spesso i tratti di quest’ultimo sono modellati da Proust sulla sua stessa esistenza.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »