Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1582 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 27 09:34:19 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ritorno a Norrland

Romanzo

Claudio Nebbia (Biografia)
Sovera Edizioni

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/01/2012 12:00:00

Come promesso dall’autore, e dal finale aperto del precedente “Il Leone di Norrland”, rieccoci in compagnia di Eothian, nella fatate Sette Terre. Questo sequel delle avventure del giovane eroe di Norrland, ci riporta nelle mitiche terre inventate dalla fantasia dell’autore, Claudio Nebbia, il quale ha creato un mondo in maniera meticolosa e puntuale, animandolo di personaggi e tradizioni che parrebbero talvolta essere presi da fatti reali, tanto è precisa e concreta la loro costruzione. In questa seconda parte della saga molti fili lasciati in sospeso si riannodano, Eothian torna vittorioso dalle terre dei sarzin, sconfitti grazie all’abilità e all’ingegno del giovane, uniti a un coraggio encomiabile. Ma la facile gloria al servizio di una compagnia di ventura non basta al nostro eroe, egli vuole dedicarsi a ritrovare la sorella anch’ella scampata all’eccidio della famiglia, e con lei riconquistare il regno che forze oscure tramano per sottrarre ai legittimi sovrani. Ma non è solo il regno di Irmongard ad essere in pericolo, ma tutte le pacifiche terre governate con equità e giustizia dal re Leodegrance. Ed è proprio quest’ultimo ad essere vittima di una cospirazione che lo vuole morto e sostituito da uno dei ceffi che già organizzarono l’assalto e la morte dei genitori di Eothian. Il cammino di quest’ultimo verso la riconquista del proprio regno sarà proprio costellato di rischi e colpi di scena dovuti alla oscura macchina della congiura che si è fatalmente messa in moto. Non starò a svelare ulteriormente la trama di questo avvincente romanzo per non togliere il gusto della lettura e il piacere dei numerosi stratagemmi messi in atto dal protagonista per giungere alla agognata meta, ma mi preme di sottolineare come la narrazione sia concreta, quasi una precisa cronaca di fatti avvenuti. L’autore non cede a facili scappatoie o semplicistiche vie di uscita che spessa rabbuiano il piacere di questo genere di letture. Anche la magia, che com’è naturale fa capolino, è usata con parsimonia, giusto un ingrediente in più, ma non è mai escamotage per risolvere situazioni difficili. L’autore dà sempre l’impressione di tenere tutta la vicenda sotto controllo, la porta avanti con mano sicura e felice. Tutti gli elementi che via via si incontrano nella lettura hanno il loro peso e significato nella narrazione, non vengono scordati o lasciati in sospeso ma utilizzati sapientemente, come precisi ingredienti: ciascuno ha il proprio peso e la sua importanza nell’economia della storia, e non c’è mai l’impressione delle figurine vuote messe lì dall’autore e poi dimenticate. Un altro degli aspetti piacevoli in questo romanzo è lo studio della società delle Sette Terre, immaginaria, direte voi, sì certo, però in alcune dinamiche si svela una attenta conoscenza da parte dell’autore dell’animo umano. Il manipolare la società attraverso “disturbatori” che inveiscono contro il regno equo e giusto, non ricordano forse certi disturbatori televisivi dei nostri giorni? O i pregiudizi verso talune classi sociali, le iniquità verso i più deboli, o il voler conquistare il potere per il proprio tornaconto, che sono vezzi tanto malauguratamente diffusi ai giorni nostri, vengono contestualizzati nell’ambito immaginario della storia, donandole così una sorta di ossatura reale. Il tutto diventa molto plausibile ed è simpatico vedere come Nebbia riesca a miscelare in una storia di fantasia una sorta di antropologia nel nostro Paese, rendendo gli abitanti delle Sette Terre molto più simili a noi di quanto si possa immaginare.

Ma al di là di ciò resta un bel romanzo, nato da un grande lavoro di costruzione dell’ambientazione e dei personaggi che non mancherà di divertire i più giovani, e non intendo di età anagrafica.

Ora che il regno è riconquistato, la sorella Deirdre ritrovata, e pace fatta, non credo che Eothian se ne starà buono buono nel suo castello, vero signor Nebbia? Chissà, qualcosa mi fa pensare che ci ritroveremo presto a cavalcare tra gli assolati prati in qualche nuova avventura; e poi a Eothian manca una moglie, ogni sovrano che si rispetti ne ha una. Quindi buona lettura a tutti e buon lavoro al bravo “papà” di Eothian, Claudio Nebbia.

 



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Claudio Nebbia:

:: Il leone di Norrland - Sovera Editore
(Pubblicata il 15/06/2010 12:00:00 - visite: 1567) »