:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 374 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 28 23:55:45 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

C

di Gladys Sica
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/10/2018 11:41:22

 

C'è un osceno bagliore

dentro questi illusori mesi.

Aggiunge mistero al mistero

un’eco d’inaccessibili mari.

 

E’ il maggior dovere vivere.

C’è una zona di luce nel dolore,

nella notte delle nostre notti.

Ritornano alla mia anima

le acque rosse del quadro

con una forza che non è solo mia.

 

C’è una domanda che domanda sempre

in quest’errante universo

fatto di dei e d’astri,

di cuori, mani ed uccelli.

C’è un’attesa che ci aspetta

e c’è una possibilità impossibile.

 

C’è una zona d’ombra nell’allegria,

nella mattina delle nostre mattine.

C’è.

dal libro bilingue “Nel fuoco del silenzio –il viaggio”, Gladys Sica, concorso “Antonia Pozzi”, Milano, 2005.

 

 

Hay  

 

 

Hay un obsceno resplandor

  

dentro de esos ilusorios meses.

 

Agrega misterio al misterio

 

un eco de inaccesibles mares.

 

  

Es el mayor deber vivir.

 

Hay una zona de luz en el dolor,

 

en la noche de nuestras noches.

 

Regresan a mi alma

 

las aguas rojas del cuadro

 

con una fuerza que no es sólo mía.

  

 

Hay una pregunta que pregunta siempre

 

en este errante universo

 

hecho de dioses y astros,

 

de corazones, manos y pájaros.

 

Hay una espera que nos aguarda

 

y hay una posibilidad imposible.

 

 

Hay una zona de sombra en la alegría,

 

en la mañana de nuestras mañanas.

 

Hay.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gladys Sica, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Gladys Sica, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Eternit (Pubblicato il 31/10/2018 14:04:10 - visite: 281) »