:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 94 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 5 12:13:22 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Angelo giustiziere

di Francesco Adragna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/03/2022 12:38:19

- Appena sceso dal treno che quotidianamente mi conduceva al lavoro, percepii immediatamente il bagliore di quella luminosa mattina dove il sole, sorto promosso a preludio di primavera, ti scaldava accarezzandoti il viso.

I fiori trionfavano con la spensieratezza simile alla freschezza di una gioventù che utilizza i migliori colori esistenti in natura, e mentre il giallo del gelsomino giapponese decorava alcune siepi, i tulipani esibivano la loro tipica irta fierezza.

La natura rideva incoraggiando tutti quegli uomini indaffarati nei loro adempimenti giornalieri, e le macchine sfrecciavano al ritmo urbano dei semafori, quando vidi due uomini correre tra il traffico dei marciapiedi.

Il loro abbigliamento tecnico suggeriva una sfrenata passione per il running, dalla quale si poteva supporre una certa inflessibilità nel rispetto delle loro tabelle di allenamento.

L’incedere determinato della loro corsa metteva in evidenza lo stile personale e alquanto incerto di uno di loro, e solamente uno sguardo attento sarebbe stato capace di notare che il motivo era la sua cecità.

Poco dopo, uno sguardo ulteriormente curioso mi fece notare che indossava una pettorina con la scritta “NON VEDENTE” e, stringendo con fiducia la mano del compagno, procedeva con qualche incertezza a causa della disattenzione del timoniere che non possedeva una giusta dose di empatia.

Nonostante qualche evidente difficoltà, entrambi erano alla ricerca di un incedere più disinvolto quando, immediatamente dopo un semaforo verde, attraversarono imprudentemente senza rallentare, le strisce pedonali di una strada molto trafficata.

Il marciapiede raggiunto ospitava i portici dell’ingresso di un piccolo centro commerciale.

Li rincorsi con lo sguardo finché non girarono l’angolo perdendoli di vista.

Immediatamente fui pervaso da una sensazione di gioiosa leggerezza simile a una scarica di adrenalina, che dopo realizzai prodotta dalla visione di quella così bella manifestazione di umanità.

Affrettato il passo per non tardare al lavoro, decisi di seguire i due sportivi immaginando di intravederli allontanare, quando, appena girato l’angolo, mi si presentò davanti agli occhi una scena che mi lasciò sbalordito.

Entrambi erano fermi davanti a una vetrina di articoli sportivi specializzati in scarpe per podisti, e l’uomo cieco, con il viso ad un palmo dal vetro e con i suoi sensi mutilati, assisteva all’euforia dell’amico che guardava la vetrina commentando con grande entusiasmo la bellezza dei particolari dell’ultimo modello di un paio di scarpe.

“Sono Bellissime!!! Svariate sfumature di colori si alternano a quel materiale fosforescente alla luce!! Peccato tu non possa capire!”.

Sentito l’amico, il non vedente modificò la sua postura rivolgendo lo sguardo verso il basso e appoggiandosi con una mano sulla parete della vetrina, come per ritrovare un nuovo riferimento dopo essersi temporaneamente smarrito.

Subito dopo, quella breve espressione di sconforto lasciò posto a un’eleganza emotiva che lo condusse a snobbare il disumano gesto d’insensibilità del suo accompagnatore e a ritrovare un contegno esemplare.

Io, nel frattempo, mi ero fermato a guardare esterrefatto la scena attirando l’attenzione dell’accompagnatore che, accorgendosi di essere osservato, ripristinò subito il contatto con l’amico invitandolo a riprendere la corsa verso la piazza vicina.

Forse ero stato troppo esplicito nell’osservarli, ma di certo la mia spontanea sfrontatezza gli avrà suggerito qualcosa riguardo la sua discutibile condotta nei riguardi del suo amico.  

Quando, di lì a poco, mi accorsi di essere in ritardo al lavoro accelerando il passo verso la scuola, fui scosso da una brusca frenata di un’auto seguita da un forte schianto.

Affrettai i tre passi che mi separavano dall’angolo quando vidi il corpo del podista accompagnatore venire sbalzato sul selciato da un’auto che percorreva la strada ad altissima velocità.

Dopo numerose carambole il corpo dell’uomo si arrestò in una posizione innaturale, aveva la testa girata sulla schiena e una gamba che si confondeva con un braccio. I passanti urlavano in preda all’orrore suscitato dalla scena, quando una chiazza di sangue si spanse da sotto quel corpo totalmente distrutto.

Immediatamente, un pensiero mi detonò in mente: “Il cieco!? Dov’era finito?”.

Girai lo sguardo e lo vidi immobile sul ciglio del marciapiede, con un atteggiamento cosciente di quello che era successo, e mentre le persone realizzavano l’accaduto lui giro le spalle ed iniziò a correre.

“A correre?” mi domandai.

“Si” correva.

“Ma… è impossibile” replicai.

La sua corsa si fece sempre più incessante, mentre le sue spalle iniziarono a muoversi in modo strano, stracciando la sua maglietta e mostrando l’aprirsi di due grandissime ali bianche che, in breve tempo, gli fecero prendere il volo all’altezza dei palazzi più alti.

Gli spettatori dell’evento, qualche secondo dopo, videro sparire increduli la figura di quell’uomo uccello.

Rimasero tutti immobili con il viso rivolto a osservare il cielo mentre la mia anima, nonostante quel corpo riverso a terra in una pozza di sangue, sorrideva alla consapevolezza di quello che aveva visto.

Un angelo giustiziere.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Francesco Adragna, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Francesco Adragna, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Un uomo qualunque (Pubblicato il 02/03/2022 12:32:22 - visite: 58) »