Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1295 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 13 19:24:51 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Inner City

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/11/2010 08:28:47

Inner City

 

Di ritorno nella mia città

lancio un ultimo sguardo al ponte distrutto

mi fermo davanti ad una grande porta divelta

senza i battagli portati via

la spingo oltre si apre

ricade con un tonfo secco di terrore

nero fumo denso colora le facciate delle case

che un tempo lontano furono abitate

obliterato dentro i miei ricordi.

 

Qui un fabbro che batte

sugli zoccoli dei cavalli

là si forgiano gli scudi e le alabarde

le spade e gli elmi

la lancia in resta e il volto coperto dalla celata

i cavalieri avanzano audaci

sopra la testa neri sparvieri e piume colorate

oscurano il cielo

volano bassi e minacciosi.

 

Laggiù il vento suona ancora la campana

rintocchi ora lievi ora più forti

si levano i corpi dei morti

a cento a mille e oltre

a riscattare la loro ingiusta fine

davanti alla grande porta

nella piazza deserta che s'apre sulla verità

contro chi trama nell'ombra

mendaci corrotti falsi ipocriti ruffiani.

 

Liberati da cinquemila anni d'inciviltà

in questo mondo estremo

che non vorremmo raccontare

con la stessa rabbia di chi non ha compreso

come gli ignavi

coloro che non sanno

che mai sapere gli è dato

compromessi rancori peregrini.

 

Chiusa è l'acqua delle fontane

un tempo prospera e vitale

spente hanno le fiaccole del futuro

a rischiarare il lento fumo nero che sale

sulle altissime muraglie

levate a difesa della pace di questa triste terra

di quest'isola di morti

che nell'estremo anelito le voci

tacciono per sempre.

 

Che vago e solitario spirito

necessita d'evasione

che grida e lamenti s'espandono ogni dove

germogli di fiori di pietra

di crocifissi appesi alle pareti

e vecchi schemi riottosi e guasti

cui il suono della campana

persa ogni speranza rammenta d'esser morti

affannati persi dietro le parole.

 

Ovunque macerie e fumo nero

mattoni e pietre di tombe sgretolate

non c'è pace tra gli ulivi

spezzate ormai le spade le alabarde

più non alzano bandiere

sostituite da nuove armi e munizioni

vomito di rifiuti interiori

rigurgito della società dabbene

sulla tavola resti di un lauto banchetto.

 

Abbondante splendido sfarzoso

di fiori secchi e coppe rovesciate

candele spente sui candelabri consumati

vassoi ricolmi di polvere

che il soffio arido del vento allontana

quando gettata via la maschera

che ti ricopre il viso ti accorgi d'aver perduto

filosofo muto dei passanti assenti

negli occhi vuoti ciechi

che vagano indifferenti.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: “l’offerta” (..nel tempo dell’epidemia) (Pubblicato il 17/05/2020 12:43:57 - visite: 74) »

:: ’bersaglio mobile’ (Pubblicato il 27/04/2020 07:17:55 - visite: 70) »

:: ‘la linea invisibile’ (Pubblicato il 10/04/2020 18:33:23 - visite: 80) »

:: ’in tempo piano’ (Pubblicato il 08/03/2020 07:30:34 - visite: 89) »

:: ’nous’ (Pubblicato il 12/02/2020 05:37:23 - visite: 127) »

:: ‘fra punto di partenza e divenire’ (Pubblicato il 29/01/2020 05:16:46 - visite: 133) »

:: in-Sé (Pubblicato il 31/12/2019 06:49:11 - visite: 151) »

:: ’della musica ... della poesia’ (Pubblicato il 19/11/2019 01:18:06 - visite: 171) »

:: ’lampi’ (Pubblicato il 09/11/2019 07:12:31 - visite: 190) »

:: ‘ritorno di pioggia’ (Pubblicato il 02/11/2019 16:05:54 - visite: 191) »