Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1608 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 7 15:53:45 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Memoria Tui mihi semper

di Marina Pacifici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/01/2011 09:10:16

Le lancette del mio cuore
nel ghiaccio dei ricordi
si son fermate
all’ora in cui ti sei congedato.

Vivo l’incolore presente
nell’ombra dell’ indimenticabile nostro passato.
Vola la memoria a ritroso
nella valle desolata del mio celato pianto.

M’illumino nell’ emozionante incanto
del tuo sorriso radioso,
come vento m’accarezza l’illusione
d’averti ancora accanto.

Danza l’inverno fra le ciglia malinconiche dell’aurora
che avanza con passi d’argentea brina.
Tu, il mio eterno sole nella tenebra di solitudine
che in manto di silente neve m’avvolge.
Lo sguardo mesto a Te, Sirio mia in singulto muto volge.

Cammino al tuo fianco
verso la rosea mattina
dal nostalgico sentiero bianco
nell’aurora della nostra comunione d’anime senza fine.



Alla cara memoria di mio padre Emilio

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marina Pacifici, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marina Pacifici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Nella valle delle immemori ore (Pubblicato il 01/07/2020 13:47:33 - visite: 40) »

:: L’estate canta alla mia finestra (Pubblicato il 23/06/2020 13:00:27 - visite: 30) »

:: Pensiero (Pubblicato il 16/06/2020 15:47:29 - visite: 35) »

:: Sogno (Pubblicato il 04/06/2020 09:58:15 - visite: 44) »

:: Nell’esilio della solitudine (Pubblicato il 29/05/2020 13:11:46 - visite: 41) »

:: Resto qui (Pubblicato il 16/05/2020 09:56:55 - visite: 61) »

:: Nel giorno della tua festa (Pubblicato il 10/05/2020 12:30:02 - visite: 57) »

:: Dieci anni, un giorno (Pubblicato il 05/05/2020 11:17:38 - visite: 73) »

:: Il silenzio (Pubblicato il 02/05/2020 09:45:09 - visite: 81) »

:: Una sinfonia sospesa (Pubblicato il 22/04/2020 10:48:10 - visite: 76) »