Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1112 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 6 10:41:42 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La coscienza di oggi compromessa dal non senso

Argomento: Cultura

di Ninnj Di Stefano Busą
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/09/2013 10:17:55

La coscienza di oggi compromessa dal non senso

In tutte le societą moderne vi sono stati periodi pił o meno bui, che hanno caratterizzato il declino della morale e dell'etica, oltre che le capacitą dell'individuo di riformularsi in un contesto progressivo di pił matura formazione, consapevole delle pericolose conseguenze nel futuro. Ogni civiltą periodicamente subisce il deterioramento delle conquiste fatte a causa di un lento quanto inesorabile sfaldarsi della coscienza, in cui la consapevolezza del danno che si va a creare sembra minore dell'utile egoistico, (a)morale, disinibito e aggressivo, che si viena a formare in un clima politico economico e sociale difficile. Posto questo teorema, andremo ad analizzare ora alla luce dei nostri giorni, la situazione dell'attuale societą supertecnologica postmoderna. Essa č il frutto un po' avariato di una tendenza al lassismo, che ogni nuovo periodo storico apporta e dentro il quale, pił o meno coscientemente l'uomo investe tutto il suo capitale genetico, il suo livello intellettuale, la sua formazione educativa, il suo grado di giudizio e discernimento, le sue pił alte potenzialitą, le sue fragilitą o debolezze, il diverso grado di rapportarsi alla religione, al progresso, alla Storia.
Una necessitą irrinunciabile sembra essere ai nostri giorni l'affrancamento da ogni veritą vera o presunta, da ogni riferimento valoriale in relazione al comportamento, al diritto alla vita, alla libertą, alla societą. Forse neppure ce ne accorgiamo, ma č difficile credere che le facoltą migliori del soggetto sano di mente oggi siano talmente stravolte da essere giunti sull'orlo dell'abisso. Nel clima culturale in cui si vive, le remore sono bandite, e anche le regole, definite superflue e inadeguate nel clima del post-modernismo nel quale solo la confusione regna sovrana.
Qui, perņ, entra in ballo il futuro dell'umanitą: le conseguenze non sono valutabili, ma danno segno d'inquietudine, avvisano che siamo molto vicini a provocare conseguenze temibili per la gravitą dei problemi in gioco. Vi č una debolezza di fondo nel tessuto sociale di questa nuova era che fa pensare ad una insufficiente informazione, che possa risultare idonea a comprendere che la resa dei conti č pił prossima di quanto immaginiamo. In parte č aggravato dai mass-media che giornalmente ci bombardano di vacuitą: il palcoscenico č vasto, si va dalle idiozie, alla prospettiva di un bene vanesio che č occasione di indebolimento delle coscienze, soprattutto dei giovani, che non hanno la visione interamente adeguata della conoscenza e dell'esperienza. Questa confusione di ruoli, di fini, di progetti induce a sovrastare il bene comune a favore di spinte riduttive per l'umanesimo e per l'illuminata visione della vita. Non si fa che giocare al rinvio, quello che non č fatto oggi lo otterremo domani: ma cos' č, dunque, questo gioco al massacro?quale maleficio ci nutre di dentro facendoci perdere le prospettive future? Di fronte a comportamenti cosģ massificati, senza dettami ideologici, senza spinte di legalizzazione, il compromesso porta a promuovere come finalizzazione ultima le remore coscienziali, per essere liberi di agire a proprio piacimento, senza dover rinunciare alle lusinghe della propaganda e delle mobilitazioni opportunistiche. Ma per essere libero veramente l'uomo non puņ esimersi dal dover educare il pensiero alla veritą alla conoscenza e al sacrificio. Difendere il proprio diritto alla scelta non sempre č segno di libertą. Chi nutre passioni discordanti e criteri di valutazione che esortano all'edonismo e al piacere dell'immediato, difficilmente riflette sulle cattive conseguenze di comportamenti brutali e dissennati, salvo poi doversi trovare a fare i conti con la coscienza...Non bisogna confondere la libertą con il libertarismo, perché č proprio il libertarismo che ha generato il nichilismo con conseguente imbarbarimento dell'attuale societą. La dignitą e la responsabilitą sono i luoghi da raggiungere per una correzione di rotta, per un'autoreferenzialitą del soggetto come individuo <libero>, ma consapevole e degno di questa libertą faticosamente conquistata che darebbe al recupero della dignitą, quella rinascita umana, culturale, religiosa di saper distinguere il bene dal male: saper riconoscere la necessitą di un risveglio di coscienze č auspicabile per la vera rinascita di una societą smarrita e claudicante, che vaga senza criteri di valutazione certa verso gli imponderabili scenari futuri, che non saranno certo rosei, senza una rivisitazione dell'impianto-uomo, senza una revisione e ottimizzazione degli strumenti in suo possesso, che gli sappiano indicare la strada della ragionevolezza e forse pure della salvezza.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ninnj Di Stefano Busą, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puņ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pił vai alla pagina personale dell'autore »]

Ninnj Di Stefano Busą, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] La Poesia cos’č (Pubblicato il 17/02/2016 22:20:37 - visite: 1174) »

:: [ Politica ] Ecatombe nel mediterraneo (Pubblicato il 20/04/2015 16:45:56 - visite: 686) »

:: [ Letteratura ] Interviste rilasciate da Ninnj nei vari anni (Pubblicato il 01/11/2014 21:22:49 - visite: 1074) »

:: [ Scienza e fede ] Il declino porta a riflessioni sull’evangelizzazione del mon (Pubblicato il 08/06/2014 11:08:46 - visite: 930) »

:: [ Scienza e fede ] Il declino porta a riflessioni sull’evangelizzazione del mon (Pubblicato il 03/06/2014 12:12:18 - visite: 907) »

:: [ Letteratura ] Reciprocamente la Poesia ha bisogno dell’uomo e questi (Pubblicato il 07/05/2014 16:37:06 - visite: 1135) »

:: [ Letteratura ] La Poesia cos’č (Pubblicato il 22/02/2014 10:54:19 - visite: 1229) »

:: [ Letteratura ] La situazione oggi non č un incontro con Cristo (Pubblicato il 15/11/2013 10:20:11 - visite: 1114) »

:: [ Scienza e fede ] Il volto umano di ogni processo spirituale (Pubblicato il 09/09/2013 08:51:31 - visite: 1098) »

:: [ Letteratura ] Scienza, Filosofia e Teologia (Pubblicato il 30/08/2013 09:47:05 - visite: 1147) »