:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1742 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 18 04:08:25 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La stazione della mia nostalgia

di Marina Pacifici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/07/2011 13:34:14

Ti ho cercato
alla stazione
tra la folla accalcata sotto la pensilina.

Ho comprato un biglietto sola andata
al botteghino dei sogni
per raggiungerti
ad ignota destinazione.

Il fremito dolente
nell’incendio avvampante del rimpianto
soltanto un istante vorrei rivederti….

La banchina affollata
del primo binario,
il mio sguardo ansioso e commosso
la gioia trepidante d’una bambina.

Era dolce e radioso il mattino
allora.

Orfano di luce,
derubato del tesoro della tua voce
ora
nel caldo soffocante di luglio,
la memoria mi lacera l’anima in crudele artiglio.

Un gruppo di ferrovieri in divisa grigio azzurra
S’avvicina
E la nostalgia all’anima ferita il nome tuo
Ogni istante sussurra.

E mi rivedo bambina,
ad attenderti
col treno in arrivo sulla grigia banchina.


Il dardeggio caldo del sole,
volano verso Te
perdutamente lontano
esuli e raminghe le mie parole.

Non sei Tu
l’uomo sorridente
Nel binario deserto, lontano.

Invano
a Te protendo la vuota e stanca mano.

La squadra del turno del mattino
s’inoltra in fondo al binario
e ti rivedo
a tracciare percorso ed orario
d’un treno in itinere,
nell’scuro disegno della vita nostra,
del destino cinico che i candidi sogni di nere lacrime inchiostra.

Senza Te
orfane e nelle cenere del rimpianto delle mie sere.

Fremono nel vento della solitudine
scarlatte bandiere.

Le emozioni in coro
valicano inarrestabili le frontiere….

Un gruppo di ferrovieri sorseggia un caffè,
nell’afa estiva,
un attimo di ristoro….
Ma tu non sei più insieme a loro.

T’attendo ancora
sul binario desolato della mia nostalgia
rovente di solitudine e d’amarezza
da quando sei andato via.

Ti cerco nella fotografia
dai contorni rubati dal tempo,
prima che l’inesorabile signora
della tua vita facesse scempio.

E ti ritrovo nei pixel vividi della memoria,
nel bianco e nero del mio batticuore,
nel fermo immagine d’amore
che nell’anima mia
sospesa resterà.

Come il trillo della campanella
al primo binario,
dove ogni alba
il cuore mio desolato
t’attende invano e solitario….

Il treno di nuovo giungerà,
nel viavai dei pendolari.
Invano con lo sguardo velato di lacrime
cercherò l’aurora dei tuoi occhi d’autunno
infinitamente cari.

Tu fra loro non sarai….
Nell’allegro vocio
che l’antica stazione di frontiera animerà….

M’ammanto della luce del tuo caldo
e radioso ricordo,
m’inebrio della carezza del tuo sorriso
nella tenebra della mia anima, solare dardo
che nella notte polare della mia solitudine
soave sole di mezzanotte sarà ….

Ora e sempre….
…Papà.







« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marina Pacifici, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marina Pacifici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ti porto con me (Pubblicato il 07/04/2021 12:27:55 - visite: 190) »

:: Ancora ritorni, primavera (Pubblicato il 28/03/2021 11:11:40 - visite: 139) »

:: Vento di primavera (Pubblicato il 14/03/2021 16:36:53 - visite: 277) »

:: Un sogno in bocciolo per la testa (Pubblicato il 21/02/2021 14:53:05 - visite: 146) »

:: Per mia madre (Pubblicato il 12/02/2021 16:41:03 - visite: 161) »

:: Pioggia battente (Pubblicato il 08/02/2021 16:39:28 - visite: 123) »

:: Il sole d’inverno rischiara i binari (Pubblicato il 31/01/2021 14:28:51 - visite: 232) »

:: Firenze mi palpita nel cuore (Pubblicato il 28/01/2021 18:04:35 - visite: 137) »

:: Con il cuore in frantumi (Pubblicato il 25/01/2021 17:31:42 - visite: 149) »

:: Marina e Marina (Pubblicato il 23/01/2021 15:45:31 - visite: 141) »