Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 666 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jul 11 18:09:27 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Elogio del libro

Argomento: Letteratura

di Teresa Nastri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/02/2015 19:04:01

Elogio del libro

 

     Da qualche meseè in circolazione un libro di racconti: una nuova piccola creatura gettata - come tante altre, come tutti noi - nel vortice della vita sensibile, esposta agli urti e a tutti i rischi di ciò che appare, vive (un anno o un secolo, qualche volta di più) e poi muore. O semplicemente ‘passa’, scivola fuori dal campo visivo, ed è proprio come se morisse, perché ci sono cose -  come un libro - che vivono solo e ogni volta che qualcuno le “chiama in vita”. In se stesse, queste ‘creature’ - presenze intermedie fra uomo e mondo, e più ancora fra uomo e uomo - sono prive di qualsiasi autonomia di vita. Sono depositari, ignari, di saperi complessi com’è complessa la vita, dei quali custodiscono il segreto ma anche la chiave di accesso - che però bisogna saper cercare, come gli eroi delle vecchie fiabe dovevano cercare la mappa che portasse al tesoro nascosto.

     E tuttavia, mentre il tesoro nelle fiabe era uno e uno solo, la sapienza che si deposita nei libri -  e qui non si allude a quelli importanti, che nascono già pesanti di contrassegni araldici, ossia accademici, ma a quelli segnati dalla leggerezza stessa dell’essere, che perciò hanno bisogno di essere sostenuti e ancorati, perché sempre a rischio di essere trascinati via, nel turbine inarrestabile di tutto ciò che è - la sapienza dei libri leggeri, si diceva, ha la proprietà magica di rinnovarsi ogni volta, di crescere nella misura stessa in cui viene còlta e fatta propria da ogni singolo lettore. Perché un tale libro è al tempo stesso uno specchio, che ri-flette chi vi si affaccia trasformandolo, euna creatura polimorfica, che si lascia trasformare a sua volta adattando il mondo che proietta al mondo di chi potrebbe abitarlo. Il prodigio della moltiplicazione dei saperi avviene perciò attraverso l’incontro di mondi diversi - quello del libro e quelli di tutti coloro che via via lo leggeranno - perché la materia spirituale ha la proprietà di duplicarsi ad ogni scambio, sicché la fonte di ciascuna donazione, anziché prosciugarsi, si arricchisce di ciò che a sua volta riceve.

     Fra i libri a cui si addice il carattere della leggerezza, i più leggeri di tutti sembrano essere quelli che raccontano storie, specie se brevi, apparentemente slegate fra loro, come atomi spersi nell’iperspazio dell’immaginario, in attesa dell’energia psichica capace di raccoglierle insieme con un atto di donazione, per conferir loro un senso unitario. O per lasciarle così, come tante piccole monadi, metafore inconsapevoli della insuperabile solitudine dell’Uomo.

     Un piccolo libro così, ho gettato  di recente nel vortice dell’esistenza. E ora tremo per lui, per la sua leggerezza indifesa e priva di ancoraggi. Se al lettore di questa pagina accadesse di incontrarlo, non sia brusco; se - avvicinandolo - lo ritenesse inadeguato alle sue aspettative, non lo biasimi per questo. I libri sono tutti innocenti, perciò non ricada su di essi la colpa dei padri. O delle madri!


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Nastri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Nastri, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia ] Da Jan Hus a Jan Patocka... (Pubblicato il 14/10/2015 17:36:54 - visite: 899) »

:: [ Esperienze di vita ] Coma, Semi-coma... (Pubblicato il 08/10/2015 13:05:58 - visite: 1029) »

:: [ Letteratura ] Arti e Artifici (Pubblicato il 15/05/2015 10:20:24 - visite: 565) »

:: [ Filosofia ] Jan Patocka (Pubblicato il 06/12/2014 09:31:19 - visite: 614) »

:: [ Filosofia ] Spinoza (Pubblicato il 22/11/2014 12:24:03 - visite: 621) »

:: [ Informatica ] Uomini o...Alieni ? (Pubblicato il 16/10/2014 18:10:25 - visite: 801) »

:: [ Filosofia ] Felicità (Pubblicato il 17/09/2014 20:16:35 - visite: 724) »

:: [ Antropologia ] Rapina con Sorpresa (Pubblicato il 13/07/2014 18:29:51 - visite: 860) »

:: [ Sociologia ] Donne : “angeli” domestici o custodi di senso ? (Pubblicato il 29/04/2014 16:47:30 - visite: 704) »

:: [ Politica ] L’Affare Moro (Pubblicato il 26/04/2014 16:54:26 - visite: 926) »