Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 283 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 17 19:30:10 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

la lotta col demone: hölderlin, von kleist, nietzsche

Argomento: Letteratura

di Alberto Castrini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/12/2018 21:46:34

Il filo conduttore dell'analisi di Stefan Zweig è l'inconciliabilità dei tre personaggi simbolo con il mondo in cui vivono. Meglio dire con il mondo che li circonda, li assedia.

Molto intelligente il raffronto dei tre con “la misura”, incarnata da Goethe.

Hölderlin all'inizio deve disfarsi del mito di Schiller, gli scrive:” Talvolta sono in segreta lotta col vostro genio per salvare la mia libertà”.

Ma principalmente deve evitare Kant, definito da Zweig: “...solo cervello, spirito. Un gigantesco e gelido blocco di pensiero che ha profondamente ostacolato la produttività dell'era classica, stroncando la sensibilità, la gioia di vivere, il libero volo degli artisti... Un negazionista della natura, privo di spontaneità”.

Hölderlin invece crede nella origine divina della Poesia che per lui non è ornamento ma senso e finalità supreme.

Egli non trae versi dal suo sangue, semi, nervi, sensi...ma da una naturale nostalgia verso l'irraggiungibile mondo superiore.

Trasforma perciò la vita in poesia ma rifugge dalla vita nella poesia, rifugiandosi nella realtà superiore e più vera della sua esistenza.

Von Kleist è definito un fanatico della disciplina esercitata su se stesso con metodi prussiani d'insegnamento. Fu in eterno contrasto con se stesso.

La sua tragicità e grandezza sta nel suo gettarsi tutto intero in un sentimento senza trovare mai la via del ritorno se non esplodendo o autodistruggendosi.

Sweig non riesce a spiegare nulla dei suoi problemi sessuali, che paiono invece essenziali in von Kleist.

Per Nietzsche il cambiamento radicale, il suo rinascere, avviene dal viaggio in Italia con la scoperta della luce. Diventa senza patria, uccello libero.

Griderà: Sono evaso!

Nietzsche riuscì a tollerare così a lungo la vita solo perché fu pronto a gettarla via ogni ora.

L'istinto di autodistruzione o auto rigenerazione diventa poco a poco la sua passione spirituale.

In conclusione un testo che può ben introdurre all'analisi dei tre giganti e al loro peso nella letteratura tedesca ed europea.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Castrini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Religione ] Senza Dio di Giulio Giorello (Pubblicato il 13/08/2020 22:07:59 - visite: 38) »

:: [ Storia ] Hitler di Joachim Fest (Pubblicato il 16/04/2020 22:36:02 - visite: 113) »

:: [ Storia ] I Crociati di Johannes Lehman (Pubblicato il 18/03/2019 23:47:08 - visite: 279) »

:: [ Storia ] La Grande guerra, un racconto in cento immagini (Pubblicato il 10/01/2019 22:19:04 - visite: 219) »

:: [ Politica ] La scuola dei dittatori di Ignazio Silone (Pubblicato il 27/06/2018 21:32:02 - visite: 266) »

:: [ Musica ] Guida al teatro d’Opera di Aldo Nicastro (Pubblicato il 16/05/2018 22:11:43 - visite: 245) »

:: [ Fede ] Dio e il suo destino (Pubblicato il 15/07/2017 21:48:41 - visite: 568) »

:: [ Letteratura ] Louis-Ferdinand Céline gatto randagio (Pubblicato il 29/05/2017 22:10:59 - visite: 631) »

:: [ Musica ] Mille e una Callas. (Pubblicato il 20/05/2017 22:37:47 - visite: 556) »

:: [ Arte ] Da Hayez a Boldini. (Pubblicato il 06/05/2017 22:03:47 - visite: 466) »