Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 146 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 21 07:10:39 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Essere ignoranti non è una opzione.

Argomento: Società

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/09/2020 18:28:39

Di Pasquale D’Aiuto, avvocato, tredici settembre ventiventi <> <<Guarda, quel che so è che, se dovessi votare per la conferma, aggiungerei un accento a quel “SI”, a costo di farmi annullare la scheda!>> <> <> <> <<No, veramente no: è in ballo solo il numero – certo, con quel che ne consegue – ma quel post sgrammaticato che gira su qualche social è una delle innumerevoli cazzate che potresti facilmente smascherare se, invece di scattarti selfie allo specchio del bagno con l’orribile spazzolone per il wc ben in vista (tra l’altro, in plastica bianca e scadente) o attribuire ad Alda Merini qualsiasi nefandezza, facessi un giro su Wikipedia>>. <<Quindi, non sei DACCORDO?>> <<No, non sono… d’accordo. Ora scusami, devo proprio dar da mangiare al mio canguro>>. Ho adottato l’argomento (sensato) più in voga del momento per esprimere un concetto semplice, semplice: non si può più essere ignoranti. La facilità nell’ottenimento di informazioni attendibili e condivise è estrema: basta avere uno smartphone, internet ed un cervello. Ora, i primi due ce li hanno tutti; il terzo, no. Quindi, chi non possiede il cervello, è perdonato perché ad impossibilia nemo tenetur. Gli altri, proprio non posso giustificarli. Soprattutto quelli che sfoggiano lauree, specializzazioni, master, patenti linguistiche assortite, incarichi apicali (veri o falsi) e magari si ostinano a pronunciare management con l’accento sulla seconda “a” invece che sulla prima: no, quelli sono il male assoluto. Ah, certo: poi ci sono coloro che restano prigionieri di petizioni di principio, come i famigerati negazionisti… però lì è una questione pressoché religiosa, quindi non ci metto becco. Ma tutti gli altri? Eppure, l’accesso alla conoscenza è divenuto così semplice! Vi farò un esempio. Quando ero molto giovane e frequentavo il Conservatorio di Salerno, ove avrei, poi, conseguito il diploma finale in pianoforte, il Maestro Davide Costagliola mi assegnava dei brani da studiare. Ebbene: io partivo da ZERO. Zero. Non c’era youtube, dove ascoltare da cento musicisti diversi altrettante interpretazioni, autorevoli e meno; non i tanti siti web da cui scaricare partiture; non le chat whattsapp oppure i gruppi social grazie ai quali confrontarsi. Comprai la raccolta dei Notturni di Chopin, stampati e pure in cd per poterli ascoltare, recandomi apposta alla Feltrinelli a Salerno; e pagandoli salatamente! Poi, al mio matrimonio, 15 anni dopo, decisi di suonare una composizione dell’artista polacco: con autentica gioia, potei tranquillamente scaricarmi lo spartito, a casa, gratis, da non so nemmeno più dove. Voilà! Era la modernità, la cultura per tutti, la democrazia del sapere! Evviva il progresso! E vi risparmio le ricerche di scuola elaborate grazie all’enciclopedia cartacea, che molti ricorderanno con terrore e tenerezza, perché quello era proprio il mesozoico. Eppure, ho 41 anni, mica 81! E gli esempi sarebbero infiniti. Ora, posto che dobbiamo sempre rimanere umili e tenere a mente quel meraviglioso “So di non sapere” di un certo Socrate, in definitiva, oggi, domando: che scusa abbiamo per non conoscere quanti siano i parlamentari, chi fosse Mandela, chi rappresenti così beeene le nostre categorie professionali, perché Maradona sia stato indubbiamente il più grande calciatore della storia e come si scriva correttamente l’affermativo “SÌ”? (Ecco, appunto.)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Giurisprudenza ] Quando l’avvocato diventa un questuante. (Pubblicato il 31/07/2020 20:57:02 - visite: 80) »

:: [ Letteratura ] Non ci credo più alla favoletta dell’inefficienza. (Pubblicato il 30/06/2020 21:20:08 - visite: 92) »

:: [ Letteratura ] Fa l’avvocato per passione o desisti. 14 giugno 2020 (Pubblicato il 14/06/2020 17:52:40 - visite: 87) »

:: [ Educazione ] Non offendete la M. Undici giugno duemilaventi. (Pubblicato il 11/06/2020 13:03:11 - visite: 75) »

:: [ Giurisprudenza ] Bene- E ben oltre il flash Mob. (Pubblicato il 01/06/2020 17:54:29 - visite: 104) »

:: [ Giurisprudenza ] Il lavoro, se non è retribuito, non è lavoro. Tranne che per (Pubblicato il 27/05/2020 19:58:59 - visite: 94) »

:: [ Società ] Come smontare l’interlocutore inutile. (Pubblicato il 21/05/2020 15:45:52 - visite: 97) »

:: [ Giurisprudenza ] Si piecoro te fai ’o lupo te magna. (Pubblicato il 15/05/2020 13:40:34 - visite: 105) »

:: [ Società ] Silvia Romano e la Sindrome di Stoccolma. (Pubblicato il 11/05/2020 12:00:14 - visite: 106) »

:: [ Società ] Comprendere il bene comune non è da tutti. (Pubblicato il 01/05/2020 11:47:36 - visite: 164) »