Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 297 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 31 17:09:15 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Vi invidio, o semidei del parcheggio sui marciapiedi

Argomento: Letteratura

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/10/2020 09:21:40

Di Pasquale D’Aiuto, avvocato-utente-della-strada, undici ottobre venti venti La mattina, come molti, accompagno i miei figli a scuola. Con la macchina. Meno spesso di quanto vorrei ma lo faccio. Ed eccole: vetture innanzi all’ingresso, esattamente al termine delle strisce pedonali in uso a bambini piccoli e genitori affannati; vetture al posto dei diversamente abili, che non a caso sono il più vicino possibile agli accessi od alle uscite; vetture sui marciapiedi, che costringono alla loro circumnavigazione col rischio di finire sotto altre vetture, che sfrecciano nei pressi di una scuola. Poi, vado al lavoro, sempre con la macchina, tra uffici giudiziari, studio, clienti, riunioni. M’imbatto nel traffico? Sono automobili in sosta sulla destra, sulla sede stradale, ad occupare una corsia o, magari, in corrispondenza d’una curva, che rendono impossibile la manovra di qualche autobus. Oppure in seconda, terza fila. Lasciate così, chiuse, definitive, immote. Dei totem di lamiera. (Clacson, tetris, niente vigili, nevrosi.) Poi mi ritrovo al supermercato: veicoli al di fuori delle strisce, davanti ai carrelli, contromano nel parcheggio, in aperta disfida contro i malcapitati con le buste. Beh: io, quei conducenti, li invidio. Non li detesto mica: li invidio, quegli esseri celesti! Anzi, invidio la seconda categoria di tali non-pensanti (in senso buono), quella dei serafici. Perché la prima appartiene ai disperati, che non hanno paura di nulla e nulla da perdere, e quelli non li invidio. Ma i secondi, sì! Beati loro. Devono essere fiduciosi, ottimisti, fatalisti, leggeri come piume! Serve il latte? E che ci vuole, quattro frecce ed un minutino di sosta, entro ed esco: voilà! Un amico cammina sul marciapiedi? Sarebbe scortese non fermarsi per una decina di secondi a salutarlo, a chiedergli come sta la famiglia! E pazienza se dietro c’è la fila. Stanno procedendo in autostrada nella corsia centrale e arriva un messaggino sul cellulare? Beh: deve essere subito letto! Quindi, rallentano – ci vuole prudenza! – e restano su quella corsia – mai cambiarla, senza il perfetto controllo dell’auto… e che fa se c’è il tizio nervosetto dietro che vorrebbe passare! Queste persone devono aver scoperto un segreto che io ignoro, perché per loro la strada è libertà, autonomia, emancipazione! Mi domando se vivano anche il resto della loro esistenza – quella a piedi, per intenderci – con tale, aulica levità: spero di no, sennò devo invidiarli ancor più e potrei scoppiare. Difatti, la loro strafottenza non è umana: devono essere discendenti di qualche razza aliena oppure semidei, non c’è altra spiegazione. Perché io, che sono banale e benpensante, mi preoccuperei del karma, delle multe e pure dei chitemmuo’! E quindi vi invidio, o esseri super-umani geniali, che non rallentate in presenza di passeggini, che sostate davanti ai cancelli, che impedite l’apertura della altrui vetture, che ostruite l’accesso ribassato per i disabili! Provo invidia ma, al contempo, gratitudine: voi m'insegnate che la vita va vissuta con spensieratezza, che la strada è solo un mezzo e non un fine, che guidare è fantasia! Se tutti noi sapessimo imitare la vostra lungimiranza, il mondo sarebbe un posto migliore. Mi prostro, io, piccoloborghese del volante! Mi prostro e mastico un chitemmuo’.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Giurisprudenza ] La ’giustizia sportiva’ e... l’illiceità della previdenza! (Pubblicato il 15/10/2020 21:52:38 - visite: 230) »

:: [ Società ] Essere ignoranti non è una opzione. (Pubblicato il 13/09/2020 18:28:39 - visite: 250) »

:: [ Giurisprudenza ] Quando l’avvocato diventa un questuante. (Pubblicato il 31/07/2020 20:57:02 - visite: 97) »

:: [ Letteratura ] Non ci credo più alla favoletta dell’inefficienza. (Pubblicato il 30/06/2020 21:20:08 - visite: 99) »

:: [ Letteratura ] Fa l’avvocato per passione o desisti. 14 giugno 2020 (Pubblicato il 14/06/2020 17:52:40 - visite: 96) »

:: [ Educazione ] Non offendete la M. Undici giugno duemilaventi. (Pubblicato il 11/06/2020 13:03:11 - visite: 93) »

:: [ Giurisprudenza ] Bene- E ben oltre il flash Mob. (Pubblicato il 01/06/2020 17:54:29 - visite: 116) »

:: [ Giurisprudenza ] Il lavoro, se non è retribuito, non è lavoro. Tranne che per (Pubblicato il 27/05/2020 19:58:59 - visite: 105) »

:: [ Società ] Come smontare l’interlocutore inutile. (Pubblicato il 21/05/2020 15:45:52 - visite: 110) »

:: [ Giurisprudenza ] Si piecoro te fai ’o lupo te magna. (Pubblicato il 15/05/2020 13:40:34 - visite: 121) »