Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 80 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 1 20:46:32 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Riflessioni sulla condizione umana

Argomento: Filosofia/Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2020 18:09:39

 

Guido Brunetti

Riflessioni sulla condizione umana

 

Nel caotico divenire del mondo, si viene sempre più rafforzando l'idea, convalidata dalle brillanti e straordinarie scoperte delle neuroscienze, di una natura egoistica dell'uomo e dunque di una società fondata su meccanismi individualistici.

 

La post-modernità con le sue trasformazioni porta non alla liberazione, ma all' alienazione dell'individuo, danneggiando quell' umanità etica, che da sempre ha sorretto la nostra civiltà occidentale. Certezze, principi e valori si sono sciolti, liquefatti. Sono scomparsi l'anima, Dio e la dimensione del sacro e del trascendente. C'è solo l'utopia del presente. Un progressivo impoverimento umano, culturale e morale. Un futuro privo di prospettive. Con i giovani che vivono in una condizione di marginalità e l'emergere di sottoculture malevoli e violente dei social. Un malessere in crescita. Che sta conducendo a una società ansiosa e insicura, stressata e impaurita,  incapace di realizzare la sua grammatica emancipatrice. C'è un nuovo modello di pensiero, rompere con il passato (J.F. Lyotard).

 

Stiamo attraversando una crisi antropologica caratterizzata da legami affettivi, emotivi e sociali inconsistenti che favoriscono l'emergere di un'atmosfera di insicurezza e dunque, come concorda P. Mishira, di paura. Affiora il senso di una grande solitudine e come diceva Leopardi con la tragicità della condizione umana. L'immagine che la società ci offre è quella di una visione amara e dolente.

 

Lo spirito del tempo volge  verso  una crisi che coinvolge un insieme di sistemi, come la civiltà occidentale, la Chiesa, la religione. La civiltà sta crollando, per P. Bruckner, perché il sapere è diventato il " nuovo nemico". Si esaltano gli incompetenti e l'incompetenza e dunque l' ignoranza. La cultura è un disvalore. L'ignoranza è una virtù. Oggi, un uomo politico piace nonostante non sappia il congiuntivo, meglio, proprio perché non sa il congiuntivo. Manca la cultura, ma mancano la forza morale e un Io ideale. Sta di fatto che la cultura, come sosteneva Cechov, rappresenta una vittoria dell'umanità e della civiltà, poiché la sua più alta e sacra missione è di "servire" e promuovere"l'essere umano".

 

Come? Recenti scoperte neuroscientifiche ci offrono l'immagine di una persona umana dotata non solo di comportamenti brutali, ma anche di empatia. L' avvento di un'età dell' empatia potrebbe realizzare una società più solidale, riscoprendo quei valori quali creatività, pietà, altruismo e sacrificio, che sono stati, come conferma Faulkner, la gloria del passato dell'uomo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Scienza ] Un autorevole riconoscimento al prof Guido Brunetti (Pubblicato il 27/02/2021 17:59:26 - visite: 15) »

:: [ Scienza ] Moralità e coscienza nell’ uomo e negli animali (Pubblicato il 09/01/2021 09:07:25 - visite: 71) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Saggezza, interiorità e cura dei disturbi psichiatrici (Pubblicato il 02/12/2020 12:40:35 - visite: 67) »

:: [ Letteratura ] La donna angelicata (Pubblicato il 28/11/2020 09:14:01 - visite: 87) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Una postmodernità misologa (Pubblicato il 16/11/2020 18:25:50 - visite: 83) »

:: [ Scienza ] Guido Brunetti autore di neuroscienze (Pubblicato il 14/11/2020 17:47:20 - visite: 259) »

:: [ Filosofia/Scienza ] L’ombra più dolce. L’uomo e il cane (Pubblicato il 11/11/2020 15:44:02 - visite: 82) »