:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 176 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 22 04:50:44 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mamma è...

Argomento: Letteratura

di antonella giordano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/05/2021 17:43:26

MAMMA E’…

Per “Save the Children” anche nel 2021 è “equilibrista”

 

Mamma non è perfezione, mamma è avere il coraggio in modo imperfetto di superare i propri limiti con la forza dell’amore.

 

Il Rapporto 2021 di Save the Children “Le Equilibriste: la maternità in Italia” , diffuso in occasione della Festa della mamma, conferma la definizione anche quest’anno il ruolo materno multitasking.

In tempi pandemia il podio riservato alla mamma svetta incontrastato.  Nel Rapporto Equilibriste 2021, infatti, si legge che 249 mila donne hanno perso il lavoro e che 96 mila erano mamme. Tra queste 4 su 5 con figli con meno di 5 anni costrette a sacrificare la propria posizione lavorativa per seguire i bambini.

Ma mamma è funambolare per i figli e molto altro.

 

 

Che  sia bionda, bruna o rossa, che sia alta o che sia bassa, che sia giovanissima o meno giovane, che sia dolce o severa, colta o semplice, lavoratrice o casalinga, silenziosa o loquace, remissiva o pasionaria, la genitrice è la figura determinante nella vita di ogni essere umano e ne è testimonianza il fatto che occupa da sempre ogni settore del panorama espressivo, dalla letteratura alle arti figurative, dalla musica al teatro, passando per tutte le confessioni religiose.

E’ madre protettrice dei figli nella letteratura (epica o drammatica) del mondo classico anche se dea (Teti con Achille o Venere con Enea) o assertrice del ruolo fino al punto di trasformarsi in un’algida matricida (Medea arriva ad uccidere i figli avuti da Giasone per vendicarsi di lui). E’, nel Cristianesimo, la dolce, silenziosa Maria, madre di Gesù.

La madre madonna viene celebrata per tutto il Medioevo e fino al Seicento in ogni espressione artistica. Saranno l’Ottocento e il Novecento i periodi storici in cui la mamma diventa la custode dei valori familiari da trasmettere, colei che mantiene in equilibrio la famiglia (chi non ricorda la figura della madre in Manzoni, in Verga, Pascoli, Foscolo, Ungaretti, Quasimodo?)  e/o, al tempo stesso, causa di edonismi, complessi, sindromi  psicanalizzati da Sigmund Freud .

Che dire poi della mamma nel mondo dell’arte?  Molti artisti hanno raccontato, rappresentato, musicato la dolcezza, l’amore e la grandezza del topos materno.

 

E festa sia ma…quando?

Presente nella memoria collettiva la mamma è stata sempre festeggiata anche se la data è stata costretta a subire il destino delle tante ricorrenze mobili. In Italia, la prima giornata ufficiale dedicata alla maternità è stata organizzata durante il fascismo, il 24 dicembre 1933, per premiare le madri prolifiche. L’aberranza della celebrazione restò marginalizzata all’evento.

Dal 1959 al 2000 si elesse l’8 del mese di maggio per festeggiare la mamma. Dall’anno 2000 è, tuttavia, prevalso lo spirito della globalizzazione anglofila (in accordo, peraltro, con l’origine statunitense) e la festa è ormai calendarizzata alla seconda domenica di maggio. Julia Ward Howe, nel 1870 iniziò, infatti, la sua battaglia per l'istituzione del Mother's day e, dopo il 1908, anno della prima celebrazione, si giunse  alla sua ufficializzazione nel 1914 per volontà del presidente Woodrow Wilson.

Con buona pace dei fondamentalisti, però, che mantengono la tradizione: in Francia viene celebrata l'ultima domenica di maggio la mamma e la famiglia, in Norvegia la Festa della Mamma viene celebrata a febbraio, in Argentina l'ultima domenica di ottobre, a San Marino il 15 marzo, in Spagna e Portogallo la prima domenica di maggio, nei Paesi balcanici l'8 marzo, in molti paesi arabi nel giorno dell'equinozio di primavera.

 

Qualunque definizione si dia della mamma essa incontra il limite dell’incompiutezza. Voglio, dunque, celebrare la mamma con parole semplici ma dense di contenuto e allora cedo la parola a Gianni Rodari, lo scrittore maestro più amato da grandi e piccini, il sensibile interprete dei sentimenti capace di esprimerli al pari di Brecht in un modo straordinariamente rivoluzionario, da sfidare il tempo e restare meravigliosamente attuale.  

 

 

 

Antonella Giordano

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore antonella giordano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

antonella giordano, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Economia ] Fisco e spesa pubblica per il bene comune (Pubblicato il 07/05/2021 11:00:23 - visite: 47) »

:: [ Cultura ] Notte degli Oscar tra politically correct e gender gap (Pubblicato il 06/05/2021 18:45:55 - visite: 240) »