:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 322 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 28 01:22:51 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

No, vincere non è la sola cosa che conti.

Argomento: Letteratura

di AvvocatoD’Aiuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/06/2021 23:04:16

Di Pasquale D’Aiuto, Avvocato. Diciotto giugno venti ventuno. [anche su sparappecoglie.it] Giampiero Boniperti, mito del mondo di una squadra italiana di calcio e non solo, è scomparso oggi. Viene unanimemente ricordato con stima e trasporto. Non potrei né saprei azzardare una valutazione sull’uomo, però ho scoperto sia stato l’autore del celebre slogan di quella società sportiva: “Vincere non è importante: è la sola cosa che conti!”. Ecco, su questa frase qualcosa da dire ce l’ho: io trovo essa rappresenti quanto di più antitetico al concetto di sport, se non a quello di convivenza civile. Un’affermazione imprudente e, se non pericolosa, di certo immemore dei progressi che l'umanità sta faticosamente tentando di compiere da qualche millennio a questa parte. Innanzitutto: chi la pronuncia è un vincente? Per forza: se non lo è, allora ammette di valere zero, di essere irrilevante. E, se lo è, lo è sempre stato e sempre lo sarà? In caso contrario, una parte della sua vita dovrebbe essere cancellata dagli annali. Ma poi, chi è vincente? Chi eccelle nel proprio lavoro? Ecco: chi primeggia nello sport, per esempio? E cosa significa essere primi: sconfiggere tutti gli altri oppure occupare una posizione tra i migliori? E per quanto tempo? E chi sono, i migliori? I primi dieci su mille, su un milione? Esempio: la squadra di serie A che naviga a metà classifica, è vincente oppure non può declamare lo slogan, siccome non conquista nemmeno uno scudetto? Quindi, i suoi tifosi sono dei sognatori o, nella peggiore delle ipotesi, degli stolti? E non si dica che il motto riguardi “soltanto” lo sport. Perché lo sport è metafora dell’esistenza, nato come palestra, connaturata all’uomo, di sana competizione, di confronto, di crescita, di abitudine alla vittoria ma anche alla sconfitta, di tensione a primeggiare ma anche di lealtà, di superamento dei limiti ma anche serena accettazione di essi! Sport è passione, è fratellanza. E dopo, molto dopo, vittoria. Ora, presto assisterò ad un saggio di pianoforte dei miei figli. Credo siano bravi ed io ne sono orgoglioso ma, se giro un po’ in rete, posso trovare bambini prodigiosi che eseguono, come se bevessero un bicchier d’acqua, pezzi molto più complessi: sono geniali. Quindi i miei figli non sono “vincenti”, il mio orgoglio è vano? Beh, se è così, tutta l’esperienza, tutto l’impegno, la crescita spirituale, l’impatto educativo della musica non servirebbero a nulla: sarebbero comunque irrilevanti. Vale per lo sport: chi gioca a tennis ma lo fa per puro diletto, è uno zero? Dovrebbe, forse, allontanarsi dal concetto stesso di attività sportiva? Il giovanissimo tennista Sinner ha vinto dei tornei ma ha rimediato anche dure sconfitte: è un vincente oppure lo è solo Federer… che, pure, ultimamente è prematuramente uscito dal torneo di Halle?! La marciatrice alla maratona di New York che riesce a concludere l’intera gara dopo essere dimagrita venti chili ed aver disciplinato corpo e spirito con duri sacrifici durati anni, arrivata ultima ma pur sempre al traguardo, è forse una perdente?! No, ovviamente: ha vinto. E alla grande. Chi decide se sei un vincente o un perdente? La risposta è: nessuno. Vittoria, nello sport come nella vita, è dare il massimo. È provare a superare le barriere che, a volte, ci auto-imponiamo; è impegnarsi a fondo, accettando la superiorità altrui ma rifuggendo la superbia per la propria. È mostrare empatia, è riconoscere e rispettare il diverso da sé, è fare gioco di squadra. Soprattutto, è essere leali, provando a vincere con metodi leciti e senza supporti non permessi. Fare sport non è vincere: è tendere alla vittoria. Rispettare le regole, giocare puntando sulla propria capacità di ricavare il massimo dagli elementi di cui tutti devono servirsi, senza sotterfugi, senza favoritismi, senza corruttele. Vivere è la stessa cosa. Ecco perché uno slogan come questo non può essere preso sul serio: perché non vuol dire proprio niente. Perché si scontra con i valori più alti dell’esistenza e conduce chi ci creda seriamente al più buio scoramento, se solo provi ad applicarlo, con un briciolo di raziocinio, su se stesso! Quindi, no: continuerò a preferire il vecchio motto: “L’importante è partecipare”. Certo, provando a vincere! Con tante grazie all’arcivescovo della Pennsylvania Ethelbert Talbot per averlo ideato e… anche allo storico francese Pierre de Coubertin per averne reso immortali le parole. P.S. Lo sapevate?


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore AvvocatoD’Aiuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

AvvocatoD’Aiuto, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] La bellezza è una panza villosa. (Pubblicato il 01/07/2021 11:42:45 - visite: 256) »

:: [ Letteratura ] Ma il problema non è solo l’aula Perrilli (Pubblicato il 06/06/2021 12:04:21 - visite: 347) »

:: [ Letteratura ] A G. Che vive nei nostri cuori e nel suo altroquando (Pubblicato il 02/06/2021 19:23:12 - visite: 359) »

:: [ Società ] C’è una scuola che insegna a non dire grazie. (Pubblicato il 01/06/2021 18:01:22 - visite: 53) »

:: [ Società ] Esistono tragedie diverse (Pubblicato il 01/06/2021 17:57:26 - visite: 158) »

:: [ Letteratura ] Non è l’amore, ma l’invidia il sentimento più umano. (Pubblicato il 24/03/2021 14:27:35 - visite: 328) »

:: [ Società ] La sensazionale intuizione dell’arbitro Orsato – (Pubblicato il 07/03/2021 03:20:03 - visite: 320) »

:: [ Società ] Come stai? Stiamo tutti allo stesso modo. (Pubblicato il 27/02/2021 18:49:40 - visite: 399) »

:: [ Letteratura ] Quel che vorrei per il mio compleanno. (Pubblicato il 23/02/2021 09:43:53 - visite: 463) »

:: [ Letteratura ] Buon lavoro Cartabia. Sia una giustizia umana. (Pubblicato il 13/02/2021 12:28:20 - visite: 362) »