:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 219 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 30 03:35:37 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cannes 2022 in coop. con Cineuropa News

Argomento: Cinema

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/05/2022 09:32:09


CANNES 2022

Mario Martone • Regista di Nostalgia
“Il nostro passato è un labirinto”
di MARTA BAŁAGA

28/05/2022 - CANNES 2022: Il regista napoletano ritrae la sua città natale, attraverso un altro uomo che cerca di affrontare il suo passato, solo per rendersi conto che non è mai andato davvero via.

Sinossi
Dopo quarant’anni di lontananza Felice torna lì dov’è nato, il rione Sanità, nel ventre di Napoli. Riscopre i luoghi, i codici del quartiere e un passato che lo divora.

Felice (Pierfrancesco Favino) finally returns home, to Naples. He hasn’t been there for decades. His mother has got old, and his accent has changed. He lives in Cairo now, happily, but the past – as well as his childhood friend-turned-mobster – gets a hold of him once again. In Mario Martone’s Nostalgia [+], presented in Cannes’ main competition, everything changes – except for Naples.

Intervista: (in inglese)

Cineuropa: This story surprised me a little. When people talk about nostalgia, it usually has a positive connotation – maybe too positive, even. You focus on its much darker side.

Mario Martone: Our past, or anybody’s past, is not a straight line. It veers off in all sorts of directions – so many things have happened. It’s a labyrinth where you’ve had your encounters, both good and bad, where you’ve said some things you shouldn’t have said. Or maybe you have taken the right path, one that has taken you far, far away? It doesn’t matter. If you look inside and think how everything is so intertwined, maybe it means that you’ve managed to move on from the past, to go beyond. But there are these little voices that still call you from time to time. You try to re-enter this labyrinth. But this attempt at understanding who you are and where it all started can be dangerous.
Yes, because this idea of “returning to one’s roots” can bring something good, but it can also be bad. Is that what you wanted to show here?
Every one of us has done things we are embarrassed of now – we have hurt someone or made mistakes. Sometimes, we tend not to think about it too much, convinced that everything can be erased. But it can’t. You have taken that road once. And this happens to Felice: he comes back to Naples because he wants to see his mother. He hasn’t seen her in 40 years! He left when she was still almost a girl, and he comes back to a frail, old woman. He had to see her, though – his wife was pushing him to do so. If he’d found her in her usual apartment upstairs, he would probably just have stayed for a while, cleansed his conscience and come back to Egypt.
But it doesn’t happen this way.
It doesn’t – his mother isn’t there. She is all the way down, in a ground-floor flat where [his childhood friend] Oreste put her. This way, Oreste makes his presence known right from the start. This is that push, that final straw that Felice needed in order to enter the labyrinth once again. So he does – and he gets lost.
The scene with his mother [played by Aurora Quattrocchi], when he decides to bathe her, is touching yet terrifying at the same time. She seems so exposed.
That scene was already there in the novel [written by Ermanno Rea]. I would say it was one of the reasons why I wanted to make this film, actually. I immediately felt its strength. It was difficult trying to figure out how to shoot it, however, and I opted for a radical approach. I found this place, which sometimes looks like a butcher’s – there is this kind of unforgiving light that shows everything. I wanted to show her hands, her body. I allowed myself to be guided by memories, feelings, by the memory of my own mother.
It's an important moment because that’s how you allow people to love him a little. Felice is so difficult to read. This idea of someone in between places, someone who is from somewhere but not really, not any more... Why was that appealing?
Pierfrancesco is an actor who is able to work with language. It was impressive, seeing what he has done here. He is a “beast” in that sense – I don’t know any other actor able to modify his own accent like that. He studied the Arabic language, then he looked into Egyptian Arabic, and the Neapolitan he speaks in the film reflects all of that.
Of course, that wasn’t the only reason why I wanted him in the film. His sensibility was fundamental in order to bring this character to life. You needed someone who would actually be able to touch his old mother this way, and take care of her. He has that capacity. You could say he is still a relatively new actor on the Italian scene, which used to favour performers who are masculine in an easily defined way. He is different; he is a modern man. I wanted Felice to be someone from our time, too. Someone who has a beautiful relationship with his wife, for example, even though she is a Muslim and there are so many prejudices that come along with that. I wanted to show a couple in love, in a partnership. So yes, he is a modern man, coming back to his old, violent roots.

Scheda tecnica:
titolo internazionale: Nostalgia
titolo originale: Nostalgia
paese: Italia, Francia
rivenditore estero: True Colours
anno: 2022
genere: fiction
regia: Mario Martone
sceneggiatura: Ippolita Di Majo, Mario Martone
cast: Pierfrancesco Favino, Francesco Di Leva, Tommaso Ragno, Aurora Quattrocchi, Sofia Essaïdi, Nello Mascia, Emanuele Palumbo, Artem, Salvatore Striano, Virginia Apicella
fotografia: Paolo Carnera
costumi: Ursula Patzak
produttore: Luciano Stella, Roberto Sessa, Maria Carolina Terzi, Carlo Stella, Angelo Laudisa
produzione: Picomedia, Mad Entertainment, Medusa Film, Rosebud Entertainment Pictures
supporto: Direzione generale Cinema e audiovisivo del Ministero della Cultura DGCA-MIC
distributori: Medusa Film, ARP Sélection

Recensione: 'Nostalgia' di CAMILLO DE MARCO
25/05/2022 - CANNES 2022: Mario Martone introduce un ulteriore quadrante della mappa cinematografica di Napoli con un film sulla necessità di ricucire il proprio distacco fisico dalle altre persone.

L’unica volta nel concorso ufficiale del Festival di Cannes di Mario Martone risale al 1995, con lo splendido L’amore molesto, tratto dal romanzo di Elena Ferrante, nel quale una donna torna a casa, a Napoli, per la morte della madre. Oggi il regista napoletano introduce un ulteriore quadrante della mappa cinematografica della sua città con Nostalgia, tratto dal romanzo omonimo di Ermanno Rea, circoscrivendo l’azione ad un singolo quartiere, il Rione Sanità (quello della commedia di Eduardo De Filippo, Il sindaco del Rione Sanità, portato al cinema nel 2019 da Martone).
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
È ancora una riapparizione, con tutte le possibili implicazioni simboliche dell’Ulisse omerico. Dopo quarant'anni trascorsi fra Medio Oriente e Africa, Felice Lasco (Piefrancesco Favino) torna a Napoli, nel Rione Sanità. Al Cairo è diventato un imprenditore edile di successo, è ricco e ha una moglie che lo ama. A Napoli ritrova la madre (Aurora Quattrocchi), che è ormai molto anziana. Lo vediamo accudirla, lavarla, vestirla con la dedizione di un sacerdote che celebra un rito sacro. Felice si aggira per i vicoli del quartiere, ha dimenticato come si è parla la lingua napoletana, ma alla moglie, al telefono, dice che dopo 40 anni “è rimasto tutto incredibilmente uguale”. Suoni, colori, odori, violenza. Nei suoi ricordi, che Martone visualizza con rapidi flashback, esploriamo un’adolescenza segnata da corse in moto, risse, scippi e furti commessi con un amico fraterno, Oreste.
Quando la madre muore, antichi legami e cicatrici riemergono con prepotenza. Don Luigi (Francesco Di Leva), un sacerdote che combatte la camorra sottraendo i ragazzi alla strada attraverso lo sport e la musica, e al quale Felice si confessa, vorrebbe che lui ripartisse subito per l’Egitto e si lasciasse il passato alle spalle. Ma Felice vuole incontrare a tutti i costi quell’Oreste Spasiano (Tommaso Ragno), che nel frattempo è diventato lo spietato boss del quartiere. Con quell’uomo, prigioniero del suo stesso ruolo di “malommo”, Felice condivide un segreto, che lo ha fatto fuggire 40 anni prima e oggi potrebbe annientare entrambi.
Un quartiere come terreno su cui esercitare la nostalgia (nóstos ‘ritorno’ + algìa ‘dolore’), una malattia divorante, come nel Nostalghia del grande Andrej Tarkovskij (premiato a Cannes nel 1983). È il luogo dove ricucire il proprio distacco fisico dalle altre persone. Felice deve riparare alla sua precedente fuga da sé e come il viandante di Nietzsche, rifiuta le illusioni protettive di una esistenza orientata nel futuro e accetta la cecità del suo destino. Come recita la frase di Pier Paolo Pasolini in esergo al film, la coscienza sta nella nostalgia. E chi non si è perso non ne possiede.
Piefrancesco Favino è alla sua massima intensità, Francesco Di Leva come sempre magnifico, Tommaso Ragno un po’ perso nel personaggio alla Kurtz di Cuore di tenebra. Bella la scelta della musica, dai vecchi Tangerine Dream a Ya Abyad Ya Eswed di Cairokee.

Nostalgia è produzione italo-francese di Picomedia e Mad Entertainment, in associazione con Medusa Film, in coproduzione con Rosebud Entertainment Pictures, con il contributo del Ministero della Cultura. Le vendite internazionali sono curate da True Colours e arriva nelle sale italiane con Medusa Film oggi 25 maggio.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Alimentazione ] Davide Racca … o l’orizzonte liquido del mare interiore. (Pubblicato il 27/09/2022 17:52:47 - visite: 31) »

:: [ Poesia ] Claudio Salvi ‘una presenza assordante’ “Sequenze”, Anterem. (Pubblicato il 22/09/2022 17:17:46 - visite: 100) »

:: [ Alimentazione ] A tutto Jazz e Altro - Giornata Mondiale della Musica 2022 (Pubblicato il 18/06/2022 16:59:45 - visite: 298) »

:: [ Società ] Bla, bla, bla … quando sono tanti galli a cantar... (Pubblicato il 13/06/2022 11:30:24 - visite: 125) »

:: [ Libri ] Allì Caracciolo, ’Blood’ - Anterem Edizioni 2022 (Pubblicato il 11/06/2022 19:08:38 - visite: 183) »

:: [ Musica ] I ‘frenetici’ anni ’50/’60. Vintage revival (seconda parte) (Pubblicato il 06/06/2022 11:22:47 - visite: 227) »

:: [ Musica ] Ritornano i ‘frenetici’ anni ’50 / ’60. (Pubblicato il 03/06/2022 16:28:22 - visite: 188) »

:: [ Cinema ] Bla, bla, bla...a Cannes 2022 c’è più guerra che in Ucraina (Pubblicato il 22/05/2022 07:02:43 - visite: 111) »

:: [ Musica ] Franco Battiato ...verso l’assoluto di mondi lontanissimi (Pubblicato il 18/05/2022 10:11:15 - visite: 232) »

:: [ Cinema ] Cannes in coop. con Cineuropa News (Pubblicato il 18/05/2022 09:02:31 - visite: 171) »