:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 29 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 17 13:34:42 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dux di Margherita Sarfatti

Argomento: Storia

di Alberto Castrini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/07/2022 23:36:37

Non è facile scrivere di un libro politico uscito quasi cento anni fa.

Però anche questo fa parte dell'analisi del fascismo italiano sul quale non si cessa d'interrogarsi.

Scritto tre anni dopo la presa del potere, con la Marcia su Roma, non si comprende se lo scopo della Sarfatti fosse di spiegare Mussolini agli italiani o chi dall'estero s'interrogava sulla natura del fascismo.

Margherita è stata in parte la fattrice del mito del “Duce” e dell'enorme culto della sua figura.

Intellettuale di pregio, proveniva anch'essa dalle file socialismo, come la stimata Anna Kuliscioff, quella che definì Mussolini un poetino che aveva letto Nietzsche.

Quello che però stupisce e rende illeggibile oggi il testo è il livello di sudditanza dell'intellettuale verso la sua creatura. Una vera intervista in ginocchio!

Si parla con entusiasmo della vittoria elettorale del 1924. Quella denunciata come chiaramente fraudolenta, in Parlamento, da Giacomo Matteotti e che gli costò immediatamente la vita.

Vittima, secondo la biografa, solo di un misfatto diabolico!

Ovviamente sin dalla nascita erano chiari i segni della genialità del nostro.

Ma specialmente si tratta della lettura post della Storia, che interpreta ogni atto come premessa dell'apice.

Perché, già nella trincea della I guerra, si presagiva a quali compiti fosse destinato il caporal maggiore Mussolini “circondato da italiani eccellenti e fedeli che ambivano solo a trovare un vero Capo”.

Quello che nel 1915 scrisse: “Sono sempre più convinto che per la salute dell'Italia bisognerebbe fucilare, ripeto fucilare, nella schiena qualche dozzina di deputati e mandare all'ergastolo un paio di ex ministri. Credo con fede profonda che il Parlamento sia il bubbone pestifero che avvelena il sangue della Nazione. Occorre estirparlo!”

Purtroppo non tutti nutrivano “disprezzo per la molle democrazia e le sue battaglie schedaiole” e allora “...dovevamo imporre le nostre idee ai cervelli a suon di randellate per toccare i crani refrattari”.

Individui che ignoravano “il magnetismo di uno spirito superiore”, paragonato dalla biografa, alla possanza del Colleoni immortalato dal Verrocchio.

Ovviamente non mancano autentiche invenzioni come “L'alta fraternità che mai si smentì fra il Poeta ed il Condottiero”! A proposito di D'Annunzio.

Verso la fine del libro l'adorazione oltrepassa ogni decenza perché: oltre all'uomo che rinnova le partecipazioni del divino alla vita umana, l'abolizione delle idee intermedie, al restauratore dell'intransigente verità, finisce con Duce che per pudico pathos rifugge dall'applauso con cura!

Si capisce allora perché, come risulta dagli atti, Mussolini fece alle bozze solo pochissime insignificanti correzioni ad un testo che gronda di un servilismo stomachevole.

Non è facile scrivere di un libro politico uscito quasi cento anni fa.

Però anche questo fa parte dell'analisi del fascismo italiano sul quale non si cessa d'interrogarsi.

Scritto tre anni dopo la presa del potere, con la Marcia su Roma, non si comprende se lo scopo della Sarfatti fosse di spiegare Mussolini agli italiani o chi dall'estero s'interrogava sulla natura del fascismo.

Margherita è stata in parte la fattrice del mito del “Duce” e dell'enorme culto della sua figura.

Intellettuale di pregio, proveniva anch'essa dalle file socialismo, come la stimata Anna Kuliscioff, quella che definì Mussolini un poetino che aveva letto Nietzsche.

Quello che però stupisce e rende illeggibile oggi il testo è il livello di sudditanza dell'intellettuale verso la sua creatura. Una vera intervista in ginocchio!

Si parla con entusiasmo della vittoria elettorale del 1924. Quella denunciata come chiaramente fraudolenta, in Parlamento, da Giacomo Matteotti e che gli costò immediatamente la vita.

Vittima, secondo la biografa, solo di un misfatto diabolico!

Ovviamente sin dalla nascita erano chiari i segni della genialità del nostro.

Ma specialmente si tratta della lettura post della Storia, che interpreta ogni atto come premessa dell'apice.

Perché, già nella trincea della I guerra, si presagiva a quali compiti fosse destinato il caporal maggiore Mussolini “circondato da italiani eccellenti e fedeli che ambivano solo a trovare un vero Capo”.

Quello che nel 1915 scrisse: “Sono sempre più convinto che per la salute dell'Italia bisognerebbe fucilare, ripeto fucilare, nella schiena qualche dozzina di deputati e mandare all'ergastolo un paio di ex ministri. Credo con fede profonda che il Parlamento sia il bubbone pestifero che avvelena il sangue della Nazione. Occorre estirparlo!”

Purtroppo non tutti nutrivano “disprezzo per la molle democrazia e le sue battaglie schedaiole” e allora “...dovevamo imporre le nostre idee ai cervelli a suon di randellate per toccare i crani refrattari”.

Individui che ignoravano “il magnetismo di uno spirito superiore”, paragonato dalla biografa, alla possanza del Colleoni immortalato dal Verrocchio.

Ovviamente non mancano autentiche invenzioni come “L'alta fraternità che mai si smentì fra il Poeta ed il Condottiero”! A proposito di D'Annunzio.

Verso la fine del libro l'adorazione oltrepassa ogni decenza perché: oltre all'uomo che rinnova le partecipazioni del divino alla vita umana, l'abolizione delle idee intermedie, al restauratore dell'intransigente verità, finisce con Duce che per pudico pathos rifugge dall'applauso con cura!

Si capisce allora perché, come risulta dagli atti, Mussolini fece alle bozze solo pochissime insignificanti correzioni ad un testo che gronda di un servilismo stomachevole.

Ma poi, succede spesso, che la creatura si ribelli al creatore e allora già nel 1929: “...Poiché voi non possedete ancora l’elementare pudore di non mescolare il mio nome di uomo politico alle vostre invenzioni artistiche o sedicenti tali, non vi stupirete che alla prima occasione e in un modo esplicito, io preciserò la mia posizione e quella del Fascismo di fronte al cosiddetto ’900 o a quel che resta del fu ’900”. 

Il loro rapporto troncò, oltre all'avvento della giovane Claretta Petacci, quando, nel 1938 alla promulgazione delle funeste leggi della Difesa della Razza, Margherita Sarfatti, di origine ebraica, varcò prontamente il confine svizzero che distava solo alcuni chilometri dalla sua residenza estiva.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Castrini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Politica ] La Russia di Putin di Anna Politkovskaja (Pubblicato il 04/08/2022 19:48:43 - visite: 35) »

:: [ Storia ] Mussolini e i ladri di regime (Pubblicato il 28/03/2022 21:50:59 - visite: 65) »

:: [ Letteratura ] Acqua passata (Pubblicato il 22/11/2021 22:17:41 - visite: 99) »

:: [ Religione ] Inchiesta sul cristianesimo (Pubblicato il 14/11/2021 21:47:24 - visite: 109) »

:: [ Letteratura ] Giovanna D’Arco di Franco Cardini (Pubblicato il 25/10/2021 22:08:02 - visite: 244) »

:: [ Letteratura ] La leggenda del santo bevitore di Joseph Roth (Pubblicato il 26/06/2021 23:32:15 - visite: 175) »

:: [ Letteratura ] L’alfabeto dell’estasi Vita di Emily Dickinson di Barbara La (Pubblicato il 07/03/2021 22:15:39 - visite: 181) »

:: [ Letteratura ] Confesso che ho vissuto di Pablo Neruda (Pubblicato il 10/02/2021 22:39:03 - visite: 265) »

:: [ Letteratura ] Un ombra ben presto sarai di Osvaldo Soriano (Pubblicato il 07/02/2021 22:17:14 - visite: 174) »

:: [ Religione ] Senza Dio di Giulio Giorello (Pubblicato il 13/08/2020 22:07:59 - visite: 203) »