:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Lecce il 9 febbraio 2023
🖋 Rethorica novissima a Roma il 10 febbraio 2023
🖋 Le rovinose a Firenze il 10 febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 81 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Feb 7 14:39:27 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La salute mentale

Argomento: Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/10/2022 15:20:07

 

La salute mentale

Professor Brunetti: “Crescono i disturbi mentali nel bambino e nell’adolescente”

 

Il 10 ottobre di ogni anno si celebra la Giornata mondiale della salute mentale, istituita nel 1992 allo scopo di promuovere il benessere mentale, superando lo stigma sociale e le discriminazioni. Cerchiamo di approfondire l’argomento con il professor Guido Brunetti, neuroscienziato, docente universitario e scrittore, il quale da anni sia a livello clinico che attraverso l’insegnamento nelle Università e i suoi libri e saggi indaga non solo il funzionamento della mente e delle sue forme patologiche, ma anche lo sviluppo della persona sia normale che anormale.

 

Professore, qual è il significato di salute mentale?

“Il concetto di salute mentale fa parte della salute e del benessere. La salute, secondo l’OMS è ‘uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplice assenza di malattia o di infermità’. Secondo il Manuale internazionale diagnostico dei disturbi mentali (DSM-5), il disturbo mentale è inteso come una sindrome caratterizzata da significativi problemi nel pensiero, nella regolazione delle emozioni o nel comportamento di una persona, che riflettono una disfunzione dei processi psicologici, biologici o dello sviluppo che compongono il funzionamento mentale. Questo disturbo comprende una molteplicità di fattori genetici, neurobiologici, personali, educativi e sociali, i quali sono legati da un complesso e delicato processo di interazione”.

 

Può indicarci alcuni dati?

“L’incidenza di persone colpite da disturbi mentali è aumentato a livello globale. Questi coinvolgono circa il 20 per cento della popolazione e riguardano l’intera vita individuale dall’infanzia all’ultima età. Un recente studio mostra che un adolescente su quattro presenta disturbi di ansia e depressione da covid”. Come si presenta oggi la situazione? “Cresce il disagio mentale dovuto anche alla pandemia, alla guerra in Ucraina, alla crisi economica e al malessere esistenziale. Preoccupa soprattutto l’aumento nei bambini e negli adolescenti di disturbi psichiatrici, come problemi di comportamento, stati d’ansia e depressioni. La grande sfida della neuropsichiatria infantile è quella di individuare e riconoscere i sintomi già in età precocissima, allo scopo di prevenire e trattare i disagi mentali”.

 

E’ fondamentale il ruolo della madre?

“Già durante il concepimento, il feto riceve l’eredità genetica dei genitori. Gli stati fisici, emotivi e mentali sia consci che inconsci della madre influenzano lo sviluppo cognitivo ed affettivo del bambino. Tra corpo materno e feto c’è una continua interazione. Il legame primario, il bonding, è un processo graduale, che può essere facilitato dalle risposte degli adulti. Evidenze scientifiche hanno indicato l’importanza del sistema di attaccamento nel processo evolutivo del bambino. Se i primi anni di vita sono caratterizzati da un attaccamento madre-bambino sicuro, il soggetto sarà capace di acquisire un ampio sviluppo delle sue capacità intellettive, emotive e sociali. Viceversa, un attaccamento disturbato influenza la maturazione delle aree del sistema nervoso, determinando esiti psichiatrici che possono avere un impatto negativo con disturbi della personalità e della condotta, disturbi del sonno e del comportamento alimentare, disturbo bipolare e depressione. Un ruolo fondamentale nel legame tra la madre e il bambino viene svolto dall’ossitocina, una sostanza che esercita molte funzioni, come quella di trasmettere affetto, calma, gioia, generosità, fiducia e appartenenza reciproca”.

 

I primi anni di vita sono importanti…

“Tutte le ricerche mostrano l’importanza dei fattori che intervengono sullo sviluppo, attribuendo alle esperienze personali dei primi anni di vita un significato notevole nel ‘determinare il raggiungimento dell’integrazione mentale (Feinstein). Si stabilisce un processo di interazione tra fattori costituzionali e stimoli esterni in cui il bambino si evolve e per mezzo dei quali stabilisce le prime relazioni oggettuali, il quale dà luogo a una sequenza di fasi evolutive che si concludono con la strutturazione della personalità”.

 

Quali patologie predominano?

“In prevalenza, le patologie mentali concernono i disturbi del controllo degli impulsi, il deficit di attenzione e iperattività, il disturbo oppositivo e della condotta e il disturbo esplosivo intermittente. I disturbi di ansia, di separazione e le fobie hanno un’insorgenza molto precoce. Le ricerche degli ultimi anni hanno confermato il forte intreccio esistente tra fattori casuali innati ed ambiente nella genesi dei disturbi psichiatrici”.

 

Come sono le prospettive?

“D’accordo con autorevoli neuroscienziati, riteniamo che le questioni riguardanti la salute mentale saranno una delle principali aree di ricerca del XXI secolo. Occorre fondare le cure psichiatriche su basi scientifiche, impiegando i dati e le conoscenze delle neuroscienze nonché l’uso di tecniche di neuroimaging, che ci consentono di osservare i cambiamenti che avvengono nel cervello dei pazienti prima e dopo il trattamento. In questo modo sarà possibile individuare le forme di cura più efficaci per le diverse categorie di pazienti. E’ stata proprio la mancanza di cultura scientifica- ha dichiarato il grande neuroscienziato e premio Nobel per la medicina, Eric Kandel- ad aver condotto al ‘provincialismo e all’anti-intellettualismo’ che hanno caratterizzato i metodi di trattamento e hanno segnato la formazione degli psichiatri. Il benessere dei pazienti- conclude il professor Brunetti- è il fine ultimo delle neuroscienze. La base della cura è quella di agire con umanità, gentilezza, competenza e dedizione. In questa visione sarà possibile promuovere la nascita di un nuovo umanesimo, reso più razionale, fecondo e maturo da una conoscenza più profonda del cervello e della mente.” Anna Gabriele


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia ] La magia del Natale. Fede e ragione, Dio e scienza (Pubblicato il 21/12/2022 08:56:03 - visite: 35) »

:: [ Scienza ] Dall’inferiorità biologica ai grandi talenti delle donne (Pubblicato il 18/11/2022 15:32:04 - visite: 49) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Uomo, Dio, Big Bang: frammenti di conoscenza (Pubblicato il 27/02/2022 15:35:33 - visite: 139) »

:: [ Letteratura ] Frammenti di letteratura: i grandi autori (Pubblicato il 27/03/2021 09:41:59 - visite: 265) »

:: [ Scienza ] Tradotta in francese la biografia di Guido Brunetti (Pubblicato il 27/02/2021 17:59:26 - visite: 322) »

:: [ Scienza ] Moralità e coscienza nell’ uomo e negli animali (Pubblicato il 09/01/2021 09:07:25 - visite: 298) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Saggezza, interiorità e cura dei disturbi psichiatrici (Pubblicato il 02/12/2020 12:40:35 - visite: 294) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Riflessioni sulla condizione umana (Pubblicato il 30/11/2020 18:09:39 - visite: 263) »

:: [ Letteratura ] La donna angelicata (Pubblicato il 28/11/2020 09:14:01 - visite: 641) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Una postmodernità misologa (Pubblicato il 16/11/2020 18:25:50 - visite: 279) »