:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 La vita nascosta a Udine il 1° febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 30 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 31 05:01:29 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La magia del Natale. Fede e ragione, Dio e scienza

Argomento: Filosofia

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/12/2022 08:56:03

 

 

La magia del Natale, fede e ragione, Dio e scienza

Una storia eterna, un simbolo universale

Intervista al professor Guido Brunetti

 

 

E’ uno degli eventi più celebrati e significativi nella storia del cristianesimo. Ha ispirato i grandi maestri dell’arte di tutti i tempi. Giotto, Tiziano, Botticelli, grandi compositori, come Bach, poeti e scrittori quali Pirandello, Saba, Quasimodo e tanti altri autori hanno saputo raccontare il Natale attraverso le loro opere.

La festività è strettamente legata alle grandi questioni dell’esistenza: l’idea di Dio, le origini del mondo, il senso della vita, il rapporto tra fede, scienza e ragione, creazionismo ed evoluzionismo. Sono temi ricchi di fecondi stimoli, che affrontiamo con il professor Guido Brunetti, il quale ha pubblicato in materia importanti saggi.

   

Professor Brunetti, una sua prima suggestione sul Natale.

“Il Natale? Un fascino antico, un simbolo universale. E’ una storia eterna, il mistero della nascita di Cristo, una soffice atmosfera di incanto, il bisogno di rivivere la poesia, i colori, gli odori e i sapori dell’infanzia scolpiti nel cuore e nella mente. La Natività fa vibrare le corde dell’animo, insegna il valore dei sentimenti e dell’amore. Possiede qualcosa di intimo, uno spirito catartico che vorresti conservare nello scrigno del tuo cuore. Ha la potenza di un mago incantatore, una favola universale senza tempo. Dentro vi riluce un mondo magico, una dolcezza tale da coinvolgere l’essere umano nella sua unità e totalità, regalandogli sensazioni ed emozioni sempre nuove”.

 

Il Natale esprime un complesso rapporto tra Dio e scienza, fede e ragione. Che cosa significa?

“Sono temi di grande fascinazione filosofica, teologica e scientifica legati a due visioni, il creazionismo e l’evoluzionismo. Esse rappresentano alcune tra le più rilevanti conquiste dell’umanità. Presentano posizioni profondamente divergenti, ma complementari, poiché le due concezioni appartengono alla dimensione dello spirito”.

 

Può spiegarci il loro concetto?

“Il termine evoluzione indica la teoria biologica secondo cui le specie animali e vegetali si sono modificate nel corso dei tempi per selezione naturale. Il mondo è nato dal Big Bang, cioè dal grande scoppio dal quale ebbe inizio l’universo circa 13,8 miliardi di anni fa. In questa spiegazione c’è un punto oscuro, mai chiarito: non sappiamo perché e come è nato il Big Bang. L’ipotesi dell’esplosione dunque è una interpretazione inspiegabile e misteriosa. La teoria dell’evoluzione che Dio non esiste e che gli esseri umani e l’universo sono il risultato di ‘errori casuali’, frutto del caso e della necessità, si rivela una semplice congettura. Dire questo non è fare scienza.

 

Da parte sua, il creazionismo è la dottrina che pone a fondamento dell’universo la creazione divina, come sostengono i testi della Bibbia. L’idea di Dio resta al di là della scienza. Dio- ente immateriale- non può essere indagato con i metodi scientifici, sperimentali. La scienza- afferma Brunetti- segue il metodo empirico, naturalistico, perciò non è in grado di dare spiegazioni su quelle che un grande studioso, Popper, ha definito ‘questioni ultime’, come l’idea di Dio, la fede, il trascendente, la religione. La scienza, dunque, non può negare né affermare l’esistenza di Dio. Ripetere, come stancamente si ostinano a dire genetisti e neurobiologi con il sostegno della teoria evolutiva, che Dio non esiste e che il mondo non ha bisogno di Dio non è un serio contributo alla conoscenza e alla scienza, ma significa esprimere opinioni, giudizi soggettivi. Sono affermazioni generiche, personali, grezze, immaginazioniSono idee superate e arroganti, in quanto non sostenute dalla forza della dimostrazione scientifica. In realtà, la teoria dell’evoluzione come dominio assoluto dei geni è una costruzione ipotetica, favolistica, che non riesce a dimostrare scientificamente né i grandi salti delle specie né la nascita della mente e della coscienza”.

 

Concludendo, l’idea di Dio su che cosa è fondata?

“L’idea di Dio, del trascendente e dell’anima è, come mostrano le stesse ricerche delle nuove neuroscienze, un bisogno biologico, innato dell’uomo. Il bisogno di Dio è ‘cablato’ nella mente umana, è un’attività cognitiva. La fede in Dio è una necessità naturale dell’uomo. L’ipotesi Dio è poi ‘più ragionevole’ di altre ipotesi, perché è fondata- ha scritto il grande teologo Ratzinger- su criteri di “ragionevolezza. La ragionevolezza di Dio costituisce un potente fattore di interazione tra ragione e fede. Non è quindi “ragionevole” considerare l’uomo nient’altro che il ‘prodotto’ di ‘errori casuali’. Credere in Dio infine vuol dire- d’accordo con Wittgenstein- dare un senso alla propria esistenza. Non è la scienza a operare l’enorme salto tra gli uomini e gli altri primati, ma è la capacità di pensare, di pensare anche Dio”.

Anna Gabriele


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Scienza ] Dall’inferiorità biologica ai grandi talenti delle donne (Pubblicato il 18/11/2022 15:32:04 - visite: 49) »

:: [ Scienza ] La salute mentale (Pubblicato il 09/10/2022 15:20:07 - visite: 77) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Uomo, Dio, Big Bang: frammenti di conoscenza (Pubblicato il 27/02/2022 15:35:33 - visite: 136) »

:: [ Letteratura ] Frammenti di letteratura: i grandi autori (Pubblicato il 27/03/2021 09:41:59 - visite: 263) »

:: [ Scienza ] Tradotta in francese la biografia di Guido Brunetti (Pubblicato il 27/02/2021 17:59:26 - visite: 322) »

:: [ Scienza ] Moralità e coscienza nell’ uomo e negli animali (Pubblicato il 09/01/2021 09:07:25 - visite: 298) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Saggezza, interiorità e cura dei disturbi psichiatrici (Pubblicato il 02/12/2020 12:40:35 - visite: 292) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Riflessioni sulla condizione umana (Pubblicato il 30/11/2020 18:09:39 - visite: 263) »

:: [ Letteratura ] La donna angelicata (Pubblicato il 28/11/2020 09:14:01 - visite: 634) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Una postmodernità misologa (Pubblicato il 16/11/2020 18:25:50 - visite: 278) »