:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 18 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 431 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 14 12:16:33 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il legame connettivale tra luce e tempo in Olafur Eliasson

Argomento: Arte

di Anna Laura Longo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/06/2023 11:05:14

È prevalente nelle opere di Olafur Eliasson (Copenaghen, 1967) un’avvincente premura per lo spazio, alimentata da un interesse per la “vita” della luce, che va di pari passo con un pensiero ecologico certamente sofisticato, morbido e attento, soprattutto in movimento. Quella che prende corpo è una consacrazione sfuggente della luce stessa, che si spinge verso una consistenza libera e a tratti evanescente.

Le strutture complesse che l’artista espone a tutt’oggi nel Castello di Rivoli sono degli ingranaggi di poetica potenza, suffragati da una maestosità vistosamente contemporanea, pur essendo scaldati dal soffio della leggerezza. La solidità e la sostanziale compattezza – frutto entrambe di una cura e di un’abilità progettuale di gran lunga personale – fanno guadagnare all’insieme un risalto del tutto peculiare e un’affascinante significatività in termini di presenza.

La mostra che porta il titolo Orizzonti tremanti (Trembling horizons) è a cura di Marcella Beccaria e sarà presente fino al 2 luglio 2023. Nel terzo piano della Manica Lunga sono stati installati diversi Kaleidoramas. Si tratta di vere e proprie apparizioni che provengono dall’oscurità ricreata: sono strutture dotate di animazioni interne di luce, che si avventurano e scivolano magnificamente tra forme fluide o tra illusioni ottiche catturanti. Le opere in questione sono in parte lasciate in sospensione e in parte adagiate al suolo. Alcune si aggrappano dunque al vuoto, rivestendolo e quasi fagocitandolo senza però una reale invadenza o spinta pressoria, altre scelgono la forza del radicamento e dunque l’appoggio.

Navigation star for utopia (Stella di navigazione per l’utopia), Il tuo caleidorama curioso, Il tuo caleidorama potente, Il tuo caleidorama auto-riflettente, Il tuo caleidorama esitante, Il tuo caleidorama vivente, Il tuo amico non umano e il navigatore. Questi i titoli in sequenza delle opere per lo più concepite nei flussi dell’anno 2022.

In questa circostanza la Manica Lunga assume le fattezze di un tunnel, spicca infatti all’ingresso un avvertimento, che rimanda proprio al tema dell’oscurità. Ci vengono implicitamente offerti degli stimoli di riflessione inerenti i significati reconditi che sostengono gli avanzamenti e i possibili dispiegamenti della luce. Convergenze e intersecazioni abbondano, posizioni e disposizioni variabili fungono da traiettorie utili per lo sguardo. Il tempo di sommersione, fisico ed emozionale, resta nel complesso fluido, ma si riveste anche di una buona dose di concretezza.

 Una concretezza che rimanda alla complessità delle forme organiche. In tal senso il richiamo della ricerca scientifica risulta essere un elemento di certo estrapolabile, ma non è mai lasciato agire in assenza di un valido rigoglio artistico strutturante e, in verità connaturato. In questa prospettiva l’imponenza di ogni caleidorama riesce inevitabilmente a catturare l’attenzione del / della riguardante, emanando tuttavia – volta per volta- una certa sobrietà fluttuante. In effetti il tremore a cui fa riferimento il titolo della mostra, scorre in maniera sciolta e poetica come un punto di forza sostanziale, frutto di una gravitazione rapida e calma al contempo.

La luce movimentata e abilmente sospinta va a generare un alone di speranza che traduce probabilmente il residuo di un sogno inesplorato. La varietà dei moduli proposti produce risposte interiori che agiscono come effettive diramazioni.

Il passaggio dalla luce al tempo è produttivo, fondato su una trasmissione di sprazzi di verità fugaci. Le visioni di Eliasson convocano un presente-futuro scorrevole, sottilmente amalgamato e dotato di una voce consustanziale, che sedimenta una poeticità universale.

 

Coordinate:

Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea

Piazza Mafalda di Savoia

10098 Rivoli – Torino

Tel. +39 011.9565.222

info@castellodirivoli.org

www.castellodirivoli.org

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anna Laura Longo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anna Laura Longo, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Arte ] L’eloquenza del segno (Pubblicato il 04/06/2024 10:45:14 - visite: 112) »

:: [ Arte ] Il criterio di dissoluzione nell’arte di Anselm Kiefer (Pubblicato il 06/02/2024 15:18:22 - visite: 205) »

:: [ Arte ] Il criterio di dissoluzione nell’arte di Anselm Kiefer (Pubblicato il 06/02/2024 15:16:47 - visite: 120) »

:: [ Musica ] La perfettibilità mozartiana indagata da Alfred Tomatis (Pubblicato il 22/03/2023 13:35:04 - visite: 361) »

:: [ Cinema ] Il malinconico garbo di Ruth Beckermann (Pubblicato il 06/12/2022 14:00:10 - visite: 257) »

:: [ Musica ] Nel sussurro perdurante di Éliane Radigue (Pubblicato il 21/06/2022 12:56:08 - visite: 267) »

:: [ Musica ] Suono saldo, magmatico, proiettivo in Fritz Hauser (Pubblicato il 13/04/2022 08:45:37 - visite: 323) »

:: [ Danza ] Un’attestazione di esistenza (Pubblicato il 08/03/2022 17:22:40 - visite: 382) »

:: [ Musica ] Inatteso e denso viatico (Pubblicato il 27/12/2021 10:59:16 - visite: 455) »

:: [ Musica ] Suggestioni dal festival ManiFeste di Parigi-edizione 2021 (Pubblicato il 13/07/2021 13:38:03 - visite: 1057) »