:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 48 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Nov 27 06:01:50 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’arte di Nicola Rizzo

Argomento: Pittura

di Giacomo Dimatteo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2023 22:16:05

Finalista dal 2017 al Concorso nazionale di poesia “Versi sotto gli irmici” il pittore cilentano Nicola Rizzo. Il Pittore Nicola Rizzo, di origini cilentane, presente nella pittura italiana da parecchi anni, vive a Oderzo (TV). È noto per le numerose Mostre allestite soprattutto nel Veneto e nel Cilento, sua terra di origine. È ammirato per la sua originale visione dell’Arte pittorica, incentrata sulla soavità, sull’ enfasi della luce, sulla ricchezza dei dettagli e sulla finezza inimitabile dei colori. È stato premiato in molte occasioni, ma un premio importante e significativo, gli è stato conferito quasi ogni anno, dal 2017, in occasione del Concorso nazionale di poesia “Versi sotto gli irmici”, qualificandosi sempre finalista. Ciò significa che la sua pittura, secondo il Regolamento, a seconda dei soggetti proposti, è fortemente legata ad una “poesia finalista” che il suo dipinto ha ispirato. Questo dimostra che un buon artista sa comunicare, con lavori emozionanti e significativi, i messaggi che ha voluto inviare. L’Artista ha immortalato Venezia con incantevoli tele, apprezzate da grandi Critici d’Arte, ma il suo cuore non ha dimenticato il Cilento, per cui molte opere ritraggono suggestivi angoli o persone della sua terra natìa. La casa editrice “Electa” ha visionato molte opere del nostro Artista e per questo lo ha scelto per la pubblicazione di una sua Monografia in Italia e fuori nazione. Dal 2019 è possibile visionare “SOGNI POSSIBILI”, una prima, interessante monografia d’arte figurativa, intrisa di cultura, poesia, spiritualità e bellezza onirica. Davanti agli occhi si presentano figure religiose e immagini di rara bellezza, paesaggi di città, di campagna e di montagna, nature morte, animali o pregiatissimi mosaici. Oltre al suo profilo artistico e biografico, trasmette il suo animo, i suoi sentimenti, le sue emozioni. Il dipinto “I TEMPLI DI PAESTUM” (olio di lino su tela, cm 90x140), è un angolo di storia italo-greca, presente non solo nel Cilento, immortalata dal Pittore con maestria e affetto, che affascina lo spettatore con la sua soave luminosità. Il tempio di Poseidone e la Basilica, con la loro maestosità, proiettano il “lettore” in un passato lontanissimo e testimoniano di una civiltà che tanta magnificenza ha lasciato nell’Italia meridionale. In ogni angolo della “Magna Graecia” il Passato risalta davanti agli occhi e lo stupore invade l’animo emozionato di chi guarda. Il Presente, rappresentato dalle mongolfiere, scende dal cielo e i colori in movimento contrastano con l’azzurro che lo avvolge. La modernità si adagia con dolcezza e rispetto tra le pietre millenarie. Il tutto è perfetto: il Progresso si “sposa” con l’Arte classica e i ruderi, inondati dal sole, mostrano i resti di un Passato visibile e lasciano intuire quello “invisibile”, presente ancora nel sottosuolo, che ci proietta nel Futuro, allorquando sarà riportato alla luce. E il fico, in primo piano, che c’entra? È il legame tra il Presente (le mongolfiere) e il Passato (i templi), poiché esso è una pianta di origine greca. Il Pittore mi sembra che abbia voluto trasmettere il legame nella Storia della “triade” del Tempo, che in fondo è un tutt’uno. Il Presente, senza i valori del Passato, non ci permette di costruire il Futuro. Velina, novembre 2023 Giacomo Di Matteo


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giacomo Dimatteo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Giacomo Dimatteo, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Arte ] Mostra del pittore cilentano Raffaele Di Matteo (Pubblicato il 27/03/2023 17:07:30 - visite: 192) »

:: [ Arte ] Inaugurazione atelier di pittura a Gioi (Pubblicato il 19/12/2022 13:50:56 - visite: 186) »

:: [ Arte ] Il pittore Nicola Rizzo premiato a Venezia (Pubblicato il 01/12/2022 21:11:18 - visite: 165) »

:: [ Letteratura ] Recensione a Risveglio di Bianca Fasano (Pubblicato il 10/05/2022 14:53:14 - visite: 127) »