:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 218 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Feb 20 17:08:48 UTC+0100 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Flavio Ermini ’Antipensiero’ una favola contemporanea.

Argomento: Libri

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/12/2023 15:00:01


Flavio Ermini “Antipensiero” una favola contemporanea – Moretti e Vitali, 2023.

Il ‘non luogo’ è indubbiamente il nostro luogo attuale, afferente alla contemporaneità della illusorietà in cui ci troviamo a vivere, dove volenti o nolenti attraversiamo una frontiera, o meglio la soglia di un ‘altrove’ vicino e attuale che produce effetti di ritenzione ma anche di esclusione egualitari. In breve crea ‘mondi’ inusitati nella nostra coscienza, dove i sogni vanno ad occupare il ‘non luogo’ delle affabulazioni, facendosi spazio negli interstizi dell’ “Antipensiero” che per elucubrazione intellettuale finora non avevamo coltivato, ma che pure esiste nei preamboli che scriviamo nottetempo sui taccuini della memoria.
Avviene così che “nel cercare di corrispondere alla muta eccedenza di senso che va oltre le parole” (*), Flavio Ermini, autore di questa “Fabula” antica e pur sempre nuova, approda alla soglia di quell’ “altrove poetico” che gli è più caro, a cui ha dedicato tutta la vita spendendosi nella ricerca e nell’affermazione delle molteplici ‘voci’ che rendessero alla Poesia quella luce che la distingue dalle altre arti. Al contempo liberandola definitivamente dalle spore della disillusione di una individualizzazione fin troppo artata, verso il necessario cambiamento, “trasportando in parole quelle cose dal silenzio del mondo”(*), verso un nuovo sé universale.
Avverte l’autore: “Antipensiero è il nome dell’astronave che il bambino ha inventato per andare su una terra diversa da quella da lui finora vissuta. Antipensiero è anche il nome del Pianeta da raggiungere per vivere una vita diversa da quella finora vissuta.” Ma noi che leggiamo sappiamo, pur senza condividerlo, trattarsi di un invito a fuggire, senza perdere necessariamente coscienza della realtà, anzi assorbendo la funesta realtà vigente sulla terra (guerre, bombardamenti, macerie ecc.). Sì che si deve inventare una “Antiterra” , un non-luogo in contrasto con il luogo effettivo in cui si vive sulla Terra, dove i due protagonisti, un ‘bambino’ e una ‘bambina’, riversano i loro giochi innocenti:

«Il gioco più bello era quello degli angoli. Lo giocavano spesso, era un gioco che serviva a mantenere i segreti. […] Le macerie erano il posto più bello dove giocare. C’erano sempre nuovi sentieri e nuove piante d’ortica che servivano a tenere lontano i grandi.»

Ma non era certo quello il problema più grande, era trovare il tempo e lo spazio per giocare in piena libertà; allora tornare all’astronave ‘Antipensiero’, piuttosto era se tornare o restare sul nuovo pianeta dove vivevano certi ‘filosofi’ indecisi: «La differenza riguardava esclusivamente l’elemento teorico. […] L’Antipensiero infatti si sviluppava avanti e indietro nel tempo, a destra e a sinistra nello spazio.»

Ma che la storia continui o finisse qui, ha poca importanza, va detto che in fondo ad alcuni sogni c’è un prima e un dopo inespressi, un senso di rottura e di meraviglia con cui nulla può confondersi col mondo reale. Non riusciremo mai a colmare di senso ciò che senso non ha, se non lasciando che i sogni attraversino quel ‘non-luogo’ dove infine un altro mondo è possibile, e non necessariamente davanti ai nostri occhi. L’insegnamento, se mai si possa insegnare ad essere poeti, è quello in cui è reso possibile confondere il proprio status mentale e abbandonarsi al sogno, le cui onde liriche e/o comunque sonore, si gonfiano sospinte ad andare più lontano, quell’andare ‘oltre e altrove’ che pur s’adduce ad ogni favola nel rovesciamento della realtà in cui si conduce.

“Ed eccolo l’istante tanto temuto, tanto paventato, tanto sognato, è qui giunto. […] E il tempo immenso si versa tutto intero sul suo limite con una determinazione per la quale non può che dissolversi senza lasciare traccia.” (**)

La fabula è qui in questo piccolo pregiatissimo libro di Flavio Ermini curato da Lucio Saviani che aspetta di essere letto per intero, non per tornare ad essere bambini, quanto per aiutarci a diventare grandi e “stabilire così un nuovo Essere” che sarà domani, o forse che non sarà mai.


Note:
(*) Introduzione al libro di Lucio Saviani.
(**) Antonin Artaud "L'arte e la morte" - L'Orma Editore 2023

L’Autore:
Flavio Ermini è poeta, narratore e saggista. Ha prestato il suo operato per Mondadori ricoprendo importanti ruoli editoriali. Consulente di alcune case editrici, collabora all’attività culturale degli Amici della Scala. Dirige dalla fondazione la rivista di poesia e ricerca letteraria Anterem. I suoi testi sono tradotti in francese, inglese, slavo, spagnolo e russo. Per Moretti & Vitali tra gli altri ha pubblicato “Il moto apparente del sole” (2006), “L’originaria contesa tra l’arco e la vita” (2009), “Il giardino conteso” (2016), “Edeniche. Configurazioni del principio” (2019), alcuni dei quali recensiti in Larecherche.it. Con Lucio Saviani dirige la collana “Narrazioni della conoscenza”.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] Cineuropa News - Festival Premi (Pubblicato il 18/02/2024 17:04:32 - visite: 20) »

:: [ Sociologia ] L’Altro come scelta - Parte prima. (Pubblicato il 04/01/2024 17:17:38 - visite: 95) »

:: [ Letteratura ] ‘L’Arte e la Morte’, libro di Antonin Artaud, L’Orma Editore (Pubblicato il 31/12/2023 18:56:19 - visite: 88) »

:: [ Fede ] Un Presepe per Tutti - Collage musicale e qualche verso (Pubblicato il 13/12/2023 06:22:43 - visite: 89) »

:: [ Libri ] ’Dirty Game’ a Black Novel by Sonny – Rise and Press 2022 (Pubblicato il 30/11/2023 08:22:06 - visite: 138) »

:: [ Sociologia ] L’Altro come scelta - ’autonomia individuale’ parte seconda (Pubblicato il 23/11/2023 16:55:53 - visite: 425) »

:: [ Cinema ] Black Nights - in collaborazione con Cineuropa News (Pubblicato il 17/11/2023 15:53:18 - visite: 134) »

:: [ Libri ] “Randon – La terra non trema”, un libro di Ruggero Settimo (Pubblicato il 13/11/2023 18:05:23 - visite: 134) »

:: [ Musica ] Mauro Sigura - ’Dunia’ S’ardmusic – Egea 2023 (Pubblicato il 01/11/2023 08:16:01 - visite: 332) »

:: [ Letteratura ] Marco Balducci … o la cognizione dell’ozio. (Pubblicato il 30/10/2023 10:57:46 - visite: 216) »