:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 724 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Nov 29 13:42:57 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Domenica mattina , ferragosto

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/03/2015 19:02:15

 

 

Apro gli occhi. La luce è vasta e penetrante, nonostante sia suddivisa dagli spioncini dell'aria sulla tapparella. Oggi è il primo giorno che ho sentito freddo da quando ci ha abbandonato l'inverno ; un lieve sentire d'un brivido d'aria piuttosto che le freddure pungenti dell'inverno , ma che colpisce dritto nell'anima. Resto là a subire la situazione nonostante sia davvero tutto molto scomodo : questa luce divisa, questo freddo e una nausea da premio nobel. Sono le 8.24. E' strano , dovrei dormire visto gli orari a cui mi sottopongo. Speravo fossero solo le emicranie ma ora si aggiunge anche questo dolore allo stomaco , un dolore lancinante che non so da dove  provenga. Più passano i minuti e più sento che non vorrei esistere. Un vero e proprio momento di panico mentale ; nonostante la nausea e il debole, classico, immancabile mal-di-testa. Rigirarsi nel letto tenendo gli occhi chiusi, sperando che tutto cambi con poco, non serve. Penso che se urlassi sarebbe meglio. Urlare come un soldato in zona di guerra che si carica e poi và all'attacco, sprezzante per le paure e le ferite, mentre il cervello suggerisce di non muoversi. Ma diamine, non posso urlare ora , sveglierei tutto il vicinato. Potrei ascoltare qualche canzone, quelle che ascolto in momenti come questi , momenti in cui qualcuno può urlare per me. Sarà forse questo il motivo per cui apprezzo più che ammirare, un determinato genere di musica. Ogni volta mi chiedono : " come puoi ascoltare simili oscenità e gruppi del genere? " e sempre trovano in me un sorriso che dice : "Li ascolto per necessità..." questa necessità. Urlano per me quando non posso io. E non è che uno sfogo. Per tutta la casa e per l'intera planimetria tutto è molto simile ; un malriposto senso di solitudine accompagnato dal consueto "piccolo freddo" di prima. L'alba c'è già stata , inutile aspettarla. Nonostante mi concentri a scrivere tutto ciò , a pensare belle frasi del cazzo da scrivere ,a sperare che qualcuno legga e mi pensi, non riesco a distrarmi dai miei demoni interiori. Peccato, per un secondo sembrava funzionale.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La vita smette di esistere con Jean presente (Pubblicato il 13/10/2021 13:19:39 - visite: 75) »

:: Risposta automatizzata - All’utenza che esegue reazioni def (Pubblicato il 10/10/2018 15:10:36 - visite: 279) »

:: Tentativi dell’accendino che servono nell’epilogo (Pubblicato il 20/12/2017 23:19:03 - visite: 507) »

:: Alighetoù nel presente (Pubblicato il 11/12/2017 18:11:39 - visite: 374) »

:: La teoria della stalla di Mr Fred (Pubblicato il 05/12/2017 15:26:43 - visite: 411) »

:: Il raggiungimento di Mr. Nick (Pubblicato il 25/11/2017 15:32:51 - visite: 550) »

:: Duello tra memorie (Pubblicato il 30/09/2015 21:10:01 - visite: 785) »

:: E ti vengo a cercare (Pubblicato il 29/05/2015 13:46:52 - visite: 603) »

:: Pensieri natalizi per diverse categorie (Pubblicato il 10/03/2015 19:37:53 - visite: 590) »

:: Tutto in due secondi (Pubblicato il 08/03/2015 19:06:24 - visite: 752) »