Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Spettro

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/05/2020 17:24:43

SPETTRO

Era rimasta contrariata. Non rispondere ai messaggi non rientrava nelle sue categorie, ma ne prendeva atto. Che le persone avessero il diritto di esprimersi come credevano era cosa giusta, ma ciò non toglieva che fosse molto difficile accettare le diversità.
Aveva tessuto l’elogio del passato e ci teneva a una considerazione da parte del destinatario, pur temendo che potesse dire: “Sarebbe stato meglio che tu non ti fossi fatta prendere da fantasie”.
Purtroppo in quel periodo aveva esaurito tutte le riserve, in termini di pazienza, comprensione e fiducia, compresa anche la fiducia nel futuro, e perciò tendeva a ingigantire le contrarietà.
Inoltre, l’aveva infastidita sentirsi dire: “Ha ragione il professore” riguardo a un lavoro che il ragazzo stava svolgendo . Che era suonato nella corda di un retro pensiero come: “Ha ragione il docente universitario non l’insegnantina presuntuosa, fragile, e retrograda ”.
Sapeva anche lei che un corso deve insegnare delle specifiche competenze, altrimenti rimane vaghezza, ma la sua idea era che, da qualche parte, la Scuola doveva orientare verso i contenuti e, se possibile, anche verso i sentimenti. E magari i docenti che occupavano una posizione apicale avrebbero potuto, in qualche modo, indicare rimedi ai danni che erano stati prodotti nel corso dei cicli scolastici. Per converso, le era piaciuto come aveva agito un professore del Liceo che, notando l’ impronta di un tecnicismo arido nelle linee didattiche, compreso l’insegnamento di lettere, aveva avuto il coraggio di accantonare il disegno geometrico per proporre, invece, Storia dell’Arte, trasmettendo fior di idee e contenuti, senza farsi scomporre dalle polemiche che naturalmente si erano levate.
Ma era passato del tempo. E tutto aveva perso la sua forza.
Lei immaginava che lui stesse pensando perché lo avesse scelto come obiettivo cui indirizzare i pensieri e, purtroppo, l’età dell’ indifferenza e della sfiducia, in cui si sentiva immersa, la portava a percepire remota ipotesi che l’interessarsi all’altro e investirlo di un ruolo potesse far piacere.
Forse, dopo diversi giorni, sarebbe arrivata una ragionata esatta educata risposta. Ma poi sarebbe seguito il solito silenzio e quindi lei avrebbe sollevato altre questioni e così a seguire, fino a chissà quando, mentre procedeva come uno spettro nella nebbia ghiacciata.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Animata (Pubblicato il 03/06/2020 10:07:32 - visite: 57) »

:: La normalità della lontananza (Pubblicato il 24/05/2020 14:08:04 - visite: 68) »

:: Ineluttabile (Pubblicato il 12/05/2020 21:18:20 - visite: 76) »

:: Limiti (Pubblicato il 24/04/2020 15:10:52 - visite: 115) »

:: L’assenza (Pubblicato il 12/04/2020 20:03:07 - visite: 102) »

:: La scelta (Pubblicato il 08/04/2020 15:05:56 - visite: 100) »

:: Ascesa (Pubblicato il 05/04/2020 18:13:50 - visite: 93) »

:: Una giornata come tante altre (Pubblicato il 26/01/2020 16:20:20 - visite: 149) »

:: Nodi (Pubblicato il 10/01/2020 18:51:29 - visite: 165) »

:: Andreas (Pubblicato il 08/01/2020 14:44:08 - visite: 161) »