Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 110 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 30 22:26:10 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Odio

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/07/2020 14:06:23

ODIO

Beatrice oggi si è sentita molto inquieta: forse per il caldo, forse per le preoccupazioni del figlio. Giacomo considera inaccettabili i nuovi patti dei contadini e rifiuta di sottoscriverli. Ma, adesso, è inquieto e muto. E ha passato tutto il pomeriggio a tracciare segni con la canna di bambu nel ghiaino del vialetto.
Anche il setter pare nervoso, come se captasse nell’aria qualcosa, e va avanti e indietro dal cancello all’uscio, scodinzolando a Reginaldo che rievoca l’infanzia per trovare serenità. Ha adocchiato un porcospino sotto l’elce e non sa se lasciarlo libero di muoversi nel parco o metterlo nella gabbietta, per poterlo osservare come faceva da bambino.
Sono passati tre mesi dalla Liberazione e tutto è terribilmente difficile e impedito.
La Confederazione del Lavoro ha respinto l’ipotesi di ridiscutere con i mezzadri le ripartizioni dei prodotti della terra, ma ciò ha acceso l’ostilità degli ex partigiani.
La contessa è preoccupata e pensa che, per fortuna, Luigi è ritornato da Salò. La tessera rilasciata da Pasi, attestante l’estraneità del figlio alle attività del Partito, sembra essere una garanzia. Silvio lo sa che Filippo Anfuso era Filippo Anfuso e che Luigi Manzoni Ansideri è stato suo segretario di nome ma non di fatto.
Imbruna. Il vento, che si è levato, fa stormire le chiome degli alberi e si caccia tra gli interstizi delle grondaie producendo un rumore che sa di ululato.
Giacomo dal cancello, dove ha appena finito di parlare con qualcuno, guarda verso la facciata della villa quattrocentesca: pensa alla fortuna di poter godere di quella bellezza elegante e austera.
Beatrice è salita al primo piano a chiudere le persiane rimaste aperte, mentre Francesca raccoglie per la seconda volta i vasi di begonie rotolati sul piancito.
Che cosa porterà questo vento nell’estate della Liberazione?
Beatrice guarda per un attimo da una delle finestre: Giacomo è ancora fuori, nel parco, mentre Reginaldo ha raggiunto Luigi che consulta delle carte nello studiolo.
Sono quasi le nove di sera quando due automezzi sono fermi davanti al cancello.
Il setter abbaia furioso. Beatrice ha sentito e scende le scale. Esce all’esterno e vede Giacomo che fa entrare quattro uomini nel cortile. Lei li conosce: c’è quel suo mezzadro, Amelio, e gli altri sono ex gappisti.
Anche Reginaldo e Luigi sentono il ringhiare del cane e escono.
Adesso sono tutti fuori. Beatrice sussulta dentro il suo abito scuro.
Che cosa vogliono questi uomini? Niente, delle firme presso la caserma dei Carabinieri: c’è una situazione da regolarizzare.
Come? A quest’ora?
Giacomo non ci crede. Vuole entrare in casa e arretra verso l’uscio. Reginaldo e Luigi gli sono a ruota. I visitatori insistono: dicono che tutta la famiglia deve andare con loro.
Giacomo, Luigi e Reginaldo si oppongono: chiedono di rientrare nella villa. In una stanza ci sono delle armi. Tante. Beatrice non vuole che si sappia del deposito, non vuole che i figli le impugnino.
-No, Giacomo! No!
È una donna dolce e devota. Vuol pensare che si tratti di un chiarimento. Si aggrappa alla parola data da Silvio Pasi: “A voi non accadrà mai niente!”
I figli obbediscono e salgono assieme alla madre sulle due automobili. Anche la domestica deve seguirli. In una vettura ci sono Giacomo e Luigi, nell’altra Beatrice, Francesca e Reginaldo.
Le macchine percorrono qualche chilometro di strada, poi si fermano in mezzo alla campagna. Sono arrivati in località “La Pianta”. Devono scendere.
È quasi completamente buio, ma si distinguono ancora le sagome degli uomini.
Nessuno ora ha dei dubbi.
Uno degli ex gappisti , il più alto, estrae la pistola. Gli altri dispongono gli ostaggi in fila lungo la linea di un fosso asciutto.
Beatrice prega. Ha tolto dalla tasca dell’abito scuro la corona del Rosario. Si sforza di non guardare le espressioni dei figli che sono tre blocchi di ghiaccio immobili sull’argine.
I colpi di pistola si succedono veloci l’uno dietro l’altro.
Per le donne, la contessa e la domestica, non vengono neppure sprecate le munizioni: sono sufficienti i bastoni. Il setter verrà sistemato più tardi.
Lei, Beatrice, ha già perdonato. Lo testimonieranno al processo.
Loro, partigiani o no, si sono macchiati, invece, di sangue innocente.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Attesa prima di... (Pubblicato il 20/09/2020 12:13:36 - visite: 39) »

:: Animata (Pubblicato il 03/06/2020 10:07:32 - visite: 100) »

:: La normalità della lontananza (Pubblicato il 24/05/2020 14:08:04 - visite: 106) »

:: Spettro (Pubblicato il 15/05/2020 17:24:43 - visite: 115) »

:: Ineluttabile (Pubblicato il 12/05/2020 21:18:20 - visite: 124) »

:: Limiti (Pubblicato il 24/04/2020 15:10:52 - visite: 151) »

:: L’assenza (Pubblicato il 12/04/2020 20:03:07 - visite: 131) »

:: La scelta (Pubblicato il 08/04/2020 15:05:56 - visite: 130) »

:: Ascesa (Pubblicato il 05/04/2020 18:13:50 - visite: 127) »

:: Una giornata come tante altre (Pubblicato il 26/01/2020 16:20:20 - visite: 176) »